[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/b/ - Random

Email
 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: jpn159g.jpg (28,75 KB, 439x302)

 No.3921590

Anonimi scout ne abbiamo?
Sia chi ha fatto un anno ed è scappato, sia chi é diventato un capo, raccontate le vostre esperienze.

 No.3921594

File: anon scout.jpg (154,03 KB, 750x1334)

Mi hai ricordato un aneddoto bellissimo della mia gioventù che devo assolutamente condividere su DioChan (così bello che metto la salvia). Da piccolo mi costrinsero ad andare agli scout, esperienza ovviamente terribile per un Anon camerettato nell'anima. Mi stavano tutti perlopiù sul cazzo, tranne vacue eccezioni, ma quello che più mi stava sul cazzo era sicuramente il prototipo di un tipo di persone che avrei ritrovato spesso nella vita: il Precisino. Ecco, il Precisino non era certo chad, ma neanche ai margini dell'ecosistema come il sottoscritto. Il Precisino certamente contava sul suo essere bruttino ma pur tuttavia sempre pulito e ordinato (io invece sono classico belfaccino cocco di mamma che sboccia durante l'adolescenza, quindi all'epoca ero tipo il piccolo Lucio).

Il Precisino aveva una grossa importanza nell'ecosistema: bravo negli sport, bravo a montare la tenda, bravo a fare il fuoco, bravo a relazionarsi. Credo anche piacesse a una cicciona (io sapevo a malapena cosa fosse una ragazza all'epoca). Nessuno gli mancava di rispetto particolarmente non essendovi motivo, non era neanche antipatico o spione, ma non c'era neanche un vero motivo per rispettarlo, mentre io ero nell'esatta situazione contraria, dato che c'erano solo motivi per prendermi in giro per lentezza, pigrizia, inabilità TOTALE negli sport, goffaggine, mancanza della mamma, incidenti vari e anonitudine totale, al punto che una volta saltai un gioco volontariamente facendo il vago e il Gran Mogol dovette fare un discorso sull'importanza di giocare insieme essere una squadra, essere partecipativi bla bla bla, senza citarmi ma parlando proprio di me.

Tuttavia, capii il mio posto nel mondo, nonché il significato di CRINGE quando in una gita in solitaria un chad della squadriglia raccontò una barzelletta. A quel punto, il Precisino si mise esattamente a raccontare una filastrocca. Ci fu anche un goffo tentativo di interpretarla di fronte a tutti, scemato progressivamente di secondo in secondo di fronte al palese disinteresse del gruppo seduto in autobus, alla crescente consapevolezza della propria inadeguatezza come oratore nonché del palesarsi dell'ovvia verità: non solo quella non era una barzelletta, ma non vi era alcuna traccia di sordidezza o ironia in quelle parole, ma solo tutta la pedanteria tipica dei contenuti parrocchiani che i capi scout erano costretti a propinarci, e che speravamo di esserci lasciati alle spalle durante la gita.

La mia posizione sociale nell'ecosistema scautistico non cambiò mai (credo fossi l'unico a non aver ricevuto neanche una carica nella squadriglia), e certamente la gita non rappresentò un grosso breakthrough in questo senso. Tuttavia in queste gite uscivano spesso momenti di convivialità in cui persino un Anon come me poteva ogni tanto abbandonare lo status di Chicken Little e tirare fuori pezzi di personalità, seppur autistica, che mi permetteva di guadagnare la simpatia di qualche Chad, nonostante la differenza di età e status. Qui scoprii che eccellere in qualcosa non serve a niente se sei noioso, prolisso o pedante, insomma, incapace di rompere gli schemi. Alla fine nonostante l'anonitudine e la minore età nel sangue, i chad erano molto più benevoli nei miei confronti rispetto al Precisino, che scalava posizioni "gerarchiche" ma stava sotterraneamente un po' a tutti sul cazzo. Il mio vantaggio competitivo era nell'ironia (autistica, ma pur sempre ironia), nell'ignorare un po' tutti i meccanismi degli scout e sbattermene in generale del contesto, concentrato solo sull'esclusiva necessità di tornare a casa a giocare a Final Fantasy VIII.

Ebbi la conferma di tutto ciò quando i capi scout ci lasciarono con un budget di 10000 lire per comprare la pizza in un paesino del cazzo in cui eravamo finiti in gita. C'erano anche della paesanotte o qualcosa del genere e tirai fuori una frase delle mie frasi autistiche anche con loro, credo dicendo qualcosa del tipo "siamo vestiti come dei barboni ma non lo siamo davvero, lo giuro". Persino i chad di 15 anni già sviluppati non avrebbero potuto scopire nessuno in quelle condizioni (per dire, uno dei chad era scivolato su una roccia durante la discesa e caduto con la schiena dopo un letterale, mai vista una roba del genere, ero convinto genuinamente fosse morto quando l'ho steso tipo scarafaggio). Il Precisino ovviamente continuava a essere una vera e propria parete invisibile, quanto più il contesto diventava colloquiale e fuori dagli schemi del campo. La quest per la pizza si rivelò ben misera dato il budget, ma un piccolo gesto stupido mi dimostrò come alla fine far breccia nel cuore delle persone è più una questione di empatia che di capacità di eccellere o di aderire alle regole di un contesto.

Andando con il chad a comprare la pizza, questi disse che aveva parecchia fame e propose di mangiare anche alcuni pezzi degli altri. Ovviamente accettai subito, in quanto piccolo Lucio, e feci la cresta sul budget anche comprando una Coca-Cola. Può sembrare sciocco, e sicuramente lo era, ma quel piccolo gesto mi fece capire come il mio rapporto coi chad era molto più vero e umano, tanto che il chad dava per scontato che come lui avrei accettato subito di fare qualcosa di "scorretto" (nella misura in cui il budget era minuscolo e la squadriglia era affamata quanto noi) e soprattutto che non l'avrei detto a nessuno. Ovviamente la cosa non uscì mai e soprattutto mi premurai di imbastire qualche scusa affinché il Precisino non notasse nulla, capace com'era di calcolare il costo in base alla pizza che avevamo portato.

Questa non è la classica storia da liceo americano che Chad e Anon diventano amici, né la mia situazione negli scout migliorò mai: semplicemente a un certo punto convinsi i miei genitori a farmi interrompere quell'agonia e salutai tutti. Non imparai a fare niente, né un nodo né una tenda. Neanche una fottuta medaglia fatta con un tappo di bottiglia non imparai neanche a giocare a calcio e l'unica cosa che portai a termine quell'estate fu sconfiggere la madrefottente Artemisia in Final Fantasy VIII. Il Precisino ovviamente andò avanti per anni negli scout e alla fine anche una volta uscito da lì da quanto ne so ha occupato posizioni di leadership sempre più importanti. Se non sbaglio deve aver fondato un partito o salcazzo, per un po' di tempo ha anche ricoperto la carica di Presidente del Consiglio, e qualche anno dopo ha fatto saltare il governo o giù di lì, ma oggi nessuno se lo fila più.

 No.3921595

Ex scout FSE qui. Scouts cattolici, avevamo la messa e le preghiere ed eravamo separati tra maschietti e femminucce. Sono fraugio e come molti miei colleghi ho fatto le prime esperienze omoconsenzienti in tenda. All'inizio facevamo tutto di nascoto ma poi abbiamo scoperto che uno dei nostri capi scout aveva il vizietto. Oggi sarebbe illegale ma ai tempi nessuno ci vedeva niente id male in un diciottenne che si inculava i trediceni.

 No.3921597

>>3921595
>Oggi sarebbe illegale ma ai tempi nessuno ci vedeva niente id male in un diciottenne che si inculava i trediceni.
No guarda capisco che cerchi di fare coping dopo l'abuso, ma sei un subumano oggi così come lo eri allora. lol

 No.3921599

>>3921595
e borgoddio mannaggia a me che sono finito in quelli aconfessionali e pure in una pattuglia di tutte ragazze.

 No.3921600

>>3921595
> ai tempi nessuno ci vedeva niente id male in un diciottenne che si inculava i trediceni.
Nel 1915?

 No.3921601

>>3921600
no, a Napoli

 No.3921605

>>3921597

sei solo un brutto omofobo! vedi che siamo nel 2021, non nel 1922

 No.3921608

>>3921594
Impara a larpare
>>3921605
>18 e 13 anni
>Non abuso
Non saprei a on, 13enni e 18enni non sono neanche nella stessa fascia d'età dello scoutismo, e sicuramente la cosa sarebbe stata segnalata a genitori e chiamati assistenti sociali nel mio gruppo.

 No.3921622

File: 1620159504017.png (279,82 KB, 500x544)

Ad un certo punto della mia vita finii casualmente a frequentare un campo scout per due settimane. L'ambiente mi era totalmente alieno, con tutta quella gente vestita in modo ridicolo e quei pipponi cattolici. In quel tempo il mio qi era di circa 600 quindi una volta appurato che i chad capiscout avevano le femmine decisi di mandare tutto in merda e fare scoppiare litigi a random: per esempio una sera sfruttai un litigio tra capiscout mettendo del dentifricio preso dal tizio A nella scarpe di tizio B mentre erano tutti a camminare sotto le stelle. Il giorno dopo questo nel mettersi le scarpe si smerdò di dentifricio, accusò l'altro e scoppiò una rissa. Oppure una sera posizionai furtivamente un pezzo di plastica sotto il bordo della porta di uno che era al cesso, incastrandola. Ma la cosa più ilare è che c'era una scatola in cui chi diceva le parolacce doveva mettere 1000 lire come multa. L'ultimo giorno il boss scout compiaciuto fece un discorso su come quei soldi sarebbero stati dati in offerta e salcazzi. Aprì la scatola e tra lo sgomento generale la trovò vuota, perché ovviamente, agendo nell'ombra, avevo fregato tutto la sera prima. Seguì sermone di accuse e ovviamente furono accusati altri 2-3 personaggi "teste calde" che finirono poi ad accusarsi a vicenda.

 No.3921624

>>3921608

Io ero "esploratore" e il capetto che ci seguiva era uno del clan. Penso che sia normale tra gli scout attolici, in fondo c'è un motivo se tengono maschi e femmine separati

 No.3921662

>>3921624
Ripeto, è abuso e se caporeparto è capoclan lo avessero saputo avrebbero chiamato gli assistenti sociali oltre ai vostri genitori
Lo

 No.3921680

>>3921594
Gesù cristo anon come scrivi di merda

 No.3921692

File: VdB2014-603.jpg (441,37 KB, 1280x960)

Scout lupetto dai 10 ai 12 anni

> Pro:

- stai all'aria aperta, corri, salti, fai lo scemo in giro, prendi il sole, tiri sassi, insomma tutte cose positive per un coglione come me che se avesse potuto avrebbe passato le sue giornate 24/7 attaccato alla play2 ad ammazzare pedoni su GTA Vice City
- le gite e i weekend passati fuori casa in qualche magione abbandonata in mezzo alle campagne. La cosa migliore che mi hanno dato gli scout è farmi alzare il culo fin dalla tenerissima età da casa di mamma e papà e rendermi "responsabile" per quel che riguarda cose basiche come farsi lo zaino, fare il sacco a pelo, passare la notte fuori casa, insomma essere indipendente. In università mi capitò di conoscere gente che all'alba dei vent'anni non aveva mai passato una notte fuori dalla casa paterna, e che cazzo.
- conosci gente e ti fai degli amici, io ero anon e in generale disinteressato quindi da questo punto di vista zero.
- I falò sono una figata e passare la sera dopo cena a cantare canzoni alla chitarra mentre tutto attorno è buio e le fiamme del fuoco brillano davanti a te riscaldandoti è un sentimento estremamente kino

> contro

- tutto il corollario religioso che c'è dietro è piuttosto imbarazzante e andare a messa OGNI FOTTUTA DOMENICA ALLE 10.30 DI MATTINA era una tortura per me, figurarsi per i miei genitori che mi accompagnavano
- una volta presi le pulci, storia vera fra


Nel complesso fu una bella esperienza, ma una volta iniziate le scuole medie ebbi la scusa perfetta per dire "eh ma adesso avrò poco tempo da dedicare agli scout, la scuola, bla bla" quindi quittai bellamente. Se access avuto qualche amichetto in più magari avrei continuato, so che i ragazzi del Reparto (la "classe" successiva ai Lupetti, dai 14 anni ai 18) fanno cose fighe da scout vero e proprio tipo andare in tenda a dormire all'aperto, intagliare il legno coi coltelli, e da quello che ci raccontavano i ragazzi grandi nelle tende la notte c'era un bel movimento di culi e tette da smanazzare, chissà. Mentre invece la classe ancora superiore ( le "Guide" mi pare, dai 18 anni in su) sono dei fulminati che amano talmente la vita scout da diventare capi scout/gran mogol e badare ai bimbi piccoli.

 No.3921697

A me sfottevano pure le donni nei boy scout, immaginatevi a che livello sociale ero

 No.3921705

Ma è vero che negli scout capita di vedere ragazzine nude? Col pelo riccio, l'imbarazzo ecc.

Racconta anon

 No.3921723

>>3921594
ma perché usate il termine autistico di continuo e senza conoscerne il significato

 No.3921724

>>3921723
Perché qui siamo tutti autisti, sei forse nuovo?
>>3921705
Solo se sei protochaddino.

 No.3921745

>>3921624
>esploratore
nel senso che esploravi bucetti di culo o ti facevi esplorare il tuo dal gran capo?

 No.3921749

>>3921594
>renzi
>precisino

Tuttavia pastalarpata comfy

 No.3921761

>>3921705
Neanche troppo, è non ironicamente più facile scopare o drogarsi

 No.3921765

Fatto per un anno, scopato tantissimo

 No.3921767

Scoutaggio: fatto
Kuli: sburrati
Anon: moggati

Si, è giggino time

 No.3921768

>>3921767
basalto

 No.3921855

>>3921765

sei lo stesso di

>>3921595?

 No.3921935

Capo scout qui, CQC

 No.3921939

File: 99mpr3a.jpg (51,35 KB, 640x426)


 No.3921969


 No.3921971


 No.3921977

>>3921969
La foto in op mi ricordava quel tizio di scrubs

 No.3922160

>>3921977
è Renzi



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]