[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]

/aff/ - Affari

Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: business-plan-620x414.jpg (30,88 KB, 620x414)

 No.256

Com'è che si "fa impresa" o si gestisce un'attività?
Anon sa suggerire delle risorse per gestione del budget, business planning e chi più ne ha più ne metta? Conosco la certificazione CompTIA Project+, ma non mi sono mai addentrato nell'argomento anche se mi ha sempre incuriosito.

 No.267

Hai soldi di famiglia? Sei disposto a rubare allo Stato senza dare niente in cambio? Sei stronzo? Sei disposto a emigrare?

Se hai risposto 4 sì, sei pronto per fare impresa.

 No.279

>>267
Mi sembra un atteggiamento un po' vago, sinceramente.

 No.308

Avendo fatto il freelance tanti anni e avendo letto numerosi libri su come fare bizness, penso di aver imparato tanta roba non ovvia e non scontata. Poi ognuno dà importanza a quello che vuole. Comunque:

Solo perché sai come si fa qualcosa non significa che poi lo sai fare.
Esempio mandare a fanculo i clienti è essenziale se sei un fornitore, ma non è una cosa che sono bravo a fare e quindi fallisco duro e resto povero lavorando come uno schiavo.

Poi come tutte le cose devi iniziare e mentre fai leggi libri per capire come formalizzare ciò che impari e come risolvere i problemi che ti si pongono di fronte.
Vedi, se tu per esempio leggi un libro sui contratti senza mai aver lavorato, magari capisci quello che leggi ma te lo dimentichi domani. Se però hai lavorato, nel libro riconosci i problemi che hai avuto e quindi trovi possibili soluzioni.

Ricordati di non lavorare mai con amici, né come clienti e né come consulenti o come fornitori. Non perché ti vogliono fregare, anzi, ma perché non puoi mandarli a fanculo se fanno un cattivo lavoro, e nello stesso tempo non puoi farti mandare a fanculo se fai un cattivo lavoro tu e non è giusto cacciar loro questa soddisfazione.

Budget, business planning, ecc ecc sono minchiate per procrastinatori, perché sono microskill che acquisisci e sfrutti quando effettivamente hai testato le idee e hai visto come vanno le cose nella realtà, fare altrimenti significa farsi castelli mentali.

Infine ricordati che lo Stato e gli statalisti e gli economisti mainstream sono il tuo nemico numero 1. Scuola austriaca di economia con tocchi di Thomas Sowell (che infatti è il punto di partenza) sono l'unica via per capire come funziona la realtà in generale.
Poi essendo loro gli unici che trattano la scienza economica come value-free, cioè non fanno prescrizioni, ci puoi fare quello che vuoi sia per rapportarti con il mercato in generale che con gli Stati. L'economista medio ti fa millegrafici per giustificare questa o quella policy specifica. Gli economisti veri e seri, ti insegnano la regola generale e poi conoscendo la regola generale sai se quella policy che lo Stato ha messo può essere buona per te oppure un'inculata.
In generale poi penso che lo Stato va sfruttato il più possibile dove possibile, e senza farsi sgamare. Also impara a fare nero, che va saputo fare.

Buona fortua

ps. se invece volevi fare il manager, devi trovare il modo di inserirti nella classe manageriale. Lì contano titoli e capacità di leccare buchetti.Laurea in ingegneria gestionale oppure laurea in economia sono essenziali per fare carriera. Un manager non è un imprenditore, è un manager.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]