[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]

/pol/ - Politica

Nome
Email 
Messaggio
File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: monopoly.JPG (45,24 KB, 458x424)

 No.30900

https://www.theguardian.com/fashion/2020/jun/29/italian-fashion-needs-to-confront-its-racism-say-industry-insiders

Verranno anche da noi, prima o poi.
La nostra cultura millenaria verrà distorta, perversa, cambiata e censurata ad uso e consumo di subumani del terzo mondo.
Il processo sarà lento, subdolo, mai secco e deciso, e sarà naturalmente accompagnato ed applaudito dalla sinistra.
Resisteremo un po' di più perché non siamo ignoranti murikani ma alla fine l'ovest cederà anche qui e sarà una poltiglia scura in un meticciato globale.
Ditemi pure di tornare su /b/

 No.30901

Hanno ragione.
D&G ha perso un sacco di soldi con il suo spot di dubbio gusto sui cinesi.

 No.30903

Il meticciato globale è cominciato quando per fare Roma - New York non ci sono più voluti mesi di nave ma 8 ore di volo. Non è una cosa decisa a tavolino o salcazzo ma la globalizzazione è successa e ce la dobbiamo tenere. Questo per la parte sul lolmeticciato che già ti definisce come uno schizzato deficiente.

Per il resto in parte hai ragione, il sistema capitalista tende ad una appiattimento dei bisogni a livello planetario e la nostra sinistra tende a prendere paro paro i problemi del faro dell'occidente, gli USA, e a riportarli senza filtri nei paesi europei. Io penso che queste cose prenderanno più piede in Francia e Inghilterra piuttosto che in Italia, Spagna e anche Germania perché quelli sono Stati con un passato coloniale forte e davvero multiculturale, noi abbiamo qualche centinaio di migliaio di immigrati e poco più, se già smettessimo di metterli tutti in case famiglia monocolore della pelle e li dividessimo non sarebbero più tutti in giro in branco a bighellonare e non sembrerebbero milioni di miliardi all'opinione pubblica. Io non sono granché preoccupato in tutto questo, 2000 anni fa era normale sgozzare capretti in onore di divinità che dovevano proteggerti dal mal di denti, 500 anni fa era normale strappare i dannati negracci dalla loro terra e venderli come merce qualsiasi in circa tutto il mondo.
150 anni fa per la donna era normale essere una cagafigli mentre l'uomo lavorava la terra del latifondista che era investito della sua nobiltà dal volere di Dio quindi lui e la sua famiglia sarebbero rimasti sempre latifondai e i pezzenti sempre pezzenti.
Questo per dire cosa? Che i lolvalori che pensi che perderemo se hanno 100 anni è tanto, non c'è una scala di valori universale che ci portiamo dietro dall'alba dei tempi e che è una cosa fluida e sempre in cambiamento che vede una contrapposizione tra chi il cambiamento lo vuole accelerare e accompagnare e che oppone resistenza allo stesso con in mezzo un folto numero di gente che se ne fotte e semplicemente lo subisce.

Vivi sereno, vivi la vita come meglio credi, che tanto se sei tra i 25/30 anni tanto 50 anni sarai anche tu cibo per vermi e di farti tutto sto sangue marcio per il lolmeticciato o stocazzo non ne vale la pena

 No.30904 SALVIA!

>>30903
>fraa chissene il tempo passa i valori cambiano cosa stai a credere in qualcosa fraa non serve a niente

che immenso idiota

 No.30905

>>30904
Torna su /b/ visto che non sei in grado di argomentare senza insultare e non hai contenuti.

 No.30906

File: ClipboardImage.png (431,31 KB, 1210x726)

File: ClipboardImage.png (818,89 KB, 960x576)

>Gucci’s blackface jumper, Prada’s golliwog trinket
In pittura e vi accorgete bene che non centra un cazzo col razzismo. Il primo è un cazzo di pseudopassamontagna e il secondo è una scimmia: se qualcuno (negri compresi) ci vede un negro è perché vogliono vederci un negro.
>“Everyone is prepared to say: ‘Oh, we’ve put a black or mixed-race model on the catwalk, or on the cover of a magazine,’ but behind the scenes there are no black designers or merchandisers.”
Considerando che gli stranieri residenti sono meno del 10% della popolazione, e che di questi il 30% proviene da Romania e Albania è estremamente naturale che ci siano pochissimi neri, soprattutto perché la maggior parte degli stranieri è di ceto basso e per fare il designer serve il soldino.
Ma in fondo questo è quello che si ottiene facendo parlare solo le emozioni e non i numerini.

 No.30907

un altro filo in cui op parte dal presupposto errato che gli italiani siano bianchi e non nordafricani
also >torna su /b/

 No.30909

>>30906
Beh, oddio, i secondi sembrano proprio dei dannati negracci.

>Ma in fondo questo è quello che si ottiene facendo parlare solo le emozioni e non i numerini.


Considerando che la maggioranza delle persone in ogni tempo e luogo guarda a quelle e non ai numerini è presto detto perché la gente che vince le elezioni non è mai quella che sciorina i dati ma quella che "signora mia, mi creda, verranno ad arrubbarci le donne, mi voti che chiudo i porti"

 No.30910

>>30905
>non sei in grado di argomentare senza insultare e non hai contenuti
Guarda che lì sopra mi hai dato dello "schizzato deficiente", e le uniche argomentazioni che hai portato è Roma - New York che diventa più veloce.

 No.30911 SALVIA!

>>30910
>fa un discorso da schizzato in OP
>gli danno dello schizzato e si offende
>hurr hai detto due cose quando ho fatto un mezzo wot

Se non sei capace a leggere più di tre righe non è colpa mia. Salvia su di te e i tuoi soliti deliri contro negri, froci, turbomondialismo ecc

 No.30912 SALVIA!

>>30911
Questo e in più ricordiamo che è il mercato che coccola i negri, i froci e il turbomondialismo.
Free Market Wins.

 No.30913

>>30906
Gucci e Prada sono multinazionali che vendono molto negli Stati uniti, dove la blackface è un argomento sensibile. Quelle in pittura lo richiamano perché riprendono i tratti semantici delle caricature razziste (pelle estremamente nera, labbra grosse e rosse).
Per la seconda parte del post, ripeto. Stiamo parlando di multinazionali con uffici creativi e produttivi in tutto il mondo e tu prendi le percentuali degli stranieri in italia?
Dai su, 2/10.

 No.30914

>>30906
>non centra un cazzo col razzismo
No guarda non c'entra nulla, io lo vedrei più come un regalo all'alta moda francese.
Non ci vuole un genio per capire che se vendi beni di lusso devi COME MINIMO coccolare i tuoi clienti ricconi&triggeroni, che siano cinesi arabi negri o russi.
Tra l'altro penso che lo spot della francia sulla pizza al covid non sia stato una coincidenza, ma sia in realtà servito per attirarsi ancora più simpatie cinesi e guadagnare di più.

Sarebbe come se la Huawei facesse uno spot dove raffigura l'italia come piena di ubriaconi fancazzisti che suonano il mandolino, mangiano pizza e pasta e si sparano addosso facendo il gesto "che minchia vuoi?".

 No.30915

>>30907
fonte?

 No.30916

>>30914
>se vendi beni di lusso devi COME MINIMO coccolare i tuoi clienti ricconi&triggeroni,
Magari è proprio il contrario per i beni di lusso e sono i ricconi che ricercano la marca.
>Tra l'altro penso che lo spot della francia sulla pizza al covid non sia stato una coincidenza, ma sia in realtà servito per attirarsi ancora più simpatie cinesi e guadagnare di più.
Davvero, e in base a cosa lo puoi dire?
>uno spot dove raffigura l'italia
Perché si dovrebbe alienare il mercato italiano?

 No.30917

>>30916
>Magari è proprio il contrario per i beni di lusso e sono i ricconi che ricercano la marca.

Ehm, no? Nei beni di massa te ne fotti perché hai un mercato ampissimo e se uno si sente offeso ce ne sono 10 che comprano al posto suo, nel lusso insieme al bene devi vendere un brand e un'esperienza, già che vendi lo stessa t-shirt del mercato a 100 volte il suo prezzo reale

 No.30918

>>30917
Buh, io ho sempre pensato che i beni di lusso avessero principalmente un valore simbolico e quindi al riccone che la compra non sarebbe mai importato quanto effettivamente faccia schifo una scultura, se è d'oro.

 No.30920

>>30918
Tanto più per quello il contorno è importante se no cosa cambia comprare da Gucci o Louis Vuitton?

 No.30921

File: luigidimaio_portaaporta_fg.jpg (85,77 KB, 1280x852)

>>30915
cristo. pure salvini che dovrebbe essere il difensore della razza italica sembra un mullah

 No.30922

File: ClipboardImage.png (196,18 KB, 810x500)

>>30913
>Quelle in pittura lo richiamano perché riprendono i tratti semantici delle caricature razziste (pelle estremamente nera, labbra grosse e rosse).
Io vedo un passamontagna con delle labbra (di che colore sono i passamontagna tradizionalmente?) e una scimmia. Vedi altro esempio in pittura. Se ci vuoi vedere un negro o sei un razzista o sei in malafede.
>Stiamo parlando di multinazionali con uffici creativi e produttivi in tutto il mondo e tu prendi le percentuali degli stranieri in italia?
No, stiamo parlando di Milano, Italia, non delle 16 Milan che ci sono in USA.
>>30914
Potresti aver molta ragione. Che sia il solito divide et impera (cinese e/o americano)?

 No.30923

File: miriam-leone-at-2019-canne….jpg (234,61 KB, 1067x1600)

>>30921
la tua fonte è una foto?
Guarda che begli agrumi di Sicilia…

 No.30924 SALVIA!

File: img_1785-1.jpg (112,53 KB, 749x763)

File: 81375859.jpg (7,48 KB, 320x220)

File: ccec052c68435a9c517abd3a60….jpg (33,46 KB, 600x450)

>>30922
Cosa di "gli americani sono più sensibili al tema" non ti è chiaro?
Sisi, non hanno assolutamente niente in comune con pic relate, non rimanda inconsapevolmente agli stilemi grafici con cui venivano rappresentati e scherniti gli afroamericani, nono.
Ripeto, sei tu quello in malafede che si rifiuta di prendere in considerazione una campana diversa dalla propria.

 No.30925

>>30916
>Perché si dovrebbe alienare il mercato italiano?
Per lo stesso motivo per cui DG si è alienata una fetta non indifferente del mercato cinese.
>ricconi che ricercano la marca
A loro della marca frega poco, ma di sicuro un cinese riccone ci pensa due volte prima di vestirsi DG davanti ai suoi amici cinesi ricconi.
A parte che per loro Gucci e DG sono come Nike e Adidas, ci sono parecchie case d'alta moda italiane e francesi.
>>30918
>i beni di lusso avessero principalmente un valore simbolico e quindi al riccone che la compra non sarebbe mai importato quanto effettivamente faccia schifo
Secondo te un vestito che ha quel prezzo fa schifo? Solitamente sono realizzati con la massima qualità e attenzione al dettaglio, i loro clienti saranno pure ricchi ma non sono scemi.
>>30922
>Che sia il solito divide et impera
Temo sia stato un problema di incompetenza e decisioni sbagliate, in particolare per quello che è succcesso in cina con tanto di insulti postati su internet e sfilata cancellata.

 No.30926

>>30923
potrebbe benissimo essere araba

 No.30927

>>30924
Attenzione però: non è che se i comunisti cominciano a usare il rosso allora tutte le cose rosse sono un rimando al comunismo. Cosa gliene verrebbe alle case stilistiche di perpretare la blackface? Che differenza c'è con la scimmietta di Paul Frank? Perché battagliare contro l'arte/design non politicizzato e lasciare i fascisti del terzo millennio indisturbati? (Sai quanta merda pubblicano e producono e il giro di soldi indotto?)

 No.30928

File: 35356452_10156387146247645….jpg (60,75 KB, 720x960)

>>30926
e invece è Italiana

 No.30929

>>30927
>Che differenza c'è con la scimmietta di Paul Frank
Quella è molto più stilizzata. Invece quella della gucci è una blackface bella e buona.
>Cosa gliene verrebbe alle case stilistiche di perpretare la blackface?
Niente, si tirano la zappa sui piedi. Oppure lo fanno per marketing usandolo come motivazione per spingere una linea di abbigliamento e accessori Black Lives Matter ® ™ ©

 No.30930

>>30927
>Cosa gliene verrebbe alle case stilistiche di perpretare la blackface?

Perché è il solito marketing che si basa sul far dolorculare qualcuno per farsi pubblicità. L'ha inventato Toscani con la pubblicità dei jeans "chi mi ama mi segua" che fece turbodolorculare i cattolici italiani 40 anni fa. Adesso funziona meglio perché c'è internet e i social.

Poi si scusano, lasciano passare un po' di tempo e fanno un nuovo dolorculo.

 No.30931

>>30928
quello è semplicemente un goblin

 No.30932

Comunque capisco che l'attenzione ora sia lì (anche se gli esempi portati non sono dell'ultima settimana), però è vero che ci son manie di protagonismo di molte minoranze. Non tutto riguarda per forza i negri, i froci o chi vatte la pesca. Mi ricorda quella cosplayer russa che si era preparata un costume di una sudamericana di Overwatch e di tutta la merda che si è presa.

 No.30933

File: ClipboardImage.png (238,29 KB, 990x556)

>>30927
>non è che se i comunisti cominciano a usare il rosso allora tutte le cose rosse sono un rimando al comunismo
No, perché il rosso è un colore troppo ampio e utilizzato in tutto il mondo a scopi diversi, non è un simbolo. La falce e il martello sono simboli che rimandano al comunismo, le mani e il nasone agli ebrei etc. Anche cose possono essere genericamente innocenti ma acquistare in valore politico in base al contesto, vedi pic relata. (non è il caso delle similblackface nel thread, sto solo portando esempio di iconografia connotata)
>Cosa gliene verrebbe alle case stilistiche di perpretare la blackface?Ripeto per la 3rza volta: non è stata una cosa voluta, è stato un semplicemente un design sbagliato dovuto ad una sensibilità minore al tema. A noi italiani della Blackface™ non ce ne fotte un cazzo e non la vediamo; gli americani l'hanno vissuta in prima persona e la vedono di più, a torto o meno. Non sono d'accordo con >>30930 che associa quel maglione allo stile di Toscanini, ma sono opinioni.
>Perché battagliare contro l'arte/design non politicizzato
perché è parte della battaglia contro i simboli, sensibilizzare ad un uso consapevole della comunicazione.
>e lasciare i fascisti del terzo millennio indisturbati
Tipo?

 No.30936

>>30930
In realtà ormai sono 5-6 anni almeno che spergano duro per "la blackface" e credo non ci sia spazio per dialogare o preoccuparsene, basta stare attenti a non triggerarli e amen.
Che poi nel 90% dei casi hanno ragione, per il rimanente 10% di imitazioni celebrative o contesti abbastanza adeguati (Scrubs) personalmente mi dispiace.

Però il punto è che il ban talebano, per quanto talebano, semplifica molto la situazione e aiuta a non sbagliare mai, sono appunto pochissime le buone occasioni che ci perdiamo e quindi sticazzi, amen.
Pensa ogni volta a che qualcuno ha "sbagliato in buona fede" (video relato) e allo spreco di ore umane che c'è stato per discuterne.

 No.30939

>>30933
>perché è parte della battaglia contro i simboli
Tutto è simbolo, tutto è connesso a tutto il resto, ma non tutto è connesso alla stessa maniera. Che simboli si vogliono distruggere? Non bisogna essere consapevoli se non si sta discriminando. Si confonde fine (l'égalité, per usare un termine vagamente candido) e il mezzo (sensibilizzazione della maggioranza).
È vero che i simboli plasmano la società, ma dare una carica semantica partitica a qualsiasi cosa passi sotto mano è deleterio. Vedi le mascherine, che in USA ora son considerate da comunista. Potrai anche vietare la n-word, ma se ti trovi uno sciame di negri pronti a menar le mani appena dici nigger non risolvi nulla.
Avrai notato un sacco di pensieri e secondo me è sintomo della situazione: è un merdaio e bisogna abbassare il tiro - non in questa discussione su /pol/, intendo in generale.
>>e lasciare i fascisti del terzo millennio indisturbati
>Tipo?
Quanto c'hanno messo a sfrattare CasaPound? Quanto stanno guadagnando? Se c'è volontà politica son cose che si sistemano in quattro e quattro otto.

 No.30941

>>30936
Però il punto è che il ban talebano, per quanto talebano, è censura. Vedi il messaggio chiarissimo di Scrubs (~"la blackface è una merda"). Il compito della politica è proteggere il cittadino (sia ben chiaro: cittadino, non suddito). Proibizionismo di qualsiasi tipo è deleterio e riduce il cittadino a suddito. Vedi il mito del Mein Kampf, mai censurato qui in Italia ma non sempre stampato.

 No.30942

>>30941
Eh vabè, amen, sopravviveremo, non facciamone una questione così scivolosa verso la dannazione. Mi pare davvero una piccola cosa da lasciare andare. Per quel paio di buoni esempi che puoi trovare (e non è un caso che ci venga in mente solo Scrubs) ce ne sono moltissimi più di tipo opposto che ci risparmieremmo.
Lo trovo triste ma nel grande pubblico trovi sempre migliaia se non milioni di persone che non capiscono o capiscono male e personalmente preferisco una censura innocua all'alternativa.

 No.30944

>>30942
Se oggi è il dito, quando il braccio? Io credo sinceramente che, piano piano, la gente possa smettere di essere degli NPC. Non si possono sempre mangiare omogeneizzati approvati dal governo centrale. Oltretutto: il contesto è importante. Spongebob che augura felice ramadan in Turchia è una cosa, qui è un'altra.

 No.30946

>>30944
Attenzione a confondere scelte di società private con scelte che può mettere in atto uno stato. Un sito di streaming che toglie delle puntate di una serie TV dal catalogo è una cosa, una legge che ti vieta di farlo è un'altra.

 No.30947

>>30942
>preferisco una censura innocua all'alternativa
Sembri un dirigente Rai democristiano degli anni '60, se la dici così.

 No.30948

>>30947
Preciso questo intervento, perché in effetti non si capisce: c'è sempre una motivaziond plausibile per invocare la censura, in quanto gruppi sociali diversi hanno morali diverse e ognuno ha qualcosa da cui viene triggherato.
Per le femministe dovremmo bannare il porno, per i neri dovremmo bannare tutto ciò che gli ricorda che l'africa subsahariana è arretrata da millenni, per i cinesi dovremmo bannare tutto ciò che non collima con la visione del partito, per la chiesa dovremmo bannare un sacco di cose, idem per gli islamici.
Ciò che differisce è il grado di aderenza che queste volontà di censura trovano nella popolazione, o in chi prende le decisioni.
Ma quel post con il passamontagna sembra quelli chd vedono gesù nei toast sbruciacchiati e credono che sia stato veramente il miracolo di gesù nel tostapane.
Se CE LO VUOI vedere, certo che c'è. Qualsiasi cosa c'è, se ci sforziamo di vederla a casaccio.

 No.30949

>>30946
Hai ragione. Due/tre scogli:
-il potere economico (e tecnologico) delle grandi corporazioni (molto cyberpunk) sta raggiungendo livelli nazionali significativi (giusto per giocare un po', somma i fatturati di Facebook, Apple e Microsoft e confrontali con una lista di PIL);
-se continua così, i concetti di proprietà (gli abbonamentiiiniii) e privacy come li conosciamo oggi verranno distrutti, per esser dati in pasto alle corporazioni;
-sta avvenendo uno shift di responsabilità morale dagli stati alle corporazioni (trattati internazionali con la Cina sono ok; se Apple fa produrre componenti per il cellulare da schiavi uiguri non è ok).

 No.30950

>>30949
Penso non ironicamente che i grandi agglomerati finanziari siano i superorganismi che plasmeranno gli anni 2000. Già ora sono l'unico avversario credibile al potere statale (infatti tendono alla connivenza con gli stessi) ma se ci pensi alcune aziende potrebbero già comprarsi intere nazioni africane

 No.30951

>>30948
Le minoranze rumorose sono rumorose ma pur sempre minoranze. La maggiora della gente è conservatrice e questo si vede ad ogni dannata elezione di ogni dannato paese del mondo.

 No.30952

>>30951
>La maggiora della gente è conservatrice
Questo, dopo una certa età, è spiegabile in vari modi.
Ma la dimensione inedita dei movimenti progressisti che premono per vietare delle tipologie di contenuti potrebbe dare spunto a una riflessione.

 No.30953

>>30952
Non mi sembra così inedita, solo che sono fuochi di paglia, ottengono generalmente risultati eclatanti mediaticamente ma che non cambiano quasi nulla a livello formale e spariscono lasciandosi solo strascichi culturali quasi sempre deleteri (vedi alla voce 68)

 No.30954

A me le blackface fanno schifo e non le vorrei vedere da nessuna parte. E mi interessa poco dei negri, semplicemente la trovo di cattivo gusto nonchè brutta da vedere.

 No.30956 SALVIA!

File: ClipboardImage.png (127,34 KB, 550x416)

>>30944
>Se oggi è il dito, quando il braccio?
Boh? Ce ne preoccuperemo quando vorranno il braccio, questa è una fallacia.

 No.31006

>>30907
Le distinzioni tra chi è bianco e chi no sono solo una ginnastica mentale degli nord americani per riempire i palinsesti di CNN, FOX & Co.

I nord africani non sono negri, è tutto quello che conta.

>>30900
>meticciato globale
L'ibridazione con altre etnie non mi preoccupa in generale, anzi se portato avanti gradualmente nei secoli con giuste e ponderate politiche eugenetiche non può portare altro che benefici.
È l'ibridazione coi negri che è preoccupante, sopratutto considerata il loro basso Q.I. medio che potrebbe essere spiegato anche da fattori genetici.

Come disse il Santo Profeta ﷻ in Ishaq:243
> I have heard the Apostle say: 'Whoever wants to see Satan should look at Nabtal.' He was a sturdy black man with long flowing hair, inflamed eyes, and dark ruddy cheeks. […]

 No.31007 SALVIA!

>>31006
dei fattori genetici se ne sta parlando in abbondanza nel thread sotto, il consenso scientifico manca

 No.31033

>>31006
>Ibridazione coi negri SIGNORA MIA CHE ORRORE
E tu non farla e mantieni la tua lina genetica priva degli sporchi geni negracci, che ti devo dire, la tua discendenza sarà intelligente e dominerà senza fatica sui meticci ritardati.
In realtà la tua linea genetica è già fallata visto che sei uscito tu e ragioni come un negro.

 No.31034

>>30956
La fallacia è "vogliono sposarsi fra sodomiti, fra un po' vorranno sposarsi i bambini". Ovvero "se A adesso, allora B dopo", dove non c'è relazione fra A e B, A è in discussione e B è oggettivamente negativo. Il discorso che faccio io, anche se sintatticamente simile, è "si sta introducendo una metodologia (per ora, solamente morale) oggettivamente pericolosa (censura senza contesto), ma gli effetti fino a ora sono risibili". Il fenomeno, presente e futuro, è lo stesso: "A applicato adesso, A applicato domani". Credo che ci sia pure un brocardo emblematico.

 No.31035

>>30925
>Secondo te un vestito che ha quel prezzo fa schifo? Solitamente sono realizzati con la massima qualità e attenzione al dettaglio, i loro clienti saranno pure ricchi ma non sono scemi.

Non c'è una differenza di fattura così elevata tra un vestito di una griffe italiana rispetto a quello di una griffe francese da giustificarne da solo l'acquisto. E, anche lì, oltre una certa cifra diventa status symbol ed è innegabile. Ed è per questo che oltre al prodotto devi vendere uno storytelling, se il tuo storytelling sono delle scimmiette con la faccia da negro o dare delle bestie ai cinesi o sai che a loro non vuoi vendere niente o stai facendo male (una parte importante) del tuo lavoro.

 No.31036

>>31035
Questo, la differenza di qualità è marginale, spesso è stoffa tessuta in qualche cacaio dell'asia del sud, india o vietnam, assemblato in cina e con le ultime rifiniture fatte in italia per poter dare il bollino "made in italy" impunemente.
Non ero intervenuto prima sul discorso qualità per non farmi dare del commie ma vedo che non sono l'unico a sapere come funziona la pagliacciata della "qualità superiore" di sti cazzo di beni prodotti in serie, ma col priceup del lusso.

 No.31146

Ma al guardian dovrebbero togliersi le pannocchie dal culo e cominciare a ragionare sul fatto che Benetton 30 e passa anni fa metteva su il maglioncino colorato a negri, islandesi, cinesi, giapponesi, cani, peruviani con l'AIDS, senza, coi capelli rossi, pelati, con le ruote ma dio cane

 No.31152

>>31146
>qsq ti rendi conto che tutto sto casino è l'equivalente della scritta "non bere" sui flaconi di candeggina come paraculo legale nel caso qualcuno se la bevesse e poi chiedesse i danni poiché non c'era scritto "non bere" sul flacone, visto che è successo.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]