[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/cul/ - Cultura

/film/ + /lit/ + /scr/ e roba pretenziosa
Nome
Email
Oggetto
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]  [Catalogo]  [Ricarica]  [Archivio]  —   


File: 71wMGRqOFLL.jpg (143,87 KB, 1000x1539)

 No.4957[Rispondi]

Filo del libro sul comodino.
Un po' generico ma scorrevole, per chi non sa molto della materia è ok, per chi ne sa qualcosa è un ripasso/aggiornamento su alcune teorie.
35 post e 13 immagini omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.5232

>>5230
Uff, mi hai convinto che sono io ad avere il merdagusto e non capire cosa leggo visto che l'hai apprezzato al contrario rispetto a me :(

io ora non sto leggendo nulla da qualche giorno, anche perché sto combattendo contro un calcolo renale e preferisco fare cose meno impegnative come guardare robe in tv o cazzeggiare coi vidya. Ci vediamo quando finisci il libro

 No.5235

>>5232
L'importante è che sia piaciuto a te, che ti frega se a me è piaciuto al contrario o non m'è piaciuto? In fondo la lettura è un'attività personale e siamo tutti diversi. Poi è comunque meglio leggere un libro in più che uno in meno.

"Non si uccidono così anche i cavalli?" è scritto da dio ed è più un racconto lungo che un romanzo, 120 pagine che filano via veloci. Sono a metà e mi sta piacendo questa storia minima e disperata.

 No.5257

>>5235
>"Non si uccidono così anche i cavalli?"
Finito, lo consiglio molto. Tratta di una maratona di ballo, per tematica mi ha ricordato "La lunga marcia" di Stefano Re.
Sarà la sera giusta per occuparsi della Guzzanti? Chi lo sa?

 No.5261

Io ho cominciato ieri "L'uomo e i suoi simboli", l'unico libro di divulgazione scritto da Jung e i suoi assistenti dell'epoca. Dopo la sua autobiografia è il secondo suo libro che leggo, poi penso proverò a imbarcarmi da autodidatta nelle sue pubblicazioni scientifiche. Sappiamo tutti che fallirò, ma vabbé, proviamoci

 No.5262

File: cover__id9571_w600_t161157….jpg (62,16 KB, 600x943)

Pensavo fosse un saggio filosofico, invece è un misto di divulgazione scientifica (il grosso è la meccanica quantistica) e biografie semi-vere degli scienziati.

Si legge in un pomeriggio.

Non lo consiglio ad anon perché è molto basico, va bene se proprio sei ignorante o sei un ragazzino che inizia il liceo.



File: il-poster-de-i-mitchell-co….jpg (649,35 KB, 1280x1896)

 No.5253[Rispondi]

Molto molto molto carino.
Dai creatori di "Spider-Man - Un nuovo universo" e l'episodio "La Testimone" di "Love, Death and Robots", ecco un film molto carino, coloratissimo e divertente.
Ultimamente non amo molto il 3d ma, grazie alla tecnica utilizzata, si è creato uno stilo particolare e che si differenzia dalla maggior parte delle produzioni delle animazioni tridimensionali.
La storia è ben scritta e, anche se sa un po' di già visto, è impossibile non rimanere incollati al ritmo pazzo e frenetico di questa pellicola.
L'ho gradita molto: ve la consiglio.

 No.5256

Visto anche io, graficamente molto carino con una storia senza scossoni e scritta in maniera lineare, cosa che va benissimo, meglio fare una cosa così che perdersi in scritture creative del cazzo e della merda e fare una schifezza.

 No.5259

Sì, visivamente è davvero curato, con delle animazioni spettacolari e uno stile vivace e pieno di colori (anche troppo alle volte, lo stile geek è carino ma in questo caso eccessivo, dopo un po' mi ha dato alla nausea).
La storia è davvero troppo banale e lineare, e la comicità troppo ripetitiva, arrivato a metà film non ne potevo proprio più. Altra pecca sono i personaggi, mi piace l'idea della famiglia sgangherata con problemi, ma sono tutti troppo caricaturati e monocolore, alla fine non sono riuscito ad affezionarmi a nessuno se non al cane perché, vabbé, è un cane buffo e tutte le volte che lo vedi ti fa ridere.

Per me è proprio NO, a mio avviso come corto avrebbe funzionato mille volte meglio.

 No.5260

Troppo lungo e pasticciato. A metà ho iniziato a skippare per la noia. Sembra fatto da uno fumato con l'adhd. 6/10.



 No.5258[Rispondi]

Thread storico


 No.4979[Rispondi]

Gli Oscar sono al capolinea?
27 post e 2 immagini omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.5240

>>5238
>tra le altre cose
Eh già, chessò, la butto lì eh… Magari la pandemia? La conseguente chiusura dei cinema? L’uscita dei film non garantita in tutti i paesi? La distribuzione dei film spezzata tra mille piattaforme di streaming?
Il “messaggio politico forzato” è un fattore di poco conto per quanto riguarda la cerimonia ed è ancora meno determinante per quanto riguarda il successo di un film, se fosse cosi Hollywood e le case di distribuzione (che ci tengono a far soldi) non investirebbero in tali prodotti.

 No.5249

>>5239
>spegni il culo
Ma dove? Lo stesso Lang mi pare avesse detto di aver cambiato opinioni in età più avanzata, ma non è un fatto di categorizzare tanto per. Ti sto solo dicendo che si possono fare film con un orientamento politico, che sono a tutti gli effetti arte, e che restano ben distinti dal fare propaganda. Quello che sta facendo holliwood al momento è propaganda.

>>5240
Il problema è che potresti formulare esattamente l'argomentazione contraria, dicendo che con tutti questi film rilasciati direttamente in streaming e tutti costretti a stare a casa se c'era un media destinato a crescere era questo. Specialmente considerando che l'attenzione dedicata agli oscar non dipende dall'aver comprato o piratato.

Sono d'accordo che il messaggio politico in particolare conti di piú per la cerimonia che per i film. La cerimonia riguarda primariamente le persone coinvolte e l'ambiente del cinema, se è dalle politiche che vuoi allontanarti la prima cosa che smetti di considerare è questa.

 No.5251 SALVIA!

>>5239
>Povero anon che deve categorizzare tra "Destra" e "Sinistra" film di un fottuto secolo fa

Intervengo solo per dire che la distinzione tra "destra" e "sinistra", quando è uscito Metropolis, aveva già 136 anni.

Usiamo argomenti più concreti, almeno al di fuori di /b/

 No.5254

>>5238
>È fondamentalmente la soluzione di destra al problema dei disordini sociali del tempo: il padrone scopre il suo cuore e dall'alto della sua autoritá mette le cose apposto.

A me sembra una lettura un po' troppo da centro sociale. È comunque un film che mostra gli operai come schiavi, relegati nei bassifondi, che soffrono e muoiono in fabbrica, cioè è un film che parla essenzialmente di rivoluzione operaia. Nel finale poi si raggiunge un compromesso che è alla base della democrazia, non è che nelle democrazie i capi non esistono

>il messaggio che propone è quello di una società fondamentalmente gerarchica

come se oggi la società non fosse gerarchica

>>5249
>Lo stesso Lang mi pare avesse detto di aver cambiato opinioni in età più avanzata
Voleva semplicemente che il film si chiudesse con una rivoluzione, non significa che ha fatto un film di destra, significa che l'intento del film era proprio rivoluzionario

 No.5255 SALVIA!

>>5254
Lascialo nel suo brodo che è palese stia cercando di tirare a sé, o meglio alla fazione politica per cui parteggia, un'opera nettamente di polarità opposta (v. Corto Maltese od Harlock appropriati da Casa Down) e lui sta facendo esattamente questo.



 No.4898[Rispondi]

La vita di Adele: qualcosa di sopravvalutato, oppure no?
30 post e 4 immagini omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.5243

>>5237
Con love ti sei smascherato hai la sensibilità di un macaco. Di quel film salvo solo la rappresentazione del club scambista che è raro vederlo al cinema. Per il resto è la storia di un coglione che si leva qualche fantasia per poi pentirsi. L ho chiuso, dimenticato e me ne sono visto un altro di seguito. Con mektoub sono 2 giorni che mi gira in testa e non ho voglia di guardare roba nuova pur avendo tempo. I tecnicismi li noti solo tu e gli altri 20 del corso di regia. Se un film funziona funziona indipendentemente dalla tecnica. (Entro certi limiti)

 No.5244

e poi la tecnica serve a enfatizzare parti di qualcosa che abbia trama, aumentando o abbassando il ritmo. Qui non c'è trama sono i classici vitafag che pensano ad accoppiarsi e divertirsi senza fare nulla di eccezionale. Si avvicina molto a un documentario

 No.5245

>>5244
>>5243
Che poi non voglio fare il guastafeste, ma la regia di Mektoub è davvero valida. Io di fotografia non me ne intendo e sto zitto, ma la scena che parte a 1.25 di embed relato ha dei tempi micidiali e si vede che c'è stata una preparazione incredibile del ritmo con il montatore. Adesso dico una cosa orrenda che farà impazzire il damsanon, ma Kechiche in Mektoub ricorda Rohmer e porcodio se lo ricorda bene. Pochi autori oggi sanno gestire gli attori con questa semplicità. E per tornare al discorso della competenza della regia, sempre in quella scena della chiacchierata tra i due, dà davvero la sensazione del tempo reale che scorre. Ho ancora vividissima la breve sequenza dell'apertura delle birre. E quello mi parla di Love dio cristo, il film più patetico di Noé. Ma vaffanculo alle argomentazioni, a che serve parlare coi pretenziosi come te?

 No.5247

>>5245
>Love
Oltre a gusti di merda, noto che non sappiamo neanche leggere. Se il senso del vostro guardare i film è cercare l'erotismo per tenerlo duro 3 ore, vi consigliavo "Love" come film erotico, non come film della vita. Un film dove scene esplicite diventano erotiche, mentre in Merdoub scene erotiche diventano porno di quart'ordine. Che poi Love sia scritto e diretto ottomila volte meglio di Merdoub, è un'altra constatazione che preferite ignorare.

>la scena che parte a 1.25

>tempi micidiali
>preparazione incredibile del ritmo
>il montatore
LOLLINO. La scena che citi è proprio quella che mi ha fatto droppare il film dopo i primi venti minuti. La preparazione incredibbbile si traduce in uno scavalcamento di campo dopo dieci secondi DIECI di scena. Porcodio: dieci secondi. E a seguire: fuochi sbagliati, movimenti goffi e messa in scena ridicola. Il montatore lì ha fatto dei miracoli per montare quella scena di merda, e lo noti dai microstacchi di inquadratura sullo stesso soggetto. Porcodio non parlate di tecnicismi e fotografia, che qui veramente cascate malissimo.
Aggiungete un dialogo che non c'è, perché sono due personaggi che non sanno cosa dirsi, l'imbarazzo che si vede è proprio quello degli attori che non sanno cosa fare.

>Kechiche in Mektoub ricorda Rohmer e porcodio se lo ricorda bene.

Io mattissimo. Ma taccio altrimenti prendo il ban.

Vi è piaciuto il film? Ve l'ha fatto venire duro? Stabbene, ma rimanete al principio "EHI a me è piaciuto", senza elevare roba stupida a cinema.
Non rispondo più, giuro, dite ciò che volete.

 No.5248

>>5247
Il problema è che Mektoub non è un film erotico dio santo, non c'entra proprio niente, non capisco come ti permetti di dirlo avendo visto letteralmente 20 minuti di film

>messa in scena ridicola

AHAHAHHAHSAHAHAHAHAHHAHSAHASHA vabbè ma allora non hai idea di quel che dici, ci sta, non avevo capito fossi COSI' scemo, tu devi essere davvero uno appena uscito dalla Holden. Poi con sta storiaccia dei fuochi dio porcane, ma cosa stai dicendo? La storia del cinema postmoderno è giocata sulla perdita del fuoco, da Cassavetes a Mekas. E no, non sto confrotando lolkechiche con sti due mostri, sto dicendo che rompere i coglioni sui fuochi significa proprio non sapere quel che si dice, o essere talmente tradizionalisti da credere che l'unico cinema sano sia quello hollywoodiano. Il confronto con Rohmer invece lo porto avanti volentieri, ma non con te perché che cazzo ne parliamo a fare se hai visto 20 minuti? Il protagonista di Mektoub ha più di una somiglianza col protagonista di Conte d'ete, ma vabbè, dai, se non ti interessa parlarne davvero non serve nemmeno che proviamo a capirci. Buon dams



 No.5178[Rispondi]

Aspettative?
22 post omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.5214

>>5210
sono due semplici amici, internet ti ha fottuto il cervello

 No.5217

>>5210
Come dice >>5214 ti sei fottuto il cervello, a prima vista sembrano solo amici, niente dal loro comportamento fa pensare ad altro (a meno che uno non ci voglia vedere altro).

 No.5218 SALVIA!

>>5210
>non ho amici

 No.5246

Bellissimi disegni e colori pazzeschi, comprerò l'artbook e vedrò il making of. 10/10 Personalmente spero un giorno tutti i videogiochi saranno così.

Per il resto: spero che lo stile "trp paxxo" con le battutine forzate del trailer non sia rappresentativo. Non capisco perché gag in animazione debba significare "proporre scene concitate con one liner a raffica per scimmie con l'ADHD". Quella è roba da Shrek… boh.

 No.5250

qualcuno mi dice che vuol dire "silenzio bruno"? non ho capito il gioco di parole/il significato



 No.5211[Rispondi]

Cosa sto guardando?


 No.5185[Rispondi]

Horrorfag questo l'hai già visto? È guardabile o è la solita roba Netflix?

 No.5207

Pensavo di guardarlo nel pomeriggio e di farti sapere, ma dal trailer proprio non mi ispira.

 No.5208

>Hollywood
>Netflix
Passo, grazie



 No.5118[Rispondi]

Incredibile la lucidità di Villaggio, e peccato che questo tipo di intervista si sia perso negli anni.
5 post e 2 immagini omessi. Premi "Rispondi" per visualizzare.

 No.5128

>>5127
Non ha tutti i torti però.
Per quanto i classici citati da villaggio siano per l'appunto, classici, nel discorso comune dei lolintellettuali moderni manca questa parte di vtirs generale e analisi, che fa un passo in più del VIVIAMO IN UNA SOCIETÀ e cerca alternative o quantomeno risposte.
Imho anche solo la sua descrizione di come la comicità di successo si sia evoluta con l'evoluzione del paese non è banalissima oggi come allora.
Sarebbe interessante vedere una risposta simile da checco zalone, che con i suoi limiti (mto più pietistico e consolatorio) mette in scena le contraddizioni dell'italietta, che ride sguaiatamente senza riconoscersi.

 No.5132 SALVIA!

Mah, una merda umana super sopravvalutato. Salvia odorosa per voi.

 No.5168

Il motivo per cui Joe Rogan fa le big views è che c'è fame di interviste di questo tipo.

>>5123
>le letture che propone sono scolastiche
Meglio di chi fa a gara a cercare le letture più esoteriche solo per distinguersi nel gioco degli intellettuali.
Se solo i letterati fossero costretti quanto i tecnici a fare davvero i conti con i giganti, invece di costruire carriere sul concern trolling e sul reinventarsi la ruota a cazzo di cane.

 No.5170

>>5168
Che grande verità che hai detto. La volontà di costruirsi basi culturali quasi esoteriche per sentirsi speciali è ridicola. Aggiungo anche che fossero davvero scolastiche, facciamo una indagine a campione sui maturati negli ultimi anni e vediamo quanti hanno letto qui romanzi. Io, per primo, ne conosco pochi perché leggo saggistica, però non vedo perché dire che ci si è formato su Hemingway sia una cosa da 4 soldi.

 No.5176

>>5170
Che poi alla fine non è che il giornalista gli abbia chiesto letture particolari, il giornalista ha chiesto le sue manie. Mi immagino anon al suo posto che cerca di scordarsi di aver appena speso quattro mesi a guardare anime e cita lo scrittore polacco morto giovane e suicida, copie vendute due.



 No.5173[Rispondi]

Momento momento momento…

Uno fa un film cinese decente e… si suicida? Lol!

Ma è vero che si è ammazzato dopo una discussione coi produttori come è scritto su Wikipedia?

 No.5174

dal trailer non si capisce un cazzo.
è uno di quei film con inquadrature statiche che indugiano sul protagonista cercando di trasmettere tutto il suo tumulto interiore? che risultano in scene con musica straziante e un muso giallo che fissa il vuoto per 10 minuti? il cui finale non ha un cazzo di senso?



  [Torna in cima]   [Catalogo]
Elimina post [ ]
Precedente [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]