[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/cul/ - Cultura

/film/ + /lit/ + /scr/ e roba pretenziosa
Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: iqzrix.jpg (8,45 KB, 150x233)

 No.6825

negli anni 80 c'erano spielberg e kubrick quando si voleva fare un esempio di top registi e creatori di ottimi film

oggi chi abbiamo? vedete quanto tempo ci mettete a farvene venire in mente uno?


l'unico regista paragonabile ai due di sopra, oggi, è sissignori farà ridere ma è Nolan (tra l'altro a me tenet è abbastanza piaciuto)

 No.6830

Malick

 No.6833

TaRaNtIno

Wes Anderson perché l'autismo la simmetria l'ordine

 No.6834

Inarritu

 No.6835

Refn

 No.6837

Favreau

 No.6838

Maccio Capatonda

 No.6839

Neri Parenti

 No.6840

Chissà come sarà il genio dei registi nati nel 2000.

 No.6842

Uff che domandine. Se ti riferisci a registi in grado di costruire un loro genere specifico e ottenere grande successo di pubblico e critica, allora sì Nolan è un esempio calzante. Però non significa che no ci siano registi eccellenti con un approccio specifico, semplicemente non sempre hanno questo gran successo (o registi di grande successo non hanno questa gran voce autoriale).
Comunqu Villeneuve, perché anche se i suoi ultimi 2-3 film non mi sono piaciuti, rientra nella definizione di cui sopra.

 No.6843

Marc Dorcel ovviamente.

 No.6844

>>6830
Questo, ovviamente.
E Charlie Kaufman.

 No.6845

>>6844
Intendi Lloyd Kaufman, vero?

 No.6846

>>6845
Lollo ma no.

 No.6847

Villeneuve

 No.6848

>>6847
gran pilota, ma che c'entra col cinema anon?

 No.6860

itt: assoluti illetterati cinematografici

 No.6862

>>6860
Dì il tuo regista, invece di spergare.

 No.6877

File: 208868306520642.jpg (141,44 KB, 1080x1204)

>>6862
Se il confronto è anche sui generi, Paul Thomas Anderson è l'unico così eclettico e valido da poter meritarsi un paragone. Se invece OP vuole solo registi su cui segarsi ci stanno solo Trier e Lynch, pure se ormai sono morti. Se dio ce la manda buona presto si aggiungerà Nemes, anche se è poco produttivo.

 No.6882

>>6877
Ma allora lo vedi che sei stronzo, dici che sono illetterato a mettere Kaufman e poi metti Anderson. Guardati Synechdoche New York e non rompere il cazzo, indisponente che non sei altro.

 No.6887

File: 326232.jpg (139,67 KB, 1080x1078)

>>6882
Ma cosa cazzo c'entrano Kaufman e Kubrick? E' solo questo che mi turba. Kubrick è uno dei pochi registi che ha toccato tutti i generi, e così Anderson. Kaufman fa film per ricchi borghesi ebrei, è un Woody Allen che prende troppo sul serio la vita e la sua depressione da privilegiato bianco, è un rompicoglione di prima classe. Poi se guardi la sua filmografia gli sono usciti bene due film, di cui uno è ovviamente Synecdoche, e tutto il resto è spazzatura superflua. Persino Adaptaion è scaduto col tempo, e uno ai tempi pensava che sarebbe stato un grande classico e invece è solo una mezza cagata simpatica. Ma poi ehi, mia nonna diceva sempre che i gusti non si disputano anon, non te la prendere.

 No.6888

>>6848
https://it.wikipedia.org/wiki/Denis_Villeneuve

E ora vattene da /cul/ e tornatene su /b/

 No.6889 SALVIA!

>>6888
>spaziatura da reddit
vabbé
Chiaramente ero ironico, i suoi film sono dimenticabili e non spicca per creatività

 No.6895

>>6888
Eccerto, perché non gli bastava aver rovinato Blade Runner, doveva rovinare anche Dune, facendolo uguale a Blade Runner.

 No.6897

File: 1865f96b41dff058fe4b415933….jpg (60,45 KB, 771x785)

>>6895
>aver rovinato Blade Runner
Ma se è uno dei pochi reboot che non caga sull'originale e anzi lo tratta con il rispetto che merita e ne amplia la portata? Poi visivamente è spettacolare.

 No.6898

>>6897
questo

 No.6903

>>6897
Definisci
>non caga sull'originale ma anzi lo tratta col rispetto che merita e ne amplia la portata
Definiscilo, per piacere.
Perché a me invece sembra il blockbusterino classico, col momento nostalgia di Harrison Ford, il pazzo/cattivo supermacchiettistico di Jared Leto, la donna-chiave-dell'universo Mackanzie Davis e Gosling che fa il protagonista di Drive.
La figa-ologramma sarebbe un momento potenzialmente interessante, lo rovinano con quella PVTTANATA del sesso "a tre".
E persino l'utilizzo di spezzoni del primo BR, che è il livello di bassezza estremo che usa un seguito quando non sa più cosa fare.
Non dico che sia una merda fotonica come Trainspotting 2, ma ci si avvicina parecchio.
Sulla fotografia ti dò anche ragione.

 No.6910

>>6903
>Definisci
Il personaggio di Ford viene ampliato in modo coerente senza snaturarlo e aumentandone la profondità. In più è inserito perfettamente nella trama.
La società descritta è uno sviluppo di quella del primo film riuscendo a fondere l'immaginario futurista anni '80 con quello attuale, in pratica sono entrambe lo specchio dell'epoca che le ha immaginate e vengono rilegate bene insieme lasciando certi problemi sociali e creandone di nuovi coerenti con quelli attuali (es. la solitudine e le relazioni virtuali).
Il tema della vera natura dell'essere umano è sempre presente e qui gli si aggiunge un livello.
Lo slogan pubblicitario viene trasformato in un mantra religioso dai "prodotti" stessi a cui si riferiva. Anche qui ampliando e aggiungendo simbolismo. In pratica ha introdotto un elemento religioso assente nella società del primo e ad introdurlo sono stati dei "non-umani". Ma quante cose sono più umane e sociali di una religione e la vita interiore che implica?
Il protagonista con il suo tormento è di grana lunga uno dei personaggi più interessanti che abbia visto in un film di fantascienza e vedere come prima viene sconvolto e poi distrutto dal plottwistone mi ha seriamente colpito.
>Definiscilo, per piacere.
Se vuoi continuo, ma penso di aver reso l'idea.

>blockbusterino classico

Porcodio ma se non se l'è inculato nessuno e ha venduto malissimo perché è un film di 3 ore? Come fai a chiamarlo blockbuster? Cosa avrebbe busterato? E poi classico di che? Che la fantascienza è praticamente solo starwars e qualcosa nei cinecomics? E poi quanti blockbusterini classici trattano temi così profondi in questo modo? La gente davanti al blckbuster vuole spegnere il cervello e fare wow davanti agli effetti speciali.
>il pazzo/cattivo supermacchiettistico di Jared Leto
Lui un po' classico, a me non è dispiaciuto ma qui sono gusti.
>la donna-chiave-dell'universo Mackanzie Davis
Non vedo il problema di un personaggio così carico di aspettative che tra l'altro non fa nulla nel concreto e quindi non è il classico prescelto-che-fa-tutto. E comunque è Carla Juri non Mackenzie Davis.
>Gosling che fa il protagonista di Drive
Non capisco se è a favore o contro.
>sesso "a tre"
Preso in parte da Her, a me non è dispiaciuto ma qui sono gusti.
>spezzoni del primo BR
>livello di bassezza estremo
>usa un seguito quando non sa più cosa fare
Io l'ho trovato di gran classe e il miglior sistema citazionistico visto fin ora per il modo in cui è inserito sia nella trama che nel girato. Tieni conto che il mondo è lo stesso a distanza di trent'anni, mi aspetto che ci siano delle registrazioni in quel fottuto 2049 no? Sarebbe strano il contrario, non credi?
>Trainspotting 2
>ci si avvicina parecchio
mavaffanculova

Io qui sento solo puzza di preconcetti perché ti hanno toccato il filmettino e non sei in grado di guardare oltre il tuo naso perché sei troppo indinniato.
Ti consiglio di riguardarlo in modo più obiettivo, ma dubito tu ne sia capace.

 No.6911

>>6910
Aggiungo che il plottwistone ti fa credere di essere davanti al classi prescelto con il mondo sulle spalle e poi sovverte questa idea caricando tutto sulle spalle di un personaggio secondario, a me non sembra banale come struttura narrativa e sono riusciti a non telefonarlo troppo, cosa non facile e sicuramente non da blockbusterino classico dove capisci il finale ad un terzo del film.

 No.6913

>>6911
>Quello spoiler
Va che lo capisci prima della metà del film se sei un pelo avvezzo al tipo di narrativa.

Comunque concordo con l'altro anon, fotografia WOW, trama e personaggi nammerda, l'unica parte interessante poteva essere la IA davvero senziente e invece bucchini.

 No.6915

>>6910
>>6911
Grazie della risposta esaustiva.
>Il personaggio di Ford viene ampliato in modo coerente senza snaturarlo e aumentandone la profondità. In più è inserito perfettamente nella trama
Questa è un'opinione non argomentata. Secondo me invece Ford c'è stato messo perché il motivo fondante per il quale siamo andati a vedere 2049 è l'affetto verso il protagonista di BR (molto banalmente) e il non ritrovarlo sarebbe stato fonte di tristezza.
In più fa il nonno ubriacone, e MALEDETTO DIO metà del tempo sullo schermo è all'interno di uno spara-spara. Un peccato.
>La società descritta è uno sviluppo di quella del primo film riuscendo a fondere l'immaginario futurista anni '80 con quello attuale
L'inserimento dell'aspetto religioso e ambientale mi piace, ma anche qui lo vedo proprio grezzo. In più, l'assenza di tutto l'aspetto caotico e brulicante della città è secondo me troppo netta, sembrano due mondi totalmente diversi, tenuti insieme dal citazionismo del grande schermo pubblicitario. Anche qui, colpo basso.
>Il protagonista con il suo tormento è di grana lunga uno dei personaggi più interessanti che abbia visto in un film di fantascienza
Anche questa è un'opinione non argomentata. Potrei dirti che sono entrato più in empatia con il tormento dei protagonisti di Gattaca, Brazil e L'esercito delle 12 scimmie.
>E poi quanti blockbusterini classici trattano temi così profondi in questo modo?
Ma quali temi profondi, dài.
>Non capisco se è a favore o contro
Per "Goslig che fa il protagonista di Drive" intendo dire che recita esattamente lo stesso personaggio autistico e monoespressivo, è letteralmente identico. Non a caso l'immagine del tuo post è diventata un meme, è l'unico tentativo di Gosling di esprimere un'espressione e lo fa in modo talmente ridicolo che è diventato un meme.
>Io l'ho trovato di gran classe e il miglior sistema citazionistico visto fin ora per il modo in cui è inserito sia nella trama che nel girato
Per me è un nostalgia-moment di infimo livello, ed è letteralmente ciò che fa Trainspotting2.
>Io qui sento solo puzza di preconcetti perché ti hanno toccato il filmettino
Può darsi. Io vedo una trama diluita in paesaggi spettacolari, con un plot twist che SIA DANNATO IL CLERO ci arrivi andando ad esclusione dei personaggi, ed il fatto che sia un secondario hikkikomori rende solo più ridicola la cosa, ma capisco che il senso del ridicolo non sia universale.
>Ti consiglio di riguardarlo in modo più obiettivo, ma dubito tu ne sia capace
Come vedi io evito di dare giudizi a te, per avvalorare la mia tesi. Cerco di parlare esclusivamente del film.

 No.6930

>>6825
>Oh vecchio ma ti rendi conto che in Tenet combattono andando uno indietro nel tempo e uno in avanti? Cioè non so se sei capace di capire cosa ti sto dicendo ma è proprio la verità! Come gli sarà venuto in mente? Un genio, un genio… Vorrei essere come Nolan e avere queste idee geniali, inoltre avendo messo anche il protagonista afroamericano direi che non gli si può proprio dire niente eh! Eheh, prossima settimana vieni con me a vedere Dune? Senza di noi l'alto cinema sarebbe finito, pensa te!

 No.7119

Sorrentino e Tarantino

 No.7120

Mi stupisce non aver letto il nome di Almodovar finora.
Per aggiungere un pochino di cibo per il pensiero dei due anon che discutono su Blade Runner 2049, due osservazioni:
1)L'uso di luci/ombre nell'originale comparato con la relativa assenza di contrasto del sequel e la forte denaturazione dei colori riflettono un po' la moda di questi anni che si vede in un certo tipo di cinema (anche Dune infatti è così). Tra l'altro, nel sequel le uniche sequenze con più saturazione sono quelle in cui Gosling sì il nome dell'attore, lui tanto interpreta sempre lo stesso personaggio, cioè se stesso va a cercare Deckard fuori dalla città, cioè quelle che più vanno a stabilire un contatto con l'originale. L'ho trovato interessante.
2) La colonna sonora del sequel è imbarazzante. Capisco che Hans Zimmer segua ottantamila film ogni anno, ma uno sforzo in più sarebbe stato gradito (soprattutto se sai che verrai messo a confronto con il capolavoro di Vangelis). Seriamente, avrei preferito un film senza colonna sonora piuttosto che quello che è stato fatto.

 No.7121 SALVIA!

>negli anni 80 c'erano spielberg
mica è morto spielberg, sta ancora lavorando
salvia perché ci sono ancora lynch, haneke, allen, coppola, scorsese, de palma, polanski, malick, cronenberg che girano o hanno girato fino a pochi anni fa, inoltre abbiamo von trier, refn, sokurov, lanthimos, bong joon-oh, tarantino, anderson, kaufman, aronofsky…

 No.7123

>>7121
Grazie per l'elenco inutile anon, ma in op si sta a chiaramente chiedendo di quali potessero essere i registi generazionali o comunque più esemplificativi del cinema degli ultimi anni
Per dirti, Tarantino sicuramente è stata una delle voci degli anni 90, ma come influenze lì è rimasto.

 No.7124 SALVIA!

>>7121
salvia perché la tua comprensione del testo è evidentemente nulla

 No.7138

>>7123
>ma in op si sta a chiaramente chiedendo di quali potessero essere i registi generazionali o comunque più esemplificativi del cinema degli ultimi anni

ma perché kubrick dovrebbe essere esemplificativo degli anni 80? che cazzata

 No.7140

>>7138
Non esemplificativo,ma un regista mito di quell'epoca ancora all'apice



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]