[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]

/cul/ - Cultura

/mu/ + /film/ + /lit/ + /scr/ + /a/ + /co/
Nome
Email
 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: download.jpeg (4,84 KB, 282x178)

 No.2266

Multi topic thread su tenet, che ho visto questo weekend al cinema (sì, sono lentocco). Premetto inoltre che non mi sono informato affatto dopo averlo visto.

Primo punto: mi pare che il film abbia un po' troppi buchi di trama. Come fa Sator a tornare così tanto indietro nel tempo fino arriare al giorno sullo yatch dove era felice con la moglie? Questo momento non dovrebbe essere mesi, oppure anni, addietro? Vuol dire che è rimasto invertito per tutto quel tempo? Se sì non ci capisce dal film. Un sencondo buco di trama è quando il protagonista si inverte e torna all'aeroporto di Oslo. Perché diavolo combatte contro se stesso? Non ha senso. Il finale lo devo ancora ben capire in dettaglio per cui non posto alcuna considerazione.

Nel complesso l'idea è molto carina e ben eseguita anche se poteva sforzarsi ad essere più chiaro. Alcuni passaggi risultano incomprensibili come l'interrogatorio con Sator. Personaggi scialbi in generale ma mi è piaciuto molto Pattinson.
Non capisco chi dà giudizi negativi al riguardo comunque, il film è bellissimo visivamente e appassionante. Sarebbe potuto essere il miglior film di Nolan se non fosse stato per i buchi di trama e la poca chiarezza.

 No.2267

Da nessuna parte spiega come si faccia a decidere in che momento tornare indietro nel tempo, sei nel pieno della uncanny Valley.

All'opera combatte perché c'è tipo un attentato e in mezzo all'attentato c'è anche lui vestito da attentatore. Il suo io prima dell'inversione lo scambia per un nemico e lo picchia

 No.2268

>>2267
> Da nessuna parte spiega come si faccia a decidere in che momento tornare indietro nel tempo
Infatti, Il punto è il tempo scorre alla stessa velocità sia in avanti che indietro per cui mi sembra poco plausibile che Sator sia riuscito tornare mesi/anni addietro a meno che le vicende si svolgano in quel lasso di tempo (cosa che non sembra).

> All'opera

Non intendevo all'opera bensì all'aeroporto.

 No.2269 SALVIA!

Usare gli spoiler no?

 No.2270

>>2269
Anon basta hiddare il thread. Era chiaro che contenesse spoiler mica potevo coprire tutto il thread

 No.2271

Beh è Nolan, i buchi di trama sono all'ordine del giorno perché il suo obiettivo è costruire un sogno su schermo piuttosto che raccontare una trama davvero coerente. Infatti in Inception è andato full meta con tutto il discorso dei sogni nei sogni e ogni film di Nolan va visto prendendo gli strati della narrazione (tipo i livelli del sogno) e aggiungendocene uno ulteriore, quello dello spettatore in sala.

Sono film principalmente visivi basati su MacGuffin, show don't tell, costruzione delle immagini e artefatti magici. Persino un film realizzato con un consulente scientifico (Interstellar) è alla fine solo una "scusa" per raccontare una fiaba.

Paradossalmente in Nolan (che con Batman ha introdotto l'ormai abusato cliché del "gritty take" con Batman) non c'è alcuna velleità di realismo, ma solo volontà di raccontare una storia per immagini. Se lo vedi in questo senso non c'è alcuna rottura della suspension of disbelief, infatti The Prestige (che è tra i miei preferiti) è letteralmente un fantasy electropunk con Nikola Tesla.

Detto questo, è inevitabile vedere e cercare i buchi di trama quindi non è una critica a oppì. Tenet non l'ho ancora visto ma confermi molti dei miei timori (personaggi scialbi)

 No.2272

>>2268
Vabbè anche io intendevo all'aeroporto e non all'opera

 No.2273

>>2272
Ho capito ma c'è lui del futuro che tenta di sparare una pallottola in testa al lui del passato dio can. A livello di regia ci sta mettere questa scena per mostrare quanto è fico un combattimento tra una persona invertita o non, tuttavia il protagonista del futuro poteva benissimo evitare tutto ciò ben sapendo che cosa lui stesso del passato stava facendo.

 No.2274

>>2273
Nella mia valle dell'incredulità è impossibile cambiare il passato e futuro perché è tutta una stessa linea temporale. Lo dicono anche loro ad un certo punto che forse già il fatto che esistano è sintomo che non è finito il mondo e poi fanno spallucce perché nemmeno loro ci capiscono un cazzo

 No.2275

>>2274
> Lo dicono anche loro ad un certo punto che forse già il fatto che esistano è sintomo che non è finito il mondo
questo è esatto, però non è che provi spararti in testa con il tuo io del passato che tanto per vedere se la teoria funziona o no. A me sembra che il film, se consideri singole porzioni, funzioni ma nel suo insieme e ineterezza no

 No.2276

>>2275
>A me sembra che il film, se consideri singole porzioni, funzioni ma nel suo insieme e ineterezza no

Hai letteralmente descritto la filmografia di Nolan!

 No.2277

>>2276
Onestamente non avevo notato tutti questi buchi di trama in interstellar e inception.

 No.2278

>>2277
Interstellar più che altro ci sono le questioni scientifiche che non tornano

Inception non ci possono essere buchi di trama perché LOL SOGNO e in ogni caso sì, è piuttosto a prova di bomba non fosse per le motivazioni dei personaggi e stranezze varie, ma va beh

 No.2287 SALVIA!

>>2270
Quanto sei nuovo??

 No.2288

>>2287
Ma va va

 No.2296

Anche io ho visto il film pochi giorni fa.

>Gli oggetti invertiti


Ecco, questa proprio non me la riesco a bere. Voglio dire, i proiettili invertiti avevano la funzione di introdurre in modo vago e misterioso la tematica del film senza spoilerare troppo, ma una volta che la meccanica dei viaggi del tempo è stata spiegata, gli oggetti invertiti non hanno il benché minimo senso. Poi magari io sono stupido e non capisco, ma a me così sembra.

Esempio: qualcuno inverte una cassa d'oro e la sotterra, così da farla pervenire a Sator. Quindi la cassa viaggia in direzione opposta, ma nel momento in cui Sator la dissotterra, si allinea alla nostra linea temporale. Questo è completamente diverso da come funzionano i viaggi nel tempo per le persone fisiche, no? Perché in un dato momento dovrebbero esserci tre versioni di un oggetto (di cui una può essere ommessa perché l'oggetto originale ancoea non è stato costruito nel nostro secolo), ma a me risulta che la cassa dissotterrata sia una sola.

>I discendenti


Quello che mi fa più indispettire di Nolan è la pigrizia estrema nella scrittura. Cioè perde tantissimo tempo a costruire intrecci complicati, perché evidentemente gli piace molto questa parte della scrittura, ma ommette intenzionalmente parti molto importanti dell'intreccio solo perché non gli va. Dal punto di vista dello spettatore, alcune parti della trama sono curate a un livello di dettaglio maniacale, altre sono vaghe o appena accennate.

Era già successo con Interstellar: alla fine non viene spiegato chi ha creato il buco nero, viene inventata una stronzata qualsiasi che lascia amareggiato lo spettatore e rovina il finale.

Con Tenet è successo di nuovo: perché qualcuno dal futuro vuole distruggere il presente? Perché il cambiamento climatico. Scrittura stupida a livelli incomprensibili.

>Incongruenze e incoerenze varie


Non riesco a pensare che buona parte del film (più o meno quello che ci è stato mostrato nel primo trailer) sia quasi completamente scollegato dal resto del film.
Voglio dire: la terza guerra mondiale che doveva essere sventata, poi non se ne parla più, se ne dimentica sia lo spettatore che il regista. Qualcuno potrebbe argomentare che il protagonista ha mentito per motivare le persone che stava reclutando, ma perché avrebbe dovuto? Non sarebbe stato più semplice dire la verità?

 No.2299

>>2296
Op qui, non ci avevo pensato anon ma tutti i tuoi dubbi mi sembrano legittimi. Alla fine di tutto Nolan rimane un inefficace fanfarone.

 No.2472

Ciao OP, in effetti non c'è spiegazione per i viaggi nel tempo.
>>2271
>MacGuffin shoe don't tell
Guarda che non vuol dire "metti i buchi a cazzo", è una tecnica narrativa MA questo film è l'esatto contrario, è un susseguirsi di conversazioni botta-risposta affettati dove ti spiegano cos'è appena successo, è una roba da mongoloidi, imbarazzante da vedere.
>>2274
Questo, sembrerebbe impossibile 'non fare' ciò che è stato già fatto in reverse. Questo però cozza con i resti metallici invertiti e messi nelle cassette di sicurezza, quelli che dovrebbero provare "la terza guerra mondiale avvenuta".

Secondo me questo film è mediocre per tre motivi:
- Il principale è che il protagonista non ha un motivo vero per combattere. Non si sa chi è, dove sia nato, cosa pensi, cosa gli manchi, in cosa creda. Il motivo della bionda ricca infelice appena conosciuta è scarsissimo, non ci fa entrare in empatia, e 'salvare il mondo' è una roba troppo vaga, anche perché non c'è un "mandante" che alla fine sanzioni la riuscita del piano, il protagonista viene lasciato da solo e non si capisce la cia dove sia sparita
- I dialoghi sono mini spieghini veloci (il contrario di show don't tell) o battute del cazzo.
- È un james bond in ritardo di trent'anni, tante location con pezzi insulsi di trama, nessun colpo di scena, nessun intoppo nella narrativa, il fatto che l'inversione si limiti a prendere atto di ciò che è già successo 'al contrario' in realtà produce noia e basta, tranne forse quando lui si inverte per la prima volta e gli danno fuoco alla macchina

 No.2498

>>2472
>>2267
Mi correggo da solo, in effetti OP non si sceglie proprio il momento in cui tornare loro arrivano sullo yacht dopo aver fatto giorni e giorni in reverse, su quella grande nave, durante i quali la bionda guarisce dalla ferita, loro scendono dopo una settimana per oslo e lei tira dritto fino a due settimane prima. Quel momento non era di mesi prima, era l'ultimo tentativo che aveva fatto di salvare la relazione



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]