[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / yt / ck ]

/cul/ - Cultura

/mu/ + /film/ + /lit/ + /scr/ + /a/ + /co/
Nome
Email
Oggetto
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]  [Catalogo]  [Ricarica]  [Archivio]  —   


 No.3090[Rispondi]

Buon cinefumetto.

 No.3111

pizza al minuto?

 No.3127

>>3111
A stare larghi c'è solo la scena in cui le parte l'autismo per un trattino tra due parole e si mette a piangere in posizione fetale sul letto e si vede il profilo del culo dentro il pigiamino attillato.

 No.3128

>>3127
grazie, è bello essere tra spiriti affini

 No.3156

>>3128
C'è anche la parte dove piscia in un secchio quando ha fatto il viaggio in barca, ma non fanno vedere niente.



 No.3092[Rispondi]

/Cul/, negli ultimi due giorni mi sono recuperato un paio di video di Odifreddi. Sono rimasto raggelato. Spara cazzate a raffica senza ammettere replica, e quando qualcuno gli risponde non ascolta la risposta e continua a sparare le stesse cazzate. NON. HA. AUTOCRITICA. In questo video, ad esempio, "discute" (meglio sarebbe dire monologa) con Barbujani e cerca di sostenere l'esistenza delle razze solo sulla base della propria ignoranza. Ovviamente quando Barbujani, che è genetista, gli da una risposta nel merito non capisce la risposta e tira dritto. Inb4: ma è basato. Sì vabbè, ciao pep.
19 post e 1 immagine omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.3141

>>3140
Prego bro

 No.3142

Ho visto quel video e per me ha ragione.
Barbujani sta parlando di distanza senza parlare di clustering, cosa che odifreddi probabilmente capisce meglio, e che evita per evitare di dover andare di tecnicismi in pubblico.

 No.3152

>>3142
>Distanza senza parlare di clustering
>Odifreddi non approfondisce perché il pubblico non capirebbe
Più che altro è impossile da spiegare a voce senza tirare fuori slide o lunghi discorsi verbosissimi che non possono letteralmente essere fatti in quel setting.
Il problema di Odifreddi è che si ostina a prestare il fianco a ste robe perché è un narcisista e si mette in situazioni dove ha ragione ma l'altro sembra che abbia ragione perché può esporre meglio.

 No.3153

>>3092
Uno dei piu' grandi coglioni che calpesti il suolo italico

 No.3154 SALVIA!

>>3153
Concordo e pensa riuscire ad avere più torto di quello stronzo, lol Barbujani merdaiolo.



 No.3148[Rispondi]

Thriller lineare, tranquillo (lo catalogano anche come horror, ma di horror non ha niente imho), un po' scontato, certe volte forzato, senza colpi di scena.

Recitazione un po' meh (soprattutto della figlia che certe volte ci mette troppa enfasi).

Se avete la gf con la madre opprimente potrebbe essere un film catartico da vedere in coppia.

 No.3150

L'ho visto giusto ieri pomeriggio, mi spii dalla finestra?
Concordo sul fatto che sia prevedibile e un po' forzatuccio, però come film mi ha sorpreso davvero molto, trovo che sia carico di tensione e mi ha coinvolto davvero un sacco.
Non concordo sulla performance della ragazza, al contrario l'ho trovata davvero brava e perfettamente calata nella parte.
In questo 2020 in cui ho avuto poche soddisfazioni cinematografiche, questo film, forse non lo definirei una piccola perla, ma di sicuro un bel raggio di sole.

Fattobuffo, quando la ragazza era sdraiata sul letto e per alzarsi sollevava velocemente le gambe con le braccia mi sono detto "ah, pessima interpretazione, non è possibile che i disabili riescano a sollevare così facilmente le gambe, di sicuro si sta aiutando con i muscoli delle gambe", poi dopo il film ho scoperto che l'attrice è veramente sulla sedia a rotelle lol.

 No.3151

>>3150
Ah dimenticavo, il finale, sinceramente non sono sicuro di quanto mi sia piaciuto, perché secondo me durante il film non è che si fosse costruita bene una revenge story, certo, la madre ha fatto delle cose orribili, ma non mi ha fatto sentire come se la figlia poi dovesse in qualche modo vendicarsi, sì, nonostante le sue debolezze ha mostrato di avere grinta ed essere forte, però forse proprio perché alla fine si è dimostrata forte pensavo che avesse la forza di superare tutto ciò, anziché rimanere impantanata a quelle atrocità e vendicarsi, almeno non in quel modo, pensavo che la sua vendetta si potesse limitare al mostrarle quanto stia bene senza di lei, quindi mi ha lasciato un po' perplesso.
Non l'ho trovato brutto; è un piccolo colpo di scena, ma secondo me non troppo adeguato.



 No.3149[Rispondi]

Ennamisè sta diventando un genio del male


File: locandina.jpg (72,18 KB, 420x525)

 No.2996[Rispondi]

Documentario molto gradevole su Lucio Fulci.
È una serie di interviste ai (pochi) familiari e a chi ha lavorato con Fulci.
Devo ammettere di non amare molto il cinema di genere, più che altro perché ho sempre avuto l'impressione che le pellicole siano state dirette con poca professionalità. Fulci, Bava, Amato… non comprendo tutto il loro successo di pubblico. Dovrei tentare di mettermi sotto e provare a guardare i loro film.

 No.3130

Ho sempre visto fulci come il carpenter italiano.
Regista molto cult che ha influenzato tantissimi cineasti avvenire che però è rilegato alla semi-popolarità del "conoscerlo di nome".

 No.3131

>ho sempre avuto l'impressione che le pellicole siano state dirette con poca professionalità.

più che altro con pochi soldi e mezzi



 No.3088[Rispondi]

 No.3089


 No.3093

>>3089
Finalmente si parla di cose serie

 No.3098


 No.3109

>>3089
Grandiosi, li ho visti live qualche anno fa, anche senza abort alla voce un concerto stupendo.



File: 20201105_140151.jpg (108,52 KB, 437x656)

 No.3057[Rispondi]

Il cristianesimo delle catacombe e dei martiri negava valore a questa vita in nome dell'altra. La madre di Leopardi quando le moriva l'ennesimo neonato diceva: bene, un altro in paradiso. Oggi per il cristianesimo al primo posto ci sono i Cottolengo, gli ospizi dei vecchi e la sopravvivenza dei feti: sindacalisti della vita a tutti i costi, altro che l'altra. Leggano Sade, il maggiore filosofo dell’illuminismo senza le pezze sugli occhi, leggano Le operette morali di Leopardi e capiranno che la ‘speranza cristiana' ridotta all’insostenibile difesa della vita va contro la legge fondamentale della natura: un Juggernaut che schiaccia tutto al suo passaggio e poi ricrea per distruggere di nuovo all'infinito.

 No.3059

Non credo tu capisca molto, in generale, di ciò con cui vieni a contatto.
>Il cristianesimo delle catacombe e dei martiri negava valore a questa vita in nome dell'altra
No, dava strumenti per accettare la sofferenza fisica, che fino al 1900 era la normalità dell'esistenza.
>Oggi per il cristianesimo al primo posto ci sono i Cottolengo, gli ospizi dei vecchi e la sopravvivenza dei feti
Sorvolo sui vecchi, ma la vita è sempre stata "dono di Dio", non c'è niente di nuovo.
>Leggano Sade, il maggiore filosofo dell’illuminismo senza le pezze sugli occhi, leggano Le operette morali di Leopardi
L'illuminismo è stato superato da ben più di un secolo, in quanto si basava su un falso dogma, ovvero che l'uomo fosse un essere completamente razionale. Leopardi è un'altra cosa ancora.
>la ‘speranza cristiana' ridotta all’insostenibile difesa della vita va contro la legge fondamentale della natura: un Juggernaut che schiaccia tutto al suo passaggio e poi ricrea per distruggere di nuovo all'infinito.
Il cristianesimo considera la vita "dono di Dio" e ritiene che sia sbagliato porla a termine di proposito, non ambisce all'eternità terrena, al contrario ha creato un altro mondo perfetto e eterno per allontanare la paura della morte. Allontanare la paura di qualcosa vuol dire comprendere quel qualcosa in ciò che è vero, sempre presente e inevitabile.
Il cristianesimo è una gigantesca elaborazione dell'inevitabilità della morte, se vuoi. Come altre religioni.

 No.3061

>>3059
D'accordo con te. Diciamo che sul "cristianesimo delle catacombe" e in generale era utile far pensare alla gente che dopo avrebbero avuto una vita migliore, li aiutava ad andare avanti nella vita di merda in cui erano costretti, è naturale con con la medicina moderna, l'allungarsi della speranza di vita e il quasi azzeramento della mortalità infantile in occidente il paradigma sia cambiato

 No.3063

Io non voglio rompere le uova a tutti nel paniere ma stai paragonando due tipi di cristianesimo agli antipodi.
Uno pre concilio di Nicea, uno post concilio, post crociate, post inquisizione, ecc ecc.
Ne è passata di acqua sotto ai ponti e la società è cambiata profondamente, sia quella religiosa che non.

 No.3087

Concordo con tutti i commenti ITT (non con OP), mi avete fatto voglia di seguire qualcosa di divulgazione visto che io di mio sono ignorante come una capra. Ma non idiota quindi, ribadisco, non sono d'accordo con OP il quale non capisce che il tempo passa e le cose cambiano. Non a caso oggi abbiamo un papa che predica il rispetto per l'ambiente.



 No.3079[Rispondi]

Ciao anon, che ne pensi di sti giovanotti?

Sono delle mie zone e li seguo con interesse, mi piacciono, ma ci sono degli aspetti che non mi convincono.

 No.3081

senza offesa per il gruppo, capisco che ci credano, ma la gente che non è veramente incazzata col mondo non dovrebbe fare certa musica.
Potrebbero essere un buon gruppo pop, ma così sembra la sigla di un anime x anni 90 tradotta male in italiano.



 No.3080[Rispondi]

Parte benissimo. Si vede che il regista e gli attori ci credono fortissimo, poi però quando già t'immagini Castellitto e il tizio con la faccia da iutuber in uno stallo alla messicana e mezza Milano che viene giù a colpi di bombe il film prende tutta un'altra direzione

meh


File: gyl81s.jpg (21,34 KB, 259x194)

 No.3011[Rispondi]

i griffin

son meglio ,piu cattivi dei simpson?

stagioni top?
7 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.3024

>>3023
Quest'anon non sbaglia, anche se farei una differenza tra primo Southpark e Southpark moderno. Mi piacciono entrambi e hanno mantenuto una carica di critica sociale che gli altri cartoni hanno perso, ma penso ci sia un prima e un dopo

 No.3025

>>3024
La stagione di South Park della marijuana mi ha davvero rotto i coglioni, ancor peggio è che insistono con quella merda anche post-season.

 No.3058

Riflessioni mattutine.
I Griffin hanno un gravissimo limite, che è un limite più generale, di tendenze universali di linguaggio: il ricorso esclusivo al sarcasmo.
Il sarcasmo sembra essere l'unico linguaggio adottato nei Griffin, e questo scaccia qualsiasi empatia. Il sarcasmo è tecnicamente un linguaggio aggressivo che gioca sull'allontanamento, sull'azzeramento empatico verso il tuo interlocutore.
Con il sarcasmo escludi aprioristicamente emozioni come la commozione, la nostalgia, l'affetto in generale, e in senso lato la sincerità.
Il sarcasmo esclude la sincerità, tutta la sua potenza comunicativa si basa su questo, ovvero dire il contrario di ciò che si intende, scatenando l'ilarità, e se questo è l'unico linguaggio che viene utilizzato in una serie, quella serie sarà priva di empatia, amore, commozione, sincerità.

 No.3075

>>3058
Ecco perché ora VIVIAMO nei griffin

 No.3076

>>3075
Infatti ho esordito dicendo che è una tendenza universale, i Griffin l'hanno solo utilizzata sistematicamente. Per me rimane però un grosso limite, nonostante ci siano parecchie stagioni veramente top-tier.



  [Torna in cima]   [Catalogo]
Elimina post [ ]
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / yt / ck ]