[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/cul/ - Cultura

/film/ + /lit/ + /scr/ e roba pretenziosa
Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

 No.3092

/Cul/, negli ultimi due giorni mi sono recuperato un paio di video di Odifreddi. Sono rimasto raggelato. Spara cazzate a raffica senza ammettere replica, e quando qualcuno gli risponde non ascolta la risposta e continua a sparare le stesse cazzate. NON. HA. AUTOCRITICA. In questo video, ad esempio, "discute" (meglio sarebbe dire monologa) con Barbujani e cerca di sostenere l'esistenza delle razze solo sulla base della propria ignoranza. Ovviamente quando Barbujani, che è genetista, gli da una risposta nel merito non capisce la risposta e tira dritto. Inb4: ma è basato. Sì vabbè, ciao pep.

 No.3094

Non a caso è l'idolo degli adolescenti kiesamaphya

 No.3095

>>3094
Dal paio di video che ho visto finora sono parecchio preoccupato per chi lo idolatra. Stava pure in live con Dufer (spocchia con spocchia) e stesso risultato: una sequela di cazzate spacciate per "razionalità" una dietro l'altra. Al momento mi sta al livello Fusaro.

 No.3096

>>3095
Fusaro è tecnicamente inappuntabile in tutto ciò che dice, nonostante sia una macchietta televisiva ridicola e una persona fortemente disturbata sotto svariati aspetti.

 No.3097

>>3096
Va bene Diego, ma ricordati che puoi shitpostare solo su /b/.

 No.3099

>>3096
Fusaro non è inappuntabile, Fusaro crea un'impalcatura di argomentazioni discutibili che tu devi accettare anche solo per discutere con lui. E, per come è fatta questa impalcatura, nel momento stesso in cui le accetti gli dai automaticamente ragione.

 No.3105

>>3099
È quello che fanno i filosofi.
Lui è un filosofo, i filosofi mettono insieme i palcature concettuali per tentare di spiegare alcune cose (o tutte).
Se hai modo di leggere un suo libro fallo, basarsi sugli interventi televisivi non è utile.
Ripeto, so benissimo che è una macchietta e che è disturbato, ma ho letto un paio di libri suoi, prima che diventasse un meme vivente.

 No.3107

>>3105
>ho letto un suo paio di libri
Quali?

 No.3114

>>3105
Non ho mai letto libri di Fusaro, sicuramente prima o poi dovrò farlo per parlare con coscienza anche del filosofo oltre che del personaggio pubblico.
Quello che volevo dire comunque è che i filosofi non mettono su solo delle impalcature concettuali, e soprattutto difficilmente mettono su dei sistemi concettuali chiusi. Il problema di Fusaro (parlo ovviamente per quello che gli ho sentito dire in televisione, nelle sue conferenze e nei suoi video su youtube) è che spesso applica un metodo totalmente sbagliato: prende dei pensieri, o meglio dei pensatori, di decenni o secoli fa e cerca di applicarli in maniera rigida alla realtà di oggi. Non si fa così. Questa è la stessa cosa che cerca di fare Odifreddi con Darwin nel video in op. I pensieri del passato vanno presi, studiati, analizzati, contestualizzati, decostruiti e inseriti nel proprio archivio culturale. Al fine di trarne, se serve, degli spunti per affrontare la realtà in cui si è inseriti. Applicare quello che diceva X alla realtà di oggi così, acriticamente, è un metodo sbagliato. Senza contare che l'altro problema enorme di Fusaro è che spesso parla di cose che non conosce o che tratta in maniera talmente superficiale che finiscono per non voler dire un cazzo. L'unica cosa che apprezzo davvero di Fusaro è la faccia tosta che ha per esprimersi in televisione con un linguaggio così volutamente assurdo. Credo che nella costruzione del suo personaggio sia stato geniale. Appena uno parla di mondialismo liberalsupercazzolaro sai già che il lessico l'ha preso sicuramente da lui. Ma fuori da questo non mi sembra che ci sia molta ciccia alla base delle sue parole.

 No.3116

>>3107
Marx e l'atomismo greco
Minima mercatalia

 No.3118

>>3114
>prende dei pensieri, o meglio dei pensatori, di decenni o secoli fa e cerca di applicarli in maniera rigida alla realtà di oggi
Nei libri non è così, fa quello che fanno di solito i filosofi nei saggi. Partono dal dato odierno, lo confrontano con i pensatori passati e applicano i loro "aggiustamenti".
Prendi concetti come "l'infinito" o "il tempo": in che accezioni possono esistere oggi? Questo è ciò che di solito leggo nei saggi di filosofia.
Per esempio Sloterdijk, con le Sfere o con "il mondo dentro il capitale": si rilegge varie dinamiche umane, dagli affetti intimi alla globalizzazione, utilizzando un paradigma unificante.
Sono modi per tentare di spiegare le cose, ognuno è ovviamente limitato, ma non vedo in Fusaro dei limiti tecnici abnormi, come si potrebbe pensare dalle sue apparizioni televisive.

 No.3119

>>3118
Ti ringrazio, me ne stai dando già un'impressione migliore.

 No.3120

Non so quale sia il suo rank tra i matematici (logici?), ma mi sa che non è molto alto visto che si dedica parecchio alla divulgazione e all'opinionismo.

Nella divulgazione dei concetti matematici e della storia della matematica è bravo.

Il diavolo in cattedra è un buon manuale di logica e storia della logica pre-universitario.

La matematica del Novecento è un buon saggio storico.

La Matematica (un pippone in 4 volumi di millemila pagine ognuno) è un buon manuale di storia della matematica.

Il computer di Dio e La Repubblica dei numeri sono ormai antidiluviani e non me li ricordo più, ma penso mi siano un po' piaciuti quando avevo 15 anni.

Per il resto, quando non parla di roba matematica, è un po' meh e se la tira parecchio e se messo in dialogo con un tecnico di un'altra disciplina fa sempre una figura barbina.

Non guardo mai le sue interviste perché mi sta in culo il suo modo di fare.

 No.3121

Dimmi un po' OP, che preparazione accademica hai per dare ragione a Barbujani piuttosto che Odifreddi al di là dell'apparenza dialettica che purtroppo si presta a partigianismi?
Perché da come la vedo io basandomi sui miei studi in Medicina ha ragione Odifreddi e preciso che lo disprezzo profondamente da sempre per innumerevoli motivi e Barbujani è totalmente soggiogato dalla narrativa del politicamente corretto dove la pressione accademica da parte delle "cricche" umanistiche ti fa sbattere fuori anche dagli ambiti STEM se non approvi a scatola chiusa il pacchetto ideologico completo anche quando è totalmente in opposizione alla realtà fattuale.
Ah, ovviamente l'esistenza di ceppi/linee/diversificazioni delle popolazioni umane con determinate predisposizioni il termine razze è formalmente scorretto e soprattutto avvelena il pozzo appena viene menzionato per via della fortissima polarizzazione ideologica e storica quindi evitiamolo non è in alcun modo collegato allo stabilire una graduatoria di dignità umana, anzi riuscire a dire liberamente che determinate popolazioni hanno dei problemi in una società sana sarebbe il primo passo per risolverli, ma ovviamente bisogna fingere che non esistano così da ignorare qualsiasi forma di politica di reale integrazione.
>>3120
Comunque sì è uno spocchioso arrogante che piscia fuori dal vaso e non dovrebbe parlare dal vivo perché con quel modo di fare aliena chi è in bilico e sostanzialmente danneggia la causa che dovrebbe perorare.

>>3096
>>3114
>Fusaro
No, perdi tempo e come dice >>3099 ti fa giocare ad un gioco dove detta lui le regole e non puoi vincere anche se sostanzialmente parte da fatti reali per trarre conclusioni fuori di testa.

 No.3122 SALVIA!

>>3121
Op qui. Sono un fuoricorso storico in filosofia e quindi il tuo interesse al mio commento finisce già qua. Perché commento allora? Infatti salvio.
Quello che intendevo è che Odifreddi fa delle cappellate di argomentazione grosse come case. E in quanto logico mi preoccupa. Inoltre volevo far notare che l'atteggiamento che teneva era proprio disfunzionale alla comunicazione. E da logico non mi stupisce. Perché se sono "storicamente fuoricorso", come mi sono pomposamente annunciato, è anche perché ho avuto delle brutte esperienze con i logici.
Ma come ho già detto il mio commento non è rilevante e quindi byes.

 No.3123

>>3121
Ora uso la stessa tecnica di chi grida al politicamente corretto:
>politicamente corretto
Il "politicamente corretto" è una formula usata da quei soggetti che vedono nelle politiche progressiste qualcosa di non politicamente corretto nei propri confronti.
Guerrieri che vi battete contro il "politicamente corretto", siete delle fighette infiammate.

 No.3126

File: 2 cent.png (502,18 KB, 516x516)

Se la genetica non restituisce quella che è un'evidenza dei sensi, della medicina, della cultura, dell'antropologia, dello spiritualismo, della cucina e più in generale della logica, il problema è della genetica e non della logica.

 No.3129

>>3122
No no niente pregiudizi accademici cioè alla fine studi filosofia che memini e disoccupazione a parte resta un ambito dignitosissimo, era giusto per capire il tuo punto di osservazione della faccenda.
Sul fatto che Odifreddi si esprima come una bestia infilando cappelle una dietro l'altra è, purtroppo, incontestabile…magari è colpa del setting dal vivo dove deve parlare a braccio e non ne viene a capo, magari scrivendo con calma e potendo controllare i riferimenti argomenterebbe correttamente.
Quindi non sbattere i piedini ed argomenta, non sei mica un sociologo od un antropologo culturale quindi cose sensate da dire le hai.
P.S.: ma coi logici intendi i filosofi analitici? Perché quella merda non ha senso al di là dell'essere un esercizio di stile "possiamo fare filosofia anche con un linguaggio matematico anziché descrittivo" ma finisce lì ed è un ramo secco che non porta nessun frutto. E per me nasce dall'invidia dello STEMpenis di alcuni filosofi verso le scienze propriamente dette, ma è una opinione personalissima e questionabilissima.
>>3123
Prova a dire in un qualsiasi ramo della facoltà di Bologna cose del calibro "non tutti quelli che si dichiarano transessuali lo sono realmente ma razionalizzano altri problemi nel desiderio di fuggire dal proprio sesso biologico e dai ruoli che questo impone" o "non tutte le coppie gay devono poter adottare per svariati motivi e sicuramente ci vogliono più dati" e vedi quanti femtosecondi resta attaccato alla cattedra/dottorato il tuo culo.
Poi che pepacci, alt-righters e reazionariume vario siano feccia è fuori discussione e lo do per scontato, d'altro canto ci sono posizioni prettamente ideologiche della parte avversa così calcificate che impediscono qualsiasi forma di analisi obiettiva.

>>3126
Cosa non restituirebbe di grazia la genetica?

 No.3139

Boh io ho sempre pensato che Odifreddi fosse un coglione.
Penso la stessa cosa di quel coglione (e plagiaro) di Galimberti.
Due teste di cazzo imo.

 No.3140 SALVIA!

>>3139
Beh ma è un giudizio illuminante che ci arricchisce enormemente, sia a livello dialettico che umano.
Grazie di aver condiviso queste coraggiose, geniali e scomode opinioni.

 No.3141

>>3140
Prego bro

 No.3142

Ho visto quel video e per me ha ragione.
Barbujani sta parlando di distanza senza parlare di clustering, cosa che odifreddi probabilmente capisce meglio, e che evita per evitare di dover andare di tecnicismi in pubblico.

 No.3152

>>3142
>Distanza senza parlare di clustering
>Odifreddi non approfondisce perché il pubblico non capirebbe
Più che altro è impossile da spiegare a voce senza tirare fuori slide o lunghi discorsi verbosissimi che non possono letteralmente essere fatti in quel setting.
Il problema di Odifreddi è che si ostina a prestare il fianco a ste robe perché è un narcisista e si mette in situazioni dove ha ragione ma l'altro sembra che abbia ragione perché può esporre meglio.

 No.3153

>>3092
Uno dei piu' grandi coglioni che calpesti il suolo italico

 No.3154 SALVIA!

>>3153
Concordo e pensa riuscire ad avere più torto di quello stronzo, lol Barbujani merdaiolo.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]