-  [WT] [Home] [Cerca] [Impostazioni]

[Indietro]
Modalità del post: Risposta
Nome
Email
Soggetto   (reply to 4829)
Messaggio
File 1
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, PNG
  • Dimensione massima del file: 4098 kB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridotte.
  • Attualmente ci sono 495 post unici. Visualizza catalogo
  • Blotter aggiornato: 2019-12-19 Mostra/Nascondi Mostra tutto

File 157757903976.jpg - (1 MB , 1300x1841 , 1576958182332.jpg )
4829 No. 4829
Aldilà dei soliti grandi nomi (Adelphi, Mondadori, Feltrinelli, Bompiani etc.), quali sono editori di qualità ma meno noti al grande pubblico che anon consiglierebbe? E da quali, invece, converrebbe stare alla larga?
Espandi tutte le immagini
>> No. 4830
File 157757958595.gif - (0 MB , 500x377 , 1563770691410.gif )
4830
Le case editrici consigliate sotto al filo su >>/b/

>Edizioni Storia e Letteratura
>Il Mulino
>Laterza
>Raffaello Cortina Editore
>Città del Sole
>Mediterranee
>Editori Riuniti
>Nero
>Iperborea
>SE
>ES
>Abscondita
>Bollati Boringhieri
>Radio Spada Edizioni
>Edizioni di Ar

>> No. 4834
Dipende da quello che cerchi OP, le case editrici "minori" tendono a essere più settoriali nella scelta di quello che pubblicano.
A me piace particolarmente Iperborea:
Il formato dei libri è più "tascabile" - più sottile e slanciato - e personalmente apprezzo la varietà di autori scandinavi che pubblicano.
Non solo i soliti gialli/noir svedesi, ma un po' di roba danese e islandese, Paasillina che amo, etc.
Nell'ultimo anno hanno pure iniziato a pubblicare "The Passenger", libro/rivista trimestrale di approfondimento su un paese del mondo, con articoli, saggi, foto etc. Sia quello sul Giappone che sul Portogallo erano ottimi,


Cancella post [ ]
Password  
Report post
Motivo  
/r/ Archivio