[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/pol/ - Politica & Affari

Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

 profitable-apricot-bulldog No.51852

Mi sapete da qualche informazione in più sull'astensionismo, per cortesia?

Personalmente la trovo una forma inutile e dannosa per il paese.
Capisco perfettamente che la maggior parte dei partiti italiani faccia pena, ma a parer mio votare il meno peggio è sempre la scelta migliore. Che si tratti di un partito grande o una realtà piccola piccola, votare è importante ed è un diritto che ci siamo conquistati. È troppo comodo nascondersi sulla libertà di scelta poiché, come sempre, quello che conta è il risultato.
Cosa ne pensate?

 illiterate-fuchsia-curlew No.51853

banalotto anon oggi.

 linear-bistre-prawn No.51856

Mi trovo d'accordo con la Gruber, mi fa girare il cazzo chi non vota e si sente intelligente.
https://www.corriere.it/sette/opinioni/22_settembre_16/chi-si-astiene-25-settembre-fa-quello-cui-accusa-politici-non-si-occupa-bene-comune-640344ca-3515-11ed-a19f-3ea486a8cbed.shtml

>I nostri politici sono screditati, ma non sono tutti uguali. Come non sono uguali le culture di riferimento e i programmi dei partiti, anche al netto delle promesse roboanti e quasi sempre irrealizzabili. Come non sono uguali nemmeno le risposte che i vari leader propongono per far fronte alle sfide cruciali che ci attendono dopo il 25 settembre, e che riguardano la nostra collocazione internazionale, il nostro sistema istituzionale, le politiche energetiche e fiscali dei prossimi anni, la difesa di diritti civili che illusoriamente molti pensano acquisiti per sempre. Non votare significa tirarsi fuori da questo pezzo di responsabilità personale, non occuparsi del bene comune. Proprio quello che gli astensionisti di solito imputano ai politici.


Detto ciò, l'astensionismo ha dentro di tutto, c'è chi non ha capito, chi se ne frega e chi crede serva (i delusi), non so bene cosa si possa dire, votare serve e votare il meno peggio fa la differenza.

 inborn-silver-dove No.51861

>>51856
Sono io o i minorenni veri oggi sono sempre più spesso così?
Qualcuno ha i dati dell'asten(((sionismo))) tra igggiovani?

 rotating-ube-pigeon No.51863

Se avete bisogno di buttare almeno mezz'ora di una domenica per sentirvi parte di qualcosa fate pure ma imporlo agli altri ê FASCISMO, ciao

 secondary-pear-trout No.51864

>>51861
Sì è un po' più alto, ma è così da una vita, forse da sempre? Non so

>>51856
>votare serve e votare il meno peggio fa la differenza.
Il problema è che uno potrebbe non avere idea di chi sia il meno peggio, soprattutto perché credo il 99% delle persone voti principalmente spinto da simpatia, non sulla base delle proprie nozioni di macroeconomia e su quanto le proprie ricette per risollevare l'Italia collimino coi programmi elettorali dei vari partiti, né su chissà che altro, ma solo sulla simpatia, e se nessuno ti sta simpatico che fai?

 longterm-jonquil-baboon No.51865

>>51856
>votare il meno peggio fa la differenza.
come si decide chi è il meno peggio?

 linear-bistre-prawn No.51868

>>51865
In che senso? Ti documenti su tutti (o sui principali) partiti/candidati, poi in base ai tuoi valori li valuti e voti.

>>51864
>credo il 99% delle persone voti principalmente spinto da simpatia
>se nessuno ti sta simpatico che fai?
Eh, niente. Sbagliano a votare col simpatometro.

 nutritious-eggshell-scorpion No.51870

>voti un candidato/partito perché in campagna elettorale professa idee alle quali ti senti vicino, e soprattutto si tiene ben lontano da quell'altro candidato/partito che non sopporti
>un mese dopo le elezioni il tuo partito si allea subito con l'altro partito che odi solo per fare percentuale
>le idee opposte della coalizione si mischiano in un blob grigio
>se vince non viene attuato un cazzo di quello che prometteva, e la colpa è del governo precedente
>se perde l'unica "opposizione" che fa è screditare gli altri sui social
Io non voto la persona, voto l'idea. Se dopo il mio voto l'idea cambia allora non vale la pena votare.

 scared-blush-dolphin No.51876

>>51870
anon, politica è compromesso
tu magari il blob lo vuoi bianco, però pensa che senza il tuo voto il blob non sarebbe grigio ma nero o marrone merda perché sono mancati i tuoi rappresentanti a tirarlo verso il bianco con il loro contributo

 linear-cherry-bird No.51878

File: PARLAMENTARISMO MAGGIORITA….jpg (152,92 KB, 960x720)

>>51870
Sarà sempre così a meno di una riforma costituzionale.
Siamo un parlamentarismo compromissorio, purtroppo.

 squiggly-abufinzio-aardvark No.51882

File: 1664187852314479.png (182,1 KB, 256x286)

E che c'è da dire? Mi stanno sul cazzo tutti, non ho nessuna stima di alcun candidato né partito e credo sinceramente che votare sia l'equivalente di scegliere il capitano del Titanic con l'iceberg che già si staglia all'orizzonte, per via di problemi strutturali intrattabili nelle condizioni attuali a prescindere da chi và al governo e per via del fatto che la maggioranza delle decisioni viene comunque presa o a Bruxelles o a Washington, e questo l'hanno capito pure i sassi credo. Prima facciamo che ci si riprende un minimo di sovranità e poi parliamo.

La Meloni stessa l'hanno VOLUTA fare vincere, non l'hanno cagata per quel decennio che era in politica, e quelle poche volte che lo facevano era per deriderla o mostrarla come cattivo esempio, mentre dall'anno scorso hanno poco a poco cominciato a cambiare tono e mostrarla in continuazione in TV, nei talk show, nei dibattiti, etc. Stessa cosa che fecero con Salvini nel 2017-2018.

Quindi non credo nemmeno nella "libertà di scelta" dato che di fatto il popolo italiano è immerso nella propaganda 24/7.

>scheda bianca/scheda annullata

La scheda bianca la possono falsificare, la scheda annullata comunque è una forma di partecipazione ad un sistema al quale non credo. Anche se prendi la scheda e ci disegni sopra una grande minchia con il Carioca Jumbo il fatto stesso che tu ti sia preso la briga di andare al seggio, farti riconoscere, prendere le schede, entrare in cabina e tutto quanto è di suo una forma di approvazione verso chi o cosa dovrebbe in teoria recepire questa tua protesta. Invece stando a casa il messaggio è chiaro: per me valete zero e siccome qualsiasi cosa facciate la farete dentro i confini di un sistema che mi fa cagare, che ci sia Tizio o Caio poco importa.

>votare il meno peggio

Seh, come dire che se hai davanti due piatti, uno fatto al 100% di merda e l'altro fatto al 50% di merda allora scegliere il secondo è la cosa più furba da fare, e magari sei pure contento del sistema "che comunque ti fa scegliere". Facciamo che oggi non pranzo e via, magari.

 massive-ginger-hare No.51883

>>51882
Non è che non pranzi, fai scegliere agli altri quale dei due piatti mangerai e probabilmente sceglieranno quello con il 100% di merda. Che ragionamento è?
>Ah no ragazzi io mi sono astenuto per questa legislatura la politica non si applica a me, ok?

 runny-fallow-chough No.51889

>>51883
Quindi l'unico modo è andarsene via, dove facciano piatti non di merda?

 strong-mahogany-okapi No.51893

Che ragionamento hanno fatto gli antichi per rendere legale l'astensionismo invece di mettere l'obbligo di votare?

 messy-charlie-zonkey No.51894

>>51882
Ti ricordo che i governi si autolegittimano anche quando l'astensionismo supera il 75% perché il loro scopo è proprio andare al potere col minimo sbatto possibile, se non voti fai esattamente quello che torna comodo a loro.

 negative-tumbleweed-barnacle No.51899

>>51894
Questo
>>51865
Molto difficile, tedioso, estenuante. I candidati con questa legge elettorale a listini bloccati sono catapultati dall'alto senza darmi alcuna scelta. Mi sono messo a googlarli perché non avevo idea di chi fossero, alcuni mi stavano bene altri erano inaccettabili.
Il meno peggio va trovato ad eliminazione

 linear-bistre-prawn No.51900

>>51889
Può essere un'idea, ma li servono abbastanza ovunque. Un'alternativa è farsi servire il minor numero di merda possibile e insistere per ridurre le porzioni ad ogni opportunità.

 longterm-jonquil-baboon No.51912

>>51893
Che il passo dopo il carabiniere che ti viene a prendere a casa per portarti al seggio è l'altro carabiniere che ti punta un ferro alla schiena nella cabina e ti dice chi votare

 nutritious-eggshell-scorpion No.51952

>>51876
No, il problema non è che il mio rappresentante del bianco fa quello che può ma viene oppresso dal resto della coalizione, è che il mio rappresentante del bianco di punto in bianco diventa direttamente grigio/nero perché in quel momento gli conviene di più per far contenti i giornalisti.
Quasi nessuno mantiene più la sua idea durante un intero mandato, basta che cambi il vento e subito si va a leccare il culo di quello che fino a ieri era il tuo peggior nemico.

 linear-bistre-prawn No.51953

>>51952
Eh anon se ti scegli come politico razzi scillipoti berlusconi e i suoi fantocci o il m5s è ovvio che finisca così

prova con qualcuno di serio, Bersani, Letta, toh persino Brunetta o Tremonti o qualche leghista ritardato

se non trovi nessuno serio dal tuo lato politico forse dovresti considerare che hai idee del cazzo e il problema sei tu

 linear-bistre-prawn No.51954

>>51952
anzi, dai, dicci chi ti ha ferito, quali politici ti hanno inculato e come?

 longterm-jonquil-baboon No.51960

>>51952
benvenuto in qualsivoglia democrazia parlamentare con un sistema elettorale proporzionale

 cloudy-pear-elk No.51972

File: Slobodan Praljak.gif (951,44 KB, 320x180)

Votare è inutile perché i parlamentari e i deputati non hanno nessun vero potere.
Fine.

 massive-ginger-hare No.51973

>>51972
Questa è una cazzata galattica, tutto dipende dal parlamento.

 illiterate-fuchsia-curlew No.51974

>>51973
se fossimo nel 1940 sicuro, adesso non più.

 longterm-jonquil-baboon No.51978

>>51974
Elabora che sono curioso

 illiterate-fuchsia-curlew No.51979

>>51978
nei decenni passati ci sono state molte legislature, che sono state formate da uomini che hanno messo in posti strategici altri uomini.
Se è vero che le legislature durano poco, le persone vivono molto, anche fino a 100 anni.
Quelle persone hanno dato vita ad un sistema che rimane nel tempo, senza cui i parlamentari nuovi non possono procedere.
Un esempio lo abbiamo a Roma con la Raggi e i lolrifiuti.
La Raggi è nuova, fa parte di un partito nuovo, è tutto nuovo e senza conflitti di interesse.
Bene, risolviamo problema rifiuti, cambiamo ATA.
Tutti si mettono di mezzo, i sindacati, gli avvocati, i dirigenti dell'azienda, i dipendenti che vanno in malattia, autobus che prendono fuoco da soli.
Alla fine non si risolve un cazzo e Roma fa più schifo di prima.
I parlamentari, deputati, senatori, non valgono un cazzo rispetto a chi è stato messo lì 30 anni fa a gestire l'apparato statale e parastatale, creandosi un sistema con cui poter scendere a patti col politico nuovo di turno che prova a fare la rivoluzione.
Questo a livello nazionale, a livello globale è uguale ma più in grande.
Aggiungici un mix di carrierismo, mazzette, mafia e favori alle lobby varie ed eventuali.

 longterm-jonquil-baboon No.51980

>>51979
grazie dello spiegone, anche se ero ironico perché pensavo volessi andare nel complottismo del deep state. In ogni caso è un "problema" ben chiaro già da fine 700 con l'emersione dei primi stati compiutamente burocratici (l'esempio storico paradigmatico era la prussia). In un sistema simile è normale che ci sia uno stuolo di stipendiati dallo Stato che lavorano per farlo funzionare in modo che il castello di carte non crolli su se stesso ma non si può banalizzare il ruolo di decisori dei politici che hanno comunque un grande spazio di manovra che impatta direttamente sulle vite di tutti i cittadini e non: guarda tutto il sistema del green pass.
Il più grande limite delle democrazie europee a oggi è l'Unione Europea, in quanto hanno ceduto parte della loro sovranità a essa, con tutto quello che ci va di conseguenza. L'esempio che fai te della Raggi più che gli individui messi lì o altro è dettato dall'esistenza di gruppi di potere legali o meno a lei antecedenti e che non scompaiono dall'oggi al domani, è normale che un sindaco o un parlamentare non siano onnipotenti e siano vincolati dalla realtà.

 massive-ginger-hare No.51981

>>51979
I cambiamenti sistemici si vedono sul lungo periodo, la PA è arretrata ma è comunque cambiata e migliorata negli anni e migliorerà ancora nel suo complesso nel tempo. La PA è comunque solo un lato della questione, leggi e riforme le fa comunque il parlamento o il governo tenuto su dal parlamento e hanno pieno potere decisionale sulle tue imposte, tasse e la loro destinazione. Non è che siccome non possono licenziare la signora Concetta dell'ufficio francobolli di Canicattì (nota scansafatiche) allora non hanno potere - che cazzo di ragionamento è?

 shoddy-arsenic-platypus No.51982

>>51981
Magari potessimo parlare solo di tizio scansafatiche al comune, il mio discorso andava più in alto.
Tutti i top dirigenti statali contano più dei parlamentari perché i parlamentari passano, loro no, e sono tutti in posti chiave da cui non possono essere schiodati facilmente.
Poi vabbé ok un po' di potere lo hanno, ma comunque ben lontano da quanto ne dovrebbero avere in una democrazia nella quale gli agenti siano tutti privi di conflitti di interesse.

 lustrous-patriarch-gnu No.51983

>>51982
Quel tipo di democrazia non esiste, inutile parlarne



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]