-  [WT] [Home] [Cerca] [Impostazioni]

Nome
Email
Soggetto   (new thread)
Messaggio
File 1 []
File URL 1
Embed   Help
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati:
  • Dimensione massima del file: 1000 kB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridotte.
  • Attualmente ci sono 274 post unici. Visualizza catalogo
  • Blotter aggiornato: 2010-04-28 Mostra/Nascondi Mostra tutto

No. 2046 hide watch expand quickreply [Risposta]
Giù in città c'è un club molto esclusivo. C'è quasi in tutte le città, ma bisogna sapere dove cercare.
Se riesci a trovarlo, non t'illudere di essere già a un buon punto. Nonostante sia difficile.
A vederlo, di solito, è una bettola. Passa del tutto inosservato; una porticina di legno scuro, rettangolare, squadrata, pulita, in vicoli che puliti non sono. Un occhio attento nota subito il contrasto, ma non pensare che sia così facile. Bisogna farci un po' d'allenamento.
La cosa veramente strana è che si tratta di un club di appassionati di filosofia. Se la filosofia non ti interessa, puoi anche smettere di leggere queste istruzioni. Non è roba per te. Devi avere una visione d'insieme, capisci. Poesia, arte.
E così all'esterno, dicevo, c'è questa porticina. Fuori, sul muro, c'è sempre una locandina, un'immagine con quattro scritte, che dice quale sarà l'argomento della serata. In realtà è del tutto irrilevante, la cambiano ogni settimana.
Entri, e ti trovi in questa mostra d'arte. Uno stanzone ben illuminato, i quadri alle pareti, persone immobili in giacca e cravatta con le mani dietro la schiena. Qualcuno cammina da un'opera all'altra. Se vedi un giovane con la faccia confusa, è lì lì per uscire. Anche tu dovresti essere confuso a questo punto. Nessuno sta parlando, niente dibattito, niente di quello che ci si aspetterebbe di trovare in un club di filosofia. La maggior parte dei nuovi a questo punto esce, non essendo interessata, o pensando di aver sbagliato qualcosa. O che chi ha messo la locandina abbia sbagliato qualcosa, o il loro informatore. L'informatore è quello che ti parla del posto. Chi lo trova da solo di solito esce subito. Nessuno sa come abbiano fatto i primi, nessuno sa quando o da chi sia partito tutto.
Non importa, dicevo, se però vuoi andare fino in fondo tu devi rimanere lì. Fare finta che sia tutto ok. Ti guardi intorno, e inizi a cercare un'opera. Non c'è un criterio, purtroppo. Dev'essere l'opera della serata. A volte è quella nell'angolino buio a cui non bada nessuno, altre è quella al centro con tutta la gente immobile intorno, in piedi. Dipende da quanto sono buoni i guardiani quella sera.

Messaggio troppo lungo. Clicka qui per vedere l'intero messaggio. Espandi Thread
18 posts omessi. Clicka Risposta per vederli.
>> No. 2189
>>2188
Sì, ho solo corretto qualcosina. A livello di contenuto il finale rimane quello, ora sto scrivendo altri due romanzi brevi che spero di postarvi appena possibile.
>> No. 2350 SALVIA!
Perché è tornato su?
>> No. 2717
9/10
>> No. 2723
>>2047
ho un' enorme fantasia, amo il pensiero, la ragione, agire col cuore e non con la mente che perseguendo la sua felicità è diventato lo zimbello per tutti (o almeno crede di esserlo) con una storia da raccontare che con un suo mentore sconfiggerà le insidie della giungla piena di iene lupi e sogliole con pungiglioni mortali(è così che amo chiamarli) pronti a sbranarsi gli uni con gli altri per soddisfare il proprio ego. MA è QUANDO IL LUPO INCONTRA LA PECORA DI ANIMA BUONA CHE HA VISSUTO CON LORO CHE ACCADE L'INSPIEGABILE
Ti chiedo di guidarmi; questo è il trailer della mia vita e per quanto possa sembrare finzione è come vivo e la vivo .
Se ne hai la possibilità e la volontà mi piacerebbe poter parlare con te ho molte domande sul mio modo di vedere il Mondo e so che insieme potremmo darne una risposta
>> No. 2750
Bumpo una cosa letta millenni fa e che mi piacque molto. La lentezza di questa board non la farà sparire mai, ma merita comunque di tornare per chissà quanto a pagina uno. Grazie OP, spero tu esista ancora (e non sia diventato Scanzi)


No. 2749 hide watch quickreply [Risposta]


No. 2630 hide watch expand quickreply [Risposta]
Ho pensato di proporre un gioco di haiku.
vediamo cosa esce fuori.
ci si può dare un genere di base o lasciar scorrere le parole.

haiku è un tipo di poesia giapponese simile a una “pittura con le parole”. Ha uno schema di 5+7+5 sillabe ed è molto amata e praticata da tutti i giapponesi. E anche da molti non giapponesi, in effetti.

alcune mie preferite :

senza far rumore,
nella pianta di risso
s'insinua il bruco

Hattori Ransetsu

il tetto si è bruciato:
Messaggio troppo lungo. Clicka qui per vedere l'intero messaggio. Espandi Thread
17 posts omessi. Clicka Risposta per vederli.
>> No. 2714
>>2713

Ma schiuma fa dittongo?
>> No. 2722
Il tuo culo
mio porto sicuro
nella tempesta
>> No. 2739
cicicci coccò
due civette
porcoddio lol
>> No. 2740
abbiamo cinque
eccone altre sette,
questo è un hai-
>> No. 2748
Da Dislessico
Faccio fatica boia
Vabbé ci provo


No. 2746 hide watch quickreply [Risposta]
Dopo le palpitazioni, a volte, c'è un momento in cui il mio corpo si ferma. Succede dopo il panico, il parossismo, i metri fatti in circolo nella stanza; dopo le ore a scrutare l'orizzonte chiuso dalle mura, cercando una via di fuga come un animale braccato. Il mio corpo si ferma ma prima non sapeva dove stare, sentiva la gogna e l'onta tremenda dell'occupare spazio, dell'esserci semplicemente. E in questo momento galleggio e sento la paura scivolarmi sulle guance e i muscoli disintrecciarsi. Avverto le onde dietro la mia schiena. Gli occhi lacrimano, non più irrigiditi dalla pressione dell'angoscia. Forse è come si sentono i cavalli stramazzati.
Quando succede torna il ricordo di Chiara che mi mantiene la testa e se la mette sulle gambe, gioca con i miei capelli e sorride.
"Gli uccelli si stancano di volare, come gli uomini di camminare". Quando sarà tutto finito spero di sentirmi così.


No. 2744 hide watch quickreply [Risposta]
Ciao a tutti. Scrivervi parte da un'irrequieta voglia di condividere qualcosa con voi(ci tengo a precisare che con "voi" non intendo voi che navigate in questo sito, piuttosto "voi" tutti che leggete questo messaggio) e Diochan, in quanto garantisce l'anonimato di chi scrive, mi è sembrato il sito più funzionale per condividere pensieri di questo tipo. Il bisogno dell'anonimato nasce dal non voler associare queste parole a qualcuno o a qualcosa, ma piuttosto a "nessuno", un nessuno che può essere chiunque: puoi essere tu, può essere lui, possono essere tutti ma soprattutto può essere qualsiasi cosa tu possa concepire, anche qualcosa che non esiste, qualcosa che non c'è, ma nello stesso momento in cui tu la pensi nasce, ed esiste. Ero indeciso sul dove condividere il mio pensiero (ero indeciso anche sul se condividerlo, ma la voglia è troppo forte e non ce l'ho fatta), non sapevo se fosse più adatto questo sito o qualche altro. Poi ho scelto questo. Ho scelto questo perché qui vedo vita, vedo riflessioni, vedo critiche, insulti, immagini porno, immagini schifose, insomma vedo di tutto un pò, ed è proprio di questo che ho bisogno. Lasciando perdere tutto ciò, ora passiamo al dunque. Il motivo per cui ti sto scrivendo deriva dal fatto che penso di aver capito qualcosa, ma ancora non so cosa. Ho visto, toccato, assaporato, pensato una dimensione che ancora non riesco a descrivere, penso che sia un qualcosa di indescrivibile qualsiasi sia lingua con cui te ne possano parlare. Dirai tu: "E a me che cazzo me ne frega a me?" -cit. Lo so. Non so neanche io sinceramente perché ve ne parlo. Ma vi posso dire che è come quando vieni a conoscenza di una cosa allucinante e hai bisogno di condividerla, perché sei troppo eccitato per trattenerti. Come vi dicevo non è una dimensione vivibile con la descrizione scritta della stessa, piuttosto è vivibile unicamente vivendola, e ciò parte dalla nostra soggettività; non puoi concepire o comprendere a pieno ciò che deriva da un'altra persona che non sia te. Ognuno è se stesso, è per questo ci si può solamente limitare ad osservare. La parola più appropriata per definire questa mia sensazione è CONSAPEVOLEZZA. Non so perché l'ho scritta a lettere maiuscole. Mi sa di qualcosa di importante. Comunque per consapevolezza intendo un "essere consapevoli" che riguarda il sapere di essere qui, in questo preciso istante, lo stesso istante in cui io sto scrivendo e tu stai leggendo; due fatti temporalmente sconnessi, che per il tempo in cui tu impiegherai a leggere queste parole, avverranno esattamente contemporaneamente. Esatto, molla le concezioni di tempo e spazio che i Fisici ti hanno fornito, solo per quest'attimo (Attenzione: non sto dicendo di screditarle o quant'altro, sto semplicemente dicendo di non "prenderle troppo seriamente", sii consapevole del fatto che esistono, ma non far in modo che questo condizioni la TUA visione delle cose). Leggi questo messaggio in maniera consapevole, cioè leggilo pensando che adesso sei qui e lo stai leggendo, e non al fatto che potrebbe essere una perdita di tempo farlo o quant'altro, poi se pensi che lo sia molla tutto e ciao, chi sono IO per dirti che tu devi fare una cosa. Tutto questo discorso per farti capire che se fai una cosa, senza avere pregiudizi su di essa ti stai unicamente limitando ad osservare, una cosa che in pochi sanno fare, per lo meno IO ancora non ci riesco, sono troppo ubriaco di pregiudizi e ne sono consapevole, l'ho osservato, cioè ho osservato che penso di sapere troppe cose su tutto ciò che mi circonda ma in realtà non so niente. Un niente che equivale a tutto: Quante cose possono essere niente e quante cose possono essere tutto? Infinite. Ed è qui il succo del discorso. Smetti di pensare per un attimo, sii semplicemente quello che sei un osservatore. I tuoi occhi sono come finestre, come un buco della serratura. Vedi, sì, ma non vedi tutto ciò che è, come realmente è. Ne vedi solamente una minima parte. Vivi esattamente l'attimo che stai vivendo e smettila di dar credito ai pensieri che vagano nella tua mente, osservandoli, razionalizzandoli e capendoli. Ora mi è passata la voglia di scrivere, appena mi riverrà lo rifarò. A presto, forse.

Messaggio troppo lungo. Clicka qui per vedere l'intero messaggio. Espandi Thread
>> No. 2745
Se siamo tutti osservatori:chi cazzo fa le cose?.
Poi mi vien solo dire:falso Nichilismo caratterizzato da una scarsa logica.


No. 2743 hide watch quickreply [Risposta]


No. 2737 hide watch quickreply [Risposta]
Stay tuned
>> No. 2738
sono tutto tuned per te oppì
>> No. 2741
Cosa significa cringe esattamente?
>> No. 2742
>>2741
la sensazione che hai quando guardi una persona imbarazzarsi da sola.
>anon su diochan


No. 2689 hide watch expand quickreply [Risposta]
Ma quanto fa cagare /scr/?
Una cazzo di board egocentrica, EGOCENTRICA, dove postiamo tutte nostre storie e basta, il resto son fantasmi.
Un po' di discussione, che ne dite?
Discutiamo di più, aiutiamoci, miglioriamoci.
Voglio cominciare io dai.
Cosa significa trama?
Cos'è una buona trama?
Molti credono che una bella trama sia il colpo di scena finale strafigo.
È veramente questo?
Non preferite una successione di eventi che porta in avanti la storia e, soprattutto, che cattura il lettore?
3 posts omessi. Clicka Risposta per vederli.
>> No. 2705
>>2696
Sarà un luogo comune, ma alla realtà ci va MOLTO vicino.
Tanto si farebbe prima a prendere la parte /lit/ di /litness/ e portarla qui. Almeno ci sarebbe un po' di coerenza e varietà.
>> No. 2707
>>2705
>unire /scr e /lit
Bellissimo, darebbe vita a una board carina, interessante e popolata.
>> No. 2708
>>2707
ODDIO

/scr/ dà segni di vita!

Abbattetela prima che soffra troppo.
>> No. 2730
Una buona trama deve avere tutto quello che è necessario per rendere interessante un libro o un film: personaggi con ideali, ben caratterizzati, trama originale ma non surreale e, ovviamente, un finale coi fiocchi.
Per avere un capolavoro, miscelare il tutto in modo omogeneo
>> No. 2736
Discutiamo sul fatto che la maggior parte dei racconti che vengono pubblicati su internet sono porno, erotici o comunque scritto a scopo di libido?
Una parte minore ha pretese politico-filosofiche narcisistiche.
Io ammetto di aver scritto in entrambi questi modi.
Discutiamo anche di come farsi leggere su internet sia difficile. Tutti scrivono qualcosa, pochi la leggono.
Diversamente potremmo scoprire che esistono storie espresse unicamente a parole che sono allo stesso livello di una buona serie tv.
Io sono uno di quelli che le storie su internet le pubblica ma raramente legge quelle degli altri, anche perché non riesco piu' a leggere narrativa con interesse da anni.


No. 2728 hide watch quickreply [Risposta]
Buonasera, ragazzi. Volevo chiedervi un consiglio su una storia che sto creando.
Essa ha per protagonista un ragazzo che decide di iscriversi nella Facoltà di Lettere e ne passa di tutti i colori. Questo è l'incipit della storia, quindi, ovviamente, è ancora incompleto.
Spero vi possa piacere e buona lettura


"Avanti, ragazzo mio, è il tuo momento. Scegli."

Osservo una figura piuttosto anziana: negli occhi ripone grande speranza e determinazione. Sposto il mio sguardo: uno schermo bianco che riporta alcune informazioni e direttive.

Università di Chetone

Studente: Luciano Leone

Potenzialità: Non ancora iscritto

Messaggio troppo lungo. Clicka qui per vedere l'intero messaggio. Espandi Thread
>> No. 2729
Ti rendi conto?"

"Andiamo, Ratio, che sei pesante" risponde un'altra vocina "perlomeno è stato in grado di scegliere ciò che vuole fare sul serio."

"Non è stata affatto una buona scelta, sappilo."

Mi levo i pantaloncini che ho addosso e mi butto nel letto, intromettendomi nella discussione mentale:"Ci ho riflettuto ampiamente, lo avete visto chiaramente."

"Ciò non toglie che ti sei strozzato con le tue stesse mani."

"Che c'è? La preoccupazione di trovare all'istante un lavoro?"

"Esattamente. E la necessità di creare la propria indipendenza economica.

"Si troverà comunque una soluzione, stai super SERENO."
Messaggio troppo lungo. Clicka qui per vedere l'intero messaggio. Espandi Thread
>> No. 2735
Mi piace lo stile di scrittura ma la storia mi sembra manchi di mordente, sicuramente sono un cagacazzi paranoico io, ma non sento il bisogno di leggere altre storie sui tormenti interni di un giovane alle prese con le sfide del mercato globale.
A meno che questo capitolo serva solo a introdurre il protagonista dandocene grosso modo una prima impressione, nel qual caso lo immagino come uno che si specchia troppo in sé stesso.
Ripeto, non voglio cagare il cazzo, è una critica all'argomento della storia che però giustamente lo devi scegliere tu.


Cancella post [ ]
Password  
Report post
Motivo  
/r/ Archivio
Precedente [0] [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]