[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/cul/ - Cultura

/film/ + /lit/ + /scr/ e roba pretenziosa
Nome
Email
Oggetto
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]  [Catalogo]  [Ricarica]  [Archivio]  —   


File: nocturno-copertina-dicembr….jpg (334,24 KB, 1181x1741)

 No.4252[Rispondi]

Vorrei sapere la vostra opinione di questo film, per cortesia.

Ho appena finito di vederlo e devo ancora elaborare il tutto.

 No.4255

nocturno esiste ancora? l'ultima che l'ho comprato le recensioni sembravano fatte da zoomer con tempo libero

 No.4256

L'ho trovato abbastanza piacevole ma nella media con alcune scene ben fatte. Un po' confusionaria la narrazione e il mio autismo mi faceva sentire puzza di piedi ogni volta che si radunavano nella sala da ballo

 No.4266

Ho fatto fatica a finire quello di Argento perché il tempo l'ha davvero bastonato. Magari se lo avessi visto da bambino sarebbe stato uno dei film della mia infanzia e sarei qui a nostalgiare.

Questo di Guadagnino l'ho chiuso credo a metà perché l'ho trovato noioso, recitato maluccio, con la Swinton che si vedeva che non c'aveva voglia, e la fotografia e i costumi e il trucco meh.



File: u3ilkti.jpg (130,15 KB, 620x651)

 No.4141[Rispondi]

Che ne pensate di Evangelisti e di quello che ha scritto?
2 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4161 SALVIA!

>>4158
>non sa chi sia
>metti i titoli dei libri
ah, perché i libri sai quali sono? Ti ha scritto il nome.

 No.4163 SALVIA!

>>4161
>non mi va manco di googlarlo

 No.4173 SALVIA!

>>4163
>non mi va di googlarlo
>mi piace il cazzo OP DICCI I TITOLI DEI LIBRI
ma se tanto non sai chi è porcodio

 No.4174 SALVIA!

>>4173
ma sei ritardato? non sono lui, ma ha solo chiesto ad op di espandere un po' l'argomento diocristo, almeno anche chi non conosce evangelisti si fa un'idea, magari si incuriosisce, si informa. non è niente di complicato, sei tu imbecille

 No.4199

L'ho solo sentito di nome perché ogni tanto lurko Wu Ming e Carmilla e fa parte di quella galassia lì. Mi sembra abbia scritto roba fantascientifica e se non sbaglio è considerato un rinnovatore del genere in Italia.

Mi ricordo che c'era un anon che lo odiava a morte.



File: 9791280229007_0_221_0_75.jpg (26,8 KB, 221x305)

 No.4040[Rispondi]

'giorno, anoni. Mi chiedevo se poteste darmi una mano.
Sto per mettermi al lavoro sulla mia tesi di laurea e avrei bisogno di selezionare qualche testo che possa fungere da riferimento bibliografico.
Nello specifico, sto cercando dei libri che trattino della Peste Nera del 1346-48 (originalissimo, lo so…) e della scoperta dell'America. Ancora meglio se entrambi gli argomenti vengono discussi ed analizzati organicamente nello stesso volume.
Come punto di partenza ho preso il libro in OP.
Cos'altro potreste propormi?
Grazie in anticipo
7 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4078

>>4067
Scholar e SciHub non hanno molta roba disponibile, Jstore e in generale tutto quello che gira su OpenLibrary sono molto di più e spesso più interessanti.
Comunque, per rispondere a >>4069, spesso e volentieri LibGen ha un po di articoli utili.
Io l'ho usato in minima parte perché la mia università è convenzionata con shibbolet, però è sempre utile.

 No.4081

>>4078
>LibGen ha un po di articoli utili.
LibGen per gli articoli si appoggia a SciHub. Poi: (quasi) tutto quello che è su Jstor dovrebbe essere stato uploadato su SciHub. Scholar serve a far le ricerche, magari riesci a scaricare qualcosa, ma è una feature di secondo piano.

 No.4100

>>4081
Sono stato negro io allora, chiedo scudo e ringrazio per la correzione.

 No.4114 SALVIA!

>>4109
>>4110
ediolognomomongoloide

 No.4117

>>4109
vai via diocane



File: anc.jpg (808,53 KB, 2172x1656)

 No.4070[Rispondi]

Ho voglia di fantascienza. Ho appena finito di leggere "Il Destino della Legione" ed è stato un trauma per quanto strano sia quel romanzo.

Amo la space opera, ma per variare un po' volevo provare a leggere Il Racconto dell'Ancella e il suo seguito. Tuttavia quest'anno dovrebbe uscire il Dune di Villeneuve e avevo anche intenzione di leggere tutta la saga cartacea.

Con cosa inizio?
1 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4073

Dune non ho frequentato. Ho letto il Racconto dell'ancella e il seguito, meglio il primo del secondo. È una buona descrizione di come si vive quando il controllo sociale arriva a definire anche i comportamenti individuali più innati. Della Atwood ho preferito però il ciclo di MaddAddam (o Adamo Pazzo, come viene tradotto in italiano) però io ho una netta preferenza per la fantascienza post-apocalittica.

 No.4084

Ovviamente leggi Dune OP, poi guarda il film di Lynch.
Il coso dell'ancella è carino ma non lo salverei in una ipotetica Top-50 della fantascienza.
Consiglio banale, guarda la lista degli urania collezione (quelli col dorso nero per capirci) lì vai praticamente sul sicuro per la qualità, poi c'è sempre la variabile gusti personali.

 No.4085

Inizio dicendoti: se vuoi leggere qualcosa di bello, Solaris è uno dei libri fantascientifici più bello che io abbia letto.

Poi. I primi 3 libri del ciclo della Fondazione di Asimov sono da riempirsi di sborra i pantaloni per me. il primo ha dell'incredibile e secondo e terzo ci cuociono bene attorno. Tutti i sequel e i prequel vari oscillano tra il merda che puzza e il merda che puzza e uccide.

Per quanto riguarda, imho Dune non è fantascienza.
OK è ambientata nello spazio, ci sono i pianeti, gli pieni e le guerre intergalattiche, ma imho è solo un setting per poter facilitare la narrazione e introdurre il resto, è più vicino ad un libro di formazione e ad un trattato sul misticismo.
Comunque bellissimo, ma non aspettarti i pewpew, le distopie e il trionfo delle scienze dure.
Ah, e comunque leggiti max i primi 4 libri, tutti i vari capitoli successivi sono abbastanza terribili o inutili.

Se vuoi qualcosa di fantascienza,

 No.4086

Leggiti "La città e le stelle" di Clarke, c'è dentro tutto.

 No.4087

>>4086
Io mi sto leggendo il ciclo di Rama, fantascienza dura come piace a me



 No.4071[Rispondi]

Io non me la ricordo questa scena…
3 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4077

>>4076
Tutti i film presi dai libri di Ellis fanno cagare, perché nel testo lui è gelido, descrive personaggi apparentemente privi di emozioni o che comunque le tengono dentro, mentre nei film questa cosa non viene tenuta in conto.
Una serie che sembrerebbe tirata fuori pari pari dai racconti di Ellis è Too Old To Die Young di Nicolas Refn. Ne consiglio la visione ai fan dello scrittore.

 No.4079

>>4077
che altri film ci sono tratti dai suoi libri?
Accatto il consiglio e cerco refn

 No.4080

>>4079
"Meno di Zero" e "Le regole dell'attrazione".
Poi lui ha fatto la sceneggiatura di The Informers.
Ti dico come la penso, ma è ovviamente personale: tutti questi film però falliscono duro perché cercano nella trama i punti di forza.
Ellis è potente per il mood, per il modo in cui descrive anche cose banali, per lo stile insomma.
Ecco, Too Old To Die Young esalta lo stile a livelli altissimi, sembra davvero l'atmosfera dei suoi libri messa in video (però lui non ha niente a che fare con la produzione, per quanto ne sappia).

 No.4082

>>4080
Speravo avessero fatto glamorama che alla fine non è molto diverso da american psycho.

Un film carino e sullo stile è Kill your friends.

 No.4083

Concordo che Ellis funzionameglio su carta che su schermo.

t anon che era uno protoyuppie trasformato in zecchetta dalla lettura di american psycho



 No.3780[Rispondi]

Ciao /cul/
qualcuno sa spiegare perché questa trilogia di film è diventata così di merda? Cioè era partito quasi bene, "Un viaggio inaspettato" era bello, scorrevole, a tratti cringe ok ma il giusto, come hanno fatto poi a cadere nel ridicolo più totale con romance inutili, scene alla Matrix e forzature del cazzo?
Also, pensate che la serie TV di Amazon Prime Video sarà all'altezza delle aspettative?
39 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4059

>>4057
Nel Silmarillion parla abbastanza poco della Seconda Era, è una parte di cui ha delineato gli eventi principali ma senza scrivere storie vere e proprie come ha fatto per la Prima; penso abbiano scelto quell'era apposta per avere più libertà possibile.

>>4036
A me però ispira davvero poco, mi immagino una serie girata al 95% davanti ad un green screen con effetti speciali mediocri.

 No.4062

>>4036
>valar negri soon
Spero venga bloccata per qualche motivo, tipo che al regista piace la pizza e lo beccano a mangiarla.

 No.4064

>>4062
>Valar Negracci
Scommettiamo che la risposta standard dei mangiamerda soioni sarà
>Eh mA sOnO dElLe DiVinItÀ non so scrivere dEvOnO eSsErE bIaNcHi
Sto ancora seethando per Kynes di Dune che è una negra femmina, dio cane.

 No.4065

>>4062
>>4064
Però visto che è un prequel vorrebbe dire che nel futuro sono spariti, mi pare ottimo.

 No.4068

Per quanto riguarda videogiochi ambientati in quell'universo abbiamo Shadow of Mordor e Shadow of War, con Talion come protagonista.



File: Rainer_Maria_Rilke,_1900.jpg (24,82 KB, 300x480)

 No.4039[Rispondi]

anon che legge, quali sono i tuoi classici preferiti? stavo ragionando l'altro giorno che inizio ad avere una bella mole di cultura letteraria europea tra l'800 e il 900, e inizio ad individuare forme e stili che mi convincono o meno in base non solo al gusto, ma ad uno stile mio personale, o una ricerca che consapevolmente o meno effettuo sulle mie letture e gli autori. ad esempio: sto leggendo il Torless di Musil e sì, primo romanzo di un ventiduenne che stava ancora definendosi, piano piano purificherà molto la sua scrittura e si libererà di alcune prolissità (ne conserva altre, ma ben più efficaci, più rilevanti); dicevo: sì, romanzo di un ragazzino, ma quanto non mi piace? per carità, è bello, interessante, è Musil!, ma che palle. se penso ad altri romanzi di formazione me ne vengono decine di superiori - ma di nuovo: migliori nel senso della mia ricerca. penso al Guglielmo Meister di Goethe per rimanere in germania, all'Ewald Tragy di Rilke (e quello pure era il primo romanzino di un ragazzino) e al successivo capolavorissimo Malte Laurids Brigge. ma insomma, non solo romanzi di formazione: il punto è che inizio a rendermi conto di cosa cerco in un libro e, da un lato, mi rendo conto che solo i classici posseggono quel qualcosa; dall'altro che solo alcuni classici ce l'hanno. e quindi mi chiedo: tu cosa cerchi nel libro anon? e in che classico lo trovi? e se non in un classico, in che genere, o in che letteratura contemporanea/antica?
2 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4043

Ciao anon, purtroppo non leggo molto ma uno dei miei libri preferiti è La coscienza di Zeno. Non ho mai capito perché molti lo reputino noioso, quasi mi diverte vedere tutto quello che il protagonista si inventa per non affrontare la realtà e il fatto che ha fallito in tutto.

 No.4046

>>4042
Già le prime lettere di Kleist mi davano un'idea di vecchiume e provavo una noia insopportabile. Oramai ho imparato ad accantonare i libri iniziati se non ne vale la pena.

 No.4047

>>4046
capito, ci sta. ricerchiamo qualcosa di diverso, era quello che chiedevo in op. also ovviamente imparato anche io ad abbandonare libri che all'inizio mi paiono fuori fase rispetto al mio gusto/la mia ricerca. vedi la montagna incantata di quel frocetto di Mann

 No.4048

>>4043
non avevo visto la risposta! sai che pensavo a Zeno proprio l'altro giorno? lessi le prime centinaia di pagine quand'ero proprio piccino, adolescente, e non mi convinse tanto, ero decisamente troppo piccolo per afferrarlo. volevo proprio riprenderlo in mano in questi giorni, e la tua coincidenza mi sembra fatale. also anon, dal profondo del cuore: leggi! fa davvero bene allo spirito, se impari a farlo.

 No.4054

>>4048
Bravo anon, spero che questa volta ti piaccia!
>leggi! fa davvero bene allo spirito, se impari a farlo.
Guarda, hai ragione, il fatto è che è difficile combinare tutti gli interessi. Ovviamente devo fare delle scelte, e leggere spesso è una cosa che metto in secondo piano tra tutto quello che vorrei fare. Cercherò di impegnarmi comunque, avevo iniziato i promessi sposi prima di capodanno ma poi non sono più andato avanti, anche se mi stava piacendo (alle superiori l'avevo fatto piuttosto male e volevo provare a rileggerlo).



File: joaquin-phoenix-joker-risa….jpg (53,52 KB, 1200x675)

 No.3993[Rispondi]

Filo sui riferimenti capìti tardi.
Stavo leggendo il testo di "Vesti la giubba", dall'opera "Pagliacci". Una delle arie più famose al mondo.

"Recitar! Mentre preso dal delirio,
non so più quel che dico e quel che faccio!
Eppur è d'uopo… sforzati!
Bah! sei tu forse un uom?
Tu se' Pagliaccio!

Vesti la giubba e la faccia infarina.
La gente paga, e rider vuole qua.
E se Arlecchin t'invola Colombina,
ridi, Pagliaccio… e ognun applaudirà!
Tramuta in lazzi lo spasmo ed il pianto;
in una smorfia il singhiozzo e 'l dolor…
Post troppo lungo, premi qui per vedere tutto il testo.
35 post e 2 immagini omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.4049

File: Conan Pertini.jpg (55,29 KB, 1000x680)

Abbiamo ricevuto più report per questo thread che in tutta /b/ nell'arco della settimana.

In tutto cuore, non possiamo bannare il demente alato che è spawnato qui, perché l'idiozia non è un crimine e soprattutto perché su alcune cose non sbaglia: i veri sapienti giudicano il libro dalla copertina. Io non ho bisogno di guardare l'ultimo film degli Avengers per capirlo, non ho bisogno di leggere Fabio Volo per sapere che è un romanzo da ombrellone.
Una delle cose più evidenti che il penetauro qui presente non comprende, però, è che c'è una grossa differenza fra il CAPIRE un testo e il poterne PARLARE. Lui chiaramente pensa di essere il solo ad aver letto Campbell e Vogler, quindi è scivolato nella puzzolente presunzione di dover avere un'opinione su tutto, meglio se frettolosa e raffazzonata - un esempio è la grossa confusione che fa tra "archetipi" e "ruoli narrativi", davvero amatoriale.
Quando poi condisce tutto ciò con la schifosa disonestà intellettuale del guardare il film a 2x solo per confermare il proprio bias, si manifesta come un cretino le cui opinioni valgono meno di zero.
Ma che vi aspettate da uno che non sa porre un distinguo fra esegesi ed esperienza?

L'alfiere della deficienza resta solo warnato perché ognuno ha diritto alle proprie opinioni, per quanto folli siano; ma siccome questa non è /b/, qualora egli dovesse continuare dimostrando di mancare anche del più banale senso di autocritica, sarà bannato perché ho appena deciso che l'idiozia è un crimine.
Aslutti.

 No.4050 SALVIA!

>>4049
i-inesistenti che e-esistono? non sono amusato

 No.4051 SALVIA!

File: praisethemod.jpg (80,86 KB, 1200x675)

>>4049
Praise the mod.

 No.4052

>>4049
Sono tornato merde!
>un esempio è la grossa confusione che fa tra "archetipi" e "ruoli narrativi"
Qui hai parecchia ragione, ma dovrei rileggermi per vedere se la "grossa" confusione ha causato "grossi" errori. Ma non mi pare siamo entrati spesso in merito lungo il filo.
>Ma che vi aspettate da uno che non sa porre un distinguo fra esegesi ed esperienza?
Sì e no. Ovvero: culturalmente c'è una differenza bella netta, ma considerando un flusso di informazioni astratto i confini sfumano parecchio - tutto è interpretazione, (quasi) nulla è percezione diretta all'interno di un ego tunnel. Non mi bannare signor presidente, non sto tirando la corda. Prima stavo solo facendo il briccone, ma era appropriato e tutti abbiamo imparato qualcosa, forse. E se mi banni perlomeno fai finire il ban prima di sabato alle 18 che non voglio perdermi il filo.

 No.4053

>>4052
Sono >>4033 e non mi hai risposto. Non so se ti/ci banneranno, o se il filo verrà cancellato. Ma gradirei da parte tua una risposta, grazie.



 No.3749[Rispondi]

Una docuserie su San Patrignano.
L'ho trovata perfetta, e anche ben scritta.
19 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.3998

>>3997
No, perché dovrei, si parlava di San Patrignano e Muccioli in generale e guess what ero già adolescente ai tempi del secondo processo.

 No.4008

>>3998
Potresti guardarlo, rinfrescarti le idee e tornare.

 No.4010

File: 20201230-154109172-9295.jpg (209,08 KB, 1500x1586)

>>3982
Come dice >>3988 è una storia così assurda da poter essere vera: fra tutte le cazzate inventabili una che dipinge Muccioli come un santone, se non un venditore di fumo, è quasi controproducente per la sua immagine di educatore. E poi Muccioli per davvero ha fatto il medium ed è arrivato ad avere una piccola cerchia di adepti.
Invece che il figlio Villaggio fosse un ospite era di dominio pubblico.

>>3995
Può anche essersela presa in altro modo, ad un certo punto la maggior parte degli ospiti era contagiata.

 No.4018

>>4010
>Può anche essersela presa in altro modo, ad un certo punto la maggior parte degli ospiti era contagiata.
Dici a cinghiate e schizzi di sangue?

 No.4024

>>4010
Diciamocelo, certe vibrazioni omoerotiche tra Muccioli e i giovanissimi si notano



File: fb0bypn.jpg (259,85 KB, 1800x1012)

 No.3937[Rispondi]

Che finale deludente.

Non ho capito se è colpa di come sia stata gestita la terza stagione, che è molto ben fatta (Frank, Joe e Tagomi morti ammazzati, Ed lasciato chissà dove a farsi trapanare il culo) o se semplicemente non avevano idea di come finire. Ottimo il finale per Kido, Childan, Smith e Abensend, ma per Juliana e compagnia è tutto lasciato in sospeso. Muore Smith, ma mezza America è ancora nazista: e non è come ammazzare Hitler nella WWII, non sono in guerra e la popolazione non è sfinita, anzi. Whitcroft che blocca l'invasione dell'America dell'Ovest è una macchietta giusto per dar una fine vagamente speranzosa. Tutto il tradimento di Helen (forse) è inutile visto che la resistenza aveva collegamenti radio.
2 post e 1 immagine omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.3951

>>3950
Droppato al terzo episodio, tutto troppo lento per aver solo un colpo di scena o mindfuck alla fine, oltretutto abbastanza prevedibile se si consuma fantascienza da un po'.

 No.3963

>>3950
Se fossi un erede di Dick citerei in giudizio i produttori di 'sta cagata di serie.

 No.3990

>>3963
mi sa che sono troppo occupati a pensare dove stipare tutte le banconote per interessarsi alla qualità dell'opera.
Proprio come avrebbe voluto Filippo K. Pene

 No.3991

Che senso ha infilare personaggi e situazioni inesistenti nell'opera iniziale della quale si riprende il titolo? Non è più onesto scrivere "liberamente ispirata a…"? Ho appena finito di leggere il libro di Pippo Pisello e metà dello spopiler di OP mi risulta nuovo.

 No.3994

File: fi6amqv.jpg (20,88 KB, 225x225)

>>3991
Le due opere son completamente diverse, è stato proprio una riscrittura da zero, secondo me pure abbastanza azzeccata (tranne ovviamente il ruolo troppo messianico di Juliana) dove hanno preso qualche fatto per condurre la storia; si son ritrovati nell'ultima stagione con un finale da scrivere e la WW3 imminente e se ne sono usciti con una roba al gusto dell'ultimo episodio di Evangelion.



  [Torna in cima]   [Catalogo]
Elimina post [ ]
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]