[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]

/pol/ - Politica

Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: galilei.jpg (673,24 KB, 1578x1600)

 No.31475

Chi mi spiega in poche parole e SENZA SPERGARE perché secondo alcune femministe il metodo scientifico attuale sarebbe "patriarcale" e quali alternative propongono?

 No.31476

Perché il patriarcato è come il nero, sta bene su tutto. Propongono l'inserimento coatto a tutti i livelli di figure femminili a prescindere dalla loro competenza rispetto ai colleghi maschi. As usual invece di ragionare le cause di certe tendenze cercano di risolverle artificialmente creando inutili conflitti e tensioni

 No.31477

Wikipedia può dare una mano.
https://en.wikipedia.org/wiki/Patriarchy#Feminist_theory
https://en.wikipedia.org/wiki/Male_privilege
Mio personalissimo parere: nel dibattito contemporaneo si mischiano troppo le statistiche (spesso azzeccate), l'approccio culturale comune (giocando sul postmoderno: "non esistono culture migliori o peggiori, solo culture diverse, ma lottiamo per una cultura migliore, più femminista") e le emozioni ("i feel unsafe/threatened", tweet tipico https://twitter.com/havrakiri/status/1285606197270327299). Per dimostrare ulteriormente che google ha una sua agenda: prova a cercare "i feel threatened women" e troverai solo articoli "Science confirms sexist men are threatened by women" o "Why men are threatened by smart women" quando la frase è tipica del femminismo e anche di queste recenti proteste - confronta con una ricerca su reddit o twitter

 No.31478

>>31477
>Per dimostrare ulteriormente che google ha una sua agenda

Secondo me google non ha una sua agenda, semplicemente accompagna il sentire comune, queste aziende hi tech sono smaccatamente post ideologiche perché non possono rischiare di perdere la loro egemonia dando opinioni e/o mettendo i bastoni fra la ruote a gruppi di potere/opinione.

anche se si sono messi a demonetizzare chi fa complottismo contro il covid

 No.31479

>>31478
Probabilmente hai parzialmente ragione, ma il pubblico non potrà mai avere una risposta. Vedi l'esempio di "american mathematician" che in passato mostrava liste principalmente con donne e neri con contributi estremamente marginali - probabilmente perché i temi dei ragazzi americani delle superiori si focalizzavano proprio su queste figure e quindi erano quelle più ricercate, a mo' di "prima donna laureata".

 No.31480

>>31479
>ma il pubblico non potrà mai avere una risposta

non ho capito cosa intendi

 No.31481

>>31480
Google ti può raccontare ciò che vuole sul funzionamento dei suoi algoritmi.

 No.31482

>alternative
Nessuna. È una dottrina fideistica, propone la sua egemonia culturale e non può proporre altro. Quando usano la parola patriarcato si riferiscono all'atto pratico alla società in generale.

Inoltre, ricorda sempre che la scienza, nella misura in cui può essere compresa, sarà sempre invisa ad ogni dottrina politica, sociale e religiosa. Dato abbastanza tempo la probabilità che nessuno trovi degli errori in tale dottrina è 0, e la scienza è costruita per trovare errori e corregerli. Si salvano i fisici teorici perché nessuno è in grado di capire di cosa cazzo parlino.

 No.31483

>Senza spergare
Ad un assunto così stupido che risposta vuoi ottenere che non sia estremamente stupida?
In primis è un'affermazione assolutamente non circostanziata frutto dei fantasmi ideologici che albergano nelle menti disturbate delle femministe radicali che anziché attaccare il problema originatore della sperequazione preferiscono sbattere i piedini in maniera corporatista per strappare dei privilegi senza dover mettere sul piatto una contropartita di doveri. In secondo luogo non hanno alternative perché l'unica sovrastruttura che riescono a proporre, come ha scritto prima di me >>31477 è il postmodernistico "tutte le posizioni sono valide" che nelle discipline merendere già è una merda figuriamoci nella scienza.
Quindi no, chi sostiene tale posizione è un mentecatto e devi rispondergli come si fa coi mongoloidi finché non capisce che lo stai dileggiando e poi chiudere il discorso.
>>31482
THIS. La scienza da in culo a tutti se fatta bene proprio perché si basa sul trovare gli errori.
Ed una red flag per identificare coglioni e venditori di fumo in generale è appunto quando attaccano la scienza, sta sicuro che sono in malafede.

 No.31484

>>31482
>Nessuna.
Credo OP intendesse "alternative al patriarcato". E l'unica risposta sensata putroppo non l'unica che arriva da certi ambienti è "sistemare i problemi", tra l'altro, come previsto dalla nostra Costituzione all'articolo 3. I bias, da ambo le parti, sono potenzialmente enormi, citando wikipedia fallaciafag, se ti palesi in questo filo ti strozzo cor budello di tu ma
>The long-standing and unquestioned nature of such patriarchal systems, reinforced over generations, tends to make privilege invisible to holders; it can lead males who benefit from such privilege to ascribe their special status to their owned individual merits and achievements, rather than to unearned advantages.
>>31483
>THIS
Ma infatti io non ho capito come si è passati da un ragionamento poststrutturalista sensato, "un po' alla Gödel" (ogni disciplina o struttura risulta incompleta perché si fonda su un fulcro esterno a essa; quindi ogni modello scientifico, seppur estremamente efficace, non è la verità definitiva), a "porcoddio nulla è valido, bruciamo tutto".

 No.31485

>>31484
Mi pare chiedesse alternative al metodo scientifico. Il patriarcato nella definizione attuale include sostanzialmente la società civile in quanto tale.

>tends to make privilege invisible to holders

Questa è una giustificazione del cazzo per poter usare qualsiasi mezzuccio e nascondersi dietro il dito del "se non sei parte di chi beneficia da questa legge, ma di chi paga, non puoi parlare". Mi dispiace ma è inaccettabile.

>porcoddio nulla è valido, bruciamo tutto

Si è arrivati la quando la scienza ha smesso di fare comodo. Nella misura in cui fai piangere i cristiani evangelici perché gli spieghi che discendono dalle scimmie potevi piacere ad una certa parte della politica, quando scopri che donne e uomini sono per loro natura diversi e quindi devi scegliere se lasciarli liberi di fare il lavoro che vogliono o eguagliare i numeri a forza, smetti di piacere.

 No.31487

>>31485
>Mi pare chiedesse alternative al metodo scientifico.
Minchia chiede poco.
>Il patriarcato nella definizione attuale include sostanzialmente la civiltà umana in quanto tale.
Fixato.
>>31484
>o non ho capito come si è passati da un ragionamento poststrutturalista sensato, "un po' alla Gödel" […] a "porcoddio nulla è valido, bruciamo tutto".
Eh, ti svelo un segreto di quei birbantelli facce di merda quando la scienza li prende a cazzi in faccia perché le loro teorie sono minimo bislacche e solitamente vere e proprie abiette cazzate dato che non reggerebbero un confronto con degli standard degni di tale nome, semplicemente ampliano la categoria del "valido" a dismisura fino a farci rientrare anche la loro merda.
E a me fa salire il sangue alla testa porcodio, ogni volta che sento qualcuno parlare di "il metodo scientifico è patriarcale quindi non va bene, pertanto anche la mia antipsichiatria è accettabilissima nonostante sia una persona dissociata con le voci nella testa affermo che non devo curarmi e chi dice che dovrei è un fascista" (non proprio così ma una tizia l'ha affermato ad un seminario "endorsed" dalla facoltà di salcazzo mi pare statistica anche se i due relatori erano dei cazzo di filosofi in fieri e mi stava bruciando il culo così forte che stavo per uscire volando dalle vetrate) e niente, faccio pratica al poligono anche per questa gente qui insomma.

 No.31490

>>31485
>Mi dispiace ma è inaccettabile.
Sì, ma sai quanto ho litigato con fallaciafag per cercare di fargli capire che le quattro righe citate da wiki sono la posizione femminista per eccellenza? Fuori dallo sperg contro fallaciafag, dei bias ci sono (anche il solo "vabbè, sticazzi"), sia nei confronti di disparità di genere (femminile E maschile, pure gli uomi c'hanno i loro problemi) che razziale, sessuale, …
>o eguagliare i numeri a forza
A parte che le quote rosa sono una porcata, non credo sia andata davvero così, dai. F-fonti?
>>31487
>pertanto anche la mia antipsichiatria è accettabilissima
Già credo più a un fenomeno di questo tipo.

 No.31493

>>31487
>>31490
Narratemi storielle in cui si dice che il metodo scientifico è patriarcale.
t.scienziato che 'sta roba non l'ha mai vista.

 No.31494

>>31493
Boh vai su un twatter o una pagina femminusta a caso e chiedi lì che sicuramente saranno più fantasiose di noi e sarai sicuro che non si tratti di legge di Poe.

 No.31498

>>31494
Eh ma links qui?

 No.31499

>>31493
>t. negro con una laureetta che non sa googlare
https://plato.stanford.edu/entries/feminist-science/

 No.31500

>>31499
Ho dato una guardata e mi sembrano posizioni non estreme e condivisibili.
Tuttavia è un documento molto lungo.
Se mi indirizzi al punto preciso mi fai un gran favore

 No.31501

>>31500
Considerando che l'articolo di parte (una delle autrici -tutte donne- è quella di "Gender and Boyle's Law of Gases"), già nel primo paragrafetto ci sono bandiere rosse (e subito la smentita "man non la pensiamo tutte così")
>Lorraine Code […] argues that many of the epistemological ideals that inform science have androcentric origins and that once subjected to feminist scrutiny these ideals are found to be in need of reconstruction. The worry here is that the sciences are not just superficially or inadvertently androcentric—male-centered in the questions they ask, in their claims and practice, their institutions and authority, their implications for the lives of women and for those marginalized within normative sex/gender systems—but are fundamentally sexist; they embody deep and systematic gender bias by which women, and any interests, perspectives, or insights associated with them, are disvalued and marginalized. On this view the sciences are “master's tools,”
e ancora
>some scholars reject the conviction that social research must conform to models of natural scientific practice on grounds that, when formulated in terms of positivist theories of science, these models entrench “ruling practices” in the form of quasi-experimental and quantitative methods that reproduce the categories of dominant ideology and obscure devalued or subordinate perspectives
ovvero detta grettamente, "non contano i numerini, ma l'interpretazione dei singoli eventi"
Ma puoi andare a fondo nella tana del bianconiglio.

 No.31502

>>31501
>Elizabeth Potter develops an account of the role of 17th century gender politics in shaping Boyle's commitment to the mechanistic orientation that ultimately yielded his theory of gases (2001). His opposition to the radical politics associated with the animism of the alternative hylozoic theory informed not only his choice of orienting metaphysics but also the emerging norms of experimental, methodological practice—for example, norms of simplicity—in terms of which his theory was assessed and debated. Potter's point is not that Boyle's gas laws are themselves explicitly gendered, but that their formation and ratification as scientific was deeply shaped by the articulation of gender politics and theological commitments specific to 17th century England.

È il tentativo dei letterelli bastardi per cercare di dettare legge in campi che non capiscono. Un libro sulle teorie alternative sui gas al tempo di Boyle lo leggo volentieri, ma qui il punto non è fare un onesto lavoro di storici della scienza. Il punto è "come posso far sì che anche i gas siano una questione che posso risolvere dicendo SONO OPPRESSA IO E COSA È VERO LO DICO IO?"

Il problema fondamentale del postmodernismo è che non credono che alla fine della fiera i gas esistano, funzionino in un modo, e stiamo cercando di descriverlo nel modo migliore. Alla fine, avremo non una descrizione del fenomeno che muore e viene cancellata o sostituita se non funziona, ma solo quella promossa da chi aveva più potere. Il fatto stesso che qualcuno studi i gas e non come morire nel nome della fregna è tutto sommato un po' oppressivo. Per il postmodernista, tutto è interpretazione, esasperato al punto da scordarsi ci sia mai stata una realtà sotto. Se ti sembra che qui ci siano contraddizioni è perché ci sono.

Ora, per assicurarmi chi legge capisca la differenza, devo anche scrivere che esiste assolutamente un modo onesto di analizzare la questione, anzi. Ne esistono almeno due. Uno è quello dello storico delle scienze, in cui vai a vedere quali teorie fossero in competizione, cosa avessero pubblicato all'epoca, in cosa credessero prima, e cosa ha determinato la preferenza per una certa teoria. Ora, come puoi notare, questo discorso non parte con la conclusione già scritta: magari scopri che la risposta era la fregna, ma più probabilmente scoprirai cose inaspettate e motivi tecnici dietro questa preferenza.
L'alternativa è quella in cui la teoria alternativa la scrivi. Prendi un diverso modo di gestire i gas, ti armi di meccanica statistica e della tua conoscenza perfetta di Boltzmann, e mi dimostri che una teoria alternativa mi interessa per via di questo o quel motivo, che tale modello funziona bene in tale e tal caso, e che quindi dovrei starti a sentire invece di usare una cosa che so funzionare molto bene.

 No.31505

>Rutgers English Department to deemphasize traditional grammar ‘in solidarity with Black Lives Matter’
https://www.thecollegefix.com/rutgers-english-department-to-deemphasize-traditional-grammar-in-solidarity-with-black-lives-matter/

>Australian doctors push renaming Adam’s apple, Achilles tendon, and other 'misogynistic' terms

https://www.theblaze.com/news/doctors-renaming-sexist-body-parts

 No.31506

>>31505
Volevo commentare, ma son così indifendibili che non so come non cadere nell'ovvio.

 No.31507

>>31506
Beh non saprei. In un paese come la 'murriga in cui c'è quel razzismo sistematico mi pare pure normale che le istituzioni accademiche spingano per l'integrazione.
A vederla pure da un punto di vista di comparazione di magnitudine tra due fenomeni opposti mi sembrano pure iniziative modeste.

Per quanto riguarda l'altro articolo, si, per me è cancel culture.

 No.31508

>>31507
Ah ma porcoddio era theblaze che citava il dailymail.
Ahhaahha, non me ne ero accorto.
Mi sembrava fossero balle ma ora ne ho una mezza conferma.
In pratica la "comunità dei dottori" citata sono due prof.
Vado a vedere dove Gesucristo sono questi comunicati e le fonti non ci sono.
Vado a leggere i commenti nell'articolo del DM e gli utenti stessi perculano il tabloid per la puttanata colossale che hanno pubblicato.
Fate attenzione a cosa citate, porcoddio.

 No.31512

>>31508
https://english.rutgers.edu/news-events/department/5875-department-actions-in-solidarity-with-black-lives-matter.html
A firma di una professoressa, ma sono "department actions", su un sito ufficiale, non su una pagina personale della prof. Gli stati di ironia sono infiniti.
>Rebecca L. Walkowitz
>the growing influence of "One Percent"
https://www.dailymail.co.uk/news/article-8537393/Sexist-body-terms-like-Adams-apple-no-longer-used-doctor-says.html?utm_source=knewz
>Australian doctors are calling for people to stop using terms named after 'men, kings and gods' to describe body parts - such as Adam's apple and Achilles heel.
Decisamente non la comunità medica, ma almeno due persone. Che le comunità accademiche siano piene di personalità eccentriche è ben noto, ma il fatto che questi casi, a volte isolati, siano così amplificati (sia a destra "guarda che coglioni 'sti sinistri", sia a sinistra "sono così progressista") è un sintomo.

 No.31513

>>31507
> mi pare pure normale che le istituzioni accademiche spingano per l'integrazione.

Perché dovrebbe essere normale? A me che il mondo accademico abbia un'agenda politica unitaria già fa ridere perché non può essere vero, ma in generale che gli accademici facciano politica mi pare discretamente sbagliato

 No.31514 SALVIA!

>>31513
Umberto (((Eco)))
Si può rimanere intellettualmente e accademicamente onesti, pur essendo "politici"? Secondo me, sì. La politica (non neccessariamente partitica) riguarda tutti, mi pare assurdo un discorso "sei un calciatore, pensa a tirare la palla in porta, stai zitto e non parlare di politica", dova a "calciatrote" puoi sostituire "artista", "conduttore" o "accademico". Io alle superiori e all'università ho avuto professori vicesindaco o consigliere comunale, sia a destra sia a sinistra; un direttore di dipartimento ciao gobbinofag aveva pure espresso la sua preferenza al referendum di Renzi sulla sua pagina istituzionale personale. Un po' mi ha fatto torcere il naso, ma in fondo non puoi alienare l'uomo dalla professione.

 No.31517

>>31512
>Gli stati di ironia sono infiniti.
La tipa è la direttrice del dipartimento e se il comunicato è uscito in maniera ufficiale, la decisione dovrebbe essere stata collegiale, non un suo schiribizzo.
Non ti esprimere su ciò che non sai come funziona.
>è un sintomo.
è un tabloid
è il daily mail.
non ci sono link o rimandi a comunicati
Non ti esprimere prima di avere controllato le tue fonti.

>>31512
>il mondo accademico abbia un'agenda politica
Se si scambia quello come può essere visto come integrazione e progresso come la "agenda politica" di qualcun altro vuol dire che la propria agenda politica è un misto di paranoia e oscurantismo.
>inb4 integrazione e progresso per [][][]LOROH![][][] sono le istituzioni della Rutgers che forzano i negri
Dove altro gesucristo vorresti provare a inserire tentativamente nuovi programmi, nuovi metodi e nuovi percorsi pedagocici se non in una grossa uni?

 No.31518

>>31514
alt, un conto è dire "l'uomo accademico ha un'idea politica e la persegue nella sua vita privata" un conto è "l'accademia spinge un'agenda politica" sono due cose molto molto diverse

 No.31519

File: ClipboardImage.png (165,93 KB, 306x348)

>>31517
>Non ti esprimere su ciò che non sai come funziona.
Non ti esprimere se non comprendi la battuta, dai.
>Non ti esprimere prima di avere controllato le tue fonti.
Non ti esprimere prima di avere controllato le mie fonti.
https://twitter.com/birthsmalltalk (che si può trovare nella pittura relata, presente nell'articolo del daily mail, se proprio non hai accesso all'intervista originale)
https://twitter.com/nishaobgyn (qui fai un po' più di fatica, dato che è una twittatrice compulsiva; hint: cerca fra i contenuti)
>>31518
È l'annoso dibattito simile a "la tecnologia è buona o cattiva?". Può (nel senso che di "è possibile", non "è necessario") andar bene avere una posizione politica anche durante il proprio lavoro, se non inficia la bontà (chi la valuta?) del lavoro stesso. Non tutti si ritrovano nella posizione di Oppenheimer, ma tante piccole gocce formano il mare.

 No.31520

>>31519
La collezione di tweet di questa esaltata sta in una sottosezione a pagamento chiamata "couture mail".
1) perché devo farmi dire da un tabloid che l'opinione personale di un'esaltata corrisponde al consenso scientifico?
2)come mai hai l'accesso alla sezione a pagamento di un tabloid dove ci stava il link ai suoi tweet?

 No.31521

>>31520
Tu sei in para dura. Spera di non evocare fallaciafag, perché a leggerti potrebbe bagnarsi dall'eccitazione nel risponderti.
1) Nessuno qui ha affermato che questo (il problema del linguaggio tecnico-scientifico sessista/discriminatorio - vedi il master/slave riportato in auge qualche giorno fa) sia il consenso scientifico, ma che parte della comunità accademica, non necessariamente significativa numericamente in tutti i campi, ma rumorosa e amplificata dall'opinione di sostenitori e detrattori, stia tendendo verso un femminismo antiscientista.
2) Non ho accesso al Courier Mail, ma:
A) so usare l'internette;
B) le dirette interessate non hanno smentito il Daily Mail, ma anzi hanno reiterato le loro affermazioni.

 No.31522

>>31521
>qsq hai appena triggerato fallaciafag.

 No.31523

>>31521
Sarebbe interessante quantificare questa parte di comunità accademica a quanto ammonta e i risultati che stanno ottenendo.

Non credo si possa pretendere che un lettore casuale dell'articolo postato perda tempo a cercare la tizia per nome su twitter.

 No.31524

>>31523
>Sarebbe interessante quantificare questa parte di comunità accademica a quanto ammonta e i risultati che stanno ottenendo.
Dipende sicuramente dal campo. Immagino che in ambito medico ci siano meno scoppiate rispetto agli studi di genere. Un problema è che le torri d'avorio sono alte, la produzione accademica è vasta e poi… come valuti qualcuna che ti parla di "petromascolinità"?
>Non credo si possa pretendere che un lettore casuale dell'articolo postato perda tempo a cercare la tizia per nome su twitter.
Non stiamo parlando di lettori casuali, stiamo parlando di anon (ad esempio >>31517 ) che non riesce a trovare le fonti senza avere la pappina pronta e ignora cosa sia un paywall, per poi venir qui a fare il saccente. Il Daily è merda e vuole i nostri click (e infatti amplifica per richiamare i detrattori), ma non si può automaticamente negare ogni frase scritta lì sopra.

 No.31525

File: d5c4cd86e0c5893ce2a9f1ab35….png (38,37 KB, 625x430)

>>31519
>Hai detto una cazzata, isterectomia viene dal greco per "utero" non dall'isteria
>Eh ma le associazioni negative
>ZI BADRONA DOBIAMO GAMBIARE NOME ANGHE AL RECESSO RETTOUTERINO DI DOUGLAS
Madonna puttanissima io matto inferocito da sti coglioni porcoddio spero che i klansmen li appendano con dei ganci da macellaio prima di dar loro fuoco, come si fa ad essere così mentecatti dio stracane.
Cosa propongono in alternativa?
>uterectomy
DIO BISSO MARSO DE MERDA

>>31524
>petromascolinità
WHAT
>>31521
>parte della comunità accademica, non necessariamente significativa numericamente in tutti i campi, ma rumorosa e amplificata dall'opinione di sostenitori e detrattori, stia tendendo verso un femminismo antiscientista.
Verissimo e soprattutto il problema è che se la parte competente in quei campi fino a poco tempo fa poteva ridere in faccia a sti quattro idioti e lasciarli a bollire nella loro merda psicotica, ora grazie all'ascesa in termini numerici di merenderos di ogni sorta si sfrutta il peso relativo in senato accademico delle altre facoltà per obbligare anche quelle scientifiche a seguire i diktat dei petalostronzi anche se clamorosamente antiscientifici. Tipo che qualche tempo fa venne messo sulla graticola un medico che chiese alla paziente (intabarrata nel sacco dell'immondizia mussulmerdoso) l'etnia per verificare delle ipotesi patologiche basate appunto sulla provenienza geografica, e l'accompagnatrice petalosa iniziò a sbraitare aggredendolo mi pare con uno di quei supporti da flebo e quando sto tizio, un omone grosso e pacioso di un quintale abbondante se la scrollò di dosso mandandola a sbattere contro il muro è pure partita la denuncia per "violenze".
Il risultato è che aveva ragione il medico ma sono riusciti a fargli comunque perdere il lavoro (cioè trasferito in una diversa sezione non a contatto col pubblico) a forza di picchetti e macchina del fango, e nessun colpevole da controdenunciare per i danni di carriera. Il tutto perché alla troia è partito il boccino del razzismo e sessismo.

 No.31526

>>31524
Non stiamo parlando di lettori casuali, stiamo parlando di anon (ad esempio >>31517 ) che non riesce a trovare le fonti senza avere la pappina pronta e ignora cosa sia un paywall, per poi venir qui a fare il saccente.
>Il Daily è merda e vuole i nostri click (e infatti amplifica per richiamare i detrattori)…
Quindi non posso puntare fuori la negrata di utilizzare come fonte un articolo baitoso che tiene le fonti sotto paywall?
Vi supporto nel concetto, fino a un certo punto, ma fate meno i negri o la prossima volta al posto mio avrete un petaloso che vi aizza contro chi non è abbastanza sveglio da capire.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / hd / 420 ] [ v / aff / cul / pol / ck ]