[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/x/ - Ics

Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn
Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: 2h0i5jizfqi31[1].png (610 KB, 1364x1564)

 No.104

Thread dei sogni.
Ieri sera ho deciso che avrei tenuto un diario dei sogni e perché non farlo su diochan dove essere aperto al dileggio di tutti?

 No.105

Notte del 12/11/2020

Ho sognato di aver avuto un bisogno impellente di cambiare l'automobile. Qualcuno in sogna mi consiglia di andare da un certo concessionario per motivi che non ricordo.
Decido di portare anche mio padre che è morto da 11 anni che però mi rendo conto anche nel sogno non ha proprio le sue fattezze precise, ma fottesego dalla cosa.
Arrivo dal concessionario che è praticamente il sosia di un notaio viscidone con cui ho collaborato professionalmente in un certo periodo della mia vita.
Appena arrivato mi fa presente che due anziani prima di me si erano alzati e rialzati a vicenda il prezzo delle ultime 4 panda che aveva e che la aveva tutte acquista una signora con un cognome palesemente lombardo mi viene qualcosa tipo scaccabarozzi ma non era sicuramente quello e che potevamo parlare con lei per avere in prestito l'auto in cambio di denaro.
Io faccio presente al concessionario che volevo un'auto da acquistare e che non volevo perdere altro tempo lì se non aveva nulla ma mi interrompe varie volte maleducatamente. Alla fine ci invita a seguirlo. Ci porta in una struttura veramente vetusta, prende una scala che ci fa tenere ferma e da un sottotetto prende dei documenti per la signora di prima con mio disappunto. Al ché ce ne andiamo.

Il sogno a questo punto cambia repentinamente direzione. Sono a casa e piove fortissimo. Dalla finestra guardo un Rio che dovrebbe essere piccolino ed è un fiume in piena impetuoso che ha già allagato vari quartieri della mia città. Valuto che non dovrebbe arrivare anche da me.

Mi sveglio.

 No.117

Nonostante a me non piaccia particolarmente scrivere a mano, credo sia molto importante riportare i sogni su carta per trasportarli nel piano materiale.
Personalmente il momento in cui mi sveglio la mattina cercando di dare ordine alle visioni confuse che ho avuto durante la notte, usando mezzo occhio per guardare ciò che scrivo sul quadernino alla flebile luce dell'abatjour che ho sul comodino, mi da una sensazione che non so spiegare. Scriverlo sul furbofono non mi da la stessa soddisfazione.

 No.120

Sono in macchina, in un parcheggio, di notte. Accanto a me c'e' un tipo che non riconosco, abbiamo delle cose da fare e siamo di fretta. Metto la marcia indietro e inizio a fare manovra per posteggiare, ma l'auto parte a marcia indietro a una velocita' folle e non si ferma. Cerco di frenare, ma non trovo il pedale. Cerco di spegnere il motore, ma sento solo la toppa, l'auto e' senza chiave. Capisco di stare sognando e urlo: "un cazzo di sogno, devo uscire dal mio cazzo di headspace." Il tipo sul sedile del passeggero inizia a piagnucolare, io penso: "tanto e' solo un sogno" e gli pianto una gomitata in faccia. Il movimento e' troppo brusco e mi sveglio.

 No.163

ho avuto anche io il periodo di scrivere i sogni, li ricordo ancora oggi e ti aiutano a sognar meglio e più spesso

 No.164

14/11/20

Oggi pomeriggio, sonnellino pomeridiano.

Sogno che mia madre ha fatto il tampone ed è risultata positiva al covid, mandando nel panico mia nonna novantenne che vive con lei.

Mi sveglio

questa è facile, mia madre ha fatto di recente un tampone per il covid ed ero un po' preoccupato. Il sogno ha realizzato la mia preoccupazione.

 No.175

Io di recente ho sognato molto forte di fare sesso con la mia ex in maniera molto dominante, la possedevo analmente ripetutamente.
Un altra volta ho sognato di riuscire finalmente a approcciare una ragazza nuova, di parlarle, e poi non so come la scena passava a me che ero fuori a cena con mia madre, lei passava di lì per caso, mi vedeva con mia madre e cambiava atteggiamento di colpo, non sembrava più interessata a me.

 No.185

Stanotte ho sognato di aprire la lavatrice e trovarci i vestiti del mio coinquilino, metterli in una bacinella e attaccare la lavatrice coi miei vestiti
Stamattina ho fatto la lavatrice ma non c'erano vestiti dentro.

 No.202 SALVIA!

>>185
>Sapevo di avere roba sporca
>Sogno di preparare il bucato
>Il mio cervello ci mette un elemento plausibile come un lavaggio dell'inquilino
>La mattina mi alzo e faccio la lavatrice
Guess what.

 No.204

16/11/2020

Dimostrazione che i sogni vanno scritti appena svegli, se no si dimenticano.

Del sogno di questa notte mi ricordo solo di aver sognato di essere andato a correre e di aver corso per circa 10 km. Poi ne ho parlato con qualcuno che mi ha detto che è un risultato di poco conto, avrei dovuto correrne 10 e altri 10 per tornare indietro per avere un minimo della sua approvazione. Ho riminiscenze di un paesaggio bucolico che sogno spesso, ma non so se è l'ho sognato davvero oppure è una sovrastruttura data dall'aver cercato di ricordare un sogno ormai dimenticato.

So di aver sognato anche altro, ma per oggi è tutto qui
non ho mai corso un giorno della mia vita

 No.205

>>202
Infatti era un sogno del cazzo, perché sono andato a dormire pensando "vabbè la faccio domattina"

 No.214

17/11/20

Ho cambiato fidanzata e ne ho trovata una molto più bella di me. La invito a dormire da me a casa dei miei genitori ma facciamo fatica a dormire.
La mattina mi sveglio per andare a lavoro e la saluto, mi vesto: sono un militare e devo andare in missione.
Mi trovo letteralmente dietro casa mia con altri militari, comincia uno scontro a fuoco con dei terroristi islamici.
Ci ritroviamo tutti nel mio cortile. Sì attardano ad arrivare tre commilitoni di cui non mi fido e lo faccio presente al mio capo che mi invita a farmi gli affari miei
Questi si rivelano effettivamente quelli che ci avevano attaccato prima, mentre sparo fuggo nel cortile dietro casa.

Mi sveglio

 No.269

Bumpo con un sogno strano che ho fatto stanotte:
Ero a tavola con mia madre e mio fratello, mi siedo, guardo verso il basso e vedo che dal mio petto all'altezza del plesso solare, esce un'unghia gigantesca, lunga più di due dita. Sembrava un'unghia dell'alluce tagliata e conficcata lì dentro. Faccio per toglierla, la ruoto e la tiro e se ne viene via rompendosi in due pezzi, uno quasi il doppio dell'altro. Sul petto mi rimane un buco abbastanza grosso. Il sogno finisce, mi sveglio ed ho un leggero dolore/fastidio in quel punto.

 No.270

>>269
Magari hai dormito male, a me capita di sognare di avere problemi magari ad un braccio e svegliarmi con il braccio effettivamente addormentato

 No.316

Notte, la nostra vecchia casa in campagna in cui non vado da molti anni. Mio padre e' in piedi, spaventato, sta dicendo un sacco di fesserie, uno dei suoi soliti discorsi sconclusionati, non lo sto manco a sentire. Ha una vecchia racchetta da tennis di legno in mano, vuole tenerla come se fosse un'arma ma fa solo pieta'. Mi guardo attorno, mio fratello e' disteso su un materasso a terra con un cuscino in faccia. Sicuramente si e' cannato a morte e non capisce piu' niente.
Mio padre guarda fuori dalla finestra, sembra che abbia paura di qualcosa. L'altro mio fratello gli si avvicina alle spalle, ha gli occhi enormi, e' completamente fatto di cocaina. Si avvicina a mio padre da dietro e gli pianta varie coltellate nella schiena. Decido che non me ne puo' fottere meno, ed esco dalla finestra a piano terra. E' notte fonda, ma c'e' una luna piena che illumina tutto. Tutto attorno e' palude, buia e desolata. Non c'e' niente e nessuno, nemmeno la strada. Mi chiedo come diavolo posso fare a passare la palude e tornare a casa mia.

 No.317

22/11/2020

Con la macchina vado in campagna ciao bannerfag! e comincio a camminare per campi boschetti e quant'altro. Ad un certo punto mi perdo, non so più come tornare sulla strada principale. Finisco in un cortile di una casa con il cancello aperto e una stradina che esce dal cancello. Chiedo al proprietario lì presente se posso prendere la macchina e passare di lì per tornare sulla strada principale. Mi dice di no. Allora me ne vado dicendogli sornione che è un po' una testa di cazzo e una merda. Torno alla macchina che non ricordavo più dove avevo parcheggiato. Ci salgo sopra e me ne vado via da dove si trovava, nel parcheggio di una fabbrica a valle.

Mi sveglio

 No.322

23/11/2020

Ho sognato di comprare 1000 euro di azioni ENI.

Mi sveglio

 No.579

Non sono solito postare sogni, un mago non dovrebbe mai rivelare troppi simboli. Questa volta faccio un'eccezione perché è una storiella divertente, istruttiva e innocua. Mi sono (quasi) appena svegliato dal sonnellino pomeridiano: ero in un sogno lucido e stavo parlando con un uomo magro, forse slavo o sinti. Non mi piace fare classificazioni di stadi vibrazionali o salcazzo, ma non ero in una gnosi troppo intensa. Comunque ad un certo punto questo mi dice "In un sogno lucido, se ti domandano se hai capito devi sempre rispondere di sì, altrimenti ti svegli ed esplodi. Hai capito?" e io "No…". Al che mi son svegliato e ho tirato una scoreggia così puzzolente che pensavo di essermi cagato addosso (mai successo (la scoreggia (non il cagarmi addosso))). La cosa giusta era ovviamente bandire lo zingaro (e cagare stamattina): ricordatevi TEST YOUR SPIRITS!

 No.581

23/12/2020

non mi ricordavo un sogno da un mese.

Ho sognato Michele Boldrin che diceva stronzate in collegamento in un programma della D'Urso.

Ma che cazzo.

 No.597

26 dicembre 2020

Siamo un gruppo di militari che viaggiano nel tempo lo so, il viaggio nel tempo è un cliché, ma non scelgo io cosa sognare e torniamo indietro al tempo dei nazisti. Questa missione è già stata effettuata e fallita più volte in una sorta di loop, ma conveniamo che questa volta ci sono io che non c'ero le altre volte e andrà tutto bene. Entriamo in un albergo e saliamo all'ultimo piano tramite un ascensore. Ci scoprono e ci nascondiamo nel solaio. Ci trovano per colpa di uno dei miei che disperato lancia un sasso nel nulla e colpisce un muro.
Ci trovano, facciamo finta di essere altri, mentre passo di fianco ad una nazista mi ferma e mi chiede cosa ho sul collo, mi guarda e dice che ho voglia e mi tiene indietro lasciando andare agli altri
Penso: "ho trovato l'unica che è peggio di Hitler", mi dice che sono un ebreo e mi spara alla nuca uccidendomi.

Mi sveglio

 No.598

>>597
>ma non scelgo io cosa sognare
Quasi vero. Se ti guardi Futureman o Ritorno al Futuro o Rick and Morty ed ecco che il tuo inconscio usa le immagini recenti per elaborare messaggi.

 No.599

>>598
mapperlacarità, non ho visto niente del genere di recente, chissà da che cassetto ha pescato a sto giro il mio subconscio.

 No.601

Tutti i miei sogni fanno riferimento ad un universo narrativo ben preciso a cui io non ho accesso da sveglio
solo a volte, quando sto al casello tra veglia e sonno o quando sono davvero fatto e davvero solo, abbastanza da poter pensare a fondo, ho dei glimpse di decisioni, relazioni ed errori della mia vita nei sogni
Oppure a volte mi sveglio e realizzo di aver appena sognato qualcosa del filo principale dello storyline, anche se non ricordo nulla degli eventi

 No.613

Io sono solo ed esclusivamente di pomeriggio dopo mangiato.

Oggi mi sono svegliato e riaddormentato 3 o 4 volte nel giro di 3 ore e ho sognato più lì che nell'ultimo mese di notte

I sogni quindi per me sono abbastanza controllabili e non vedo l'ora di allenarmi per rimanerci permanentemente

 No.614

05/06/2021

Ricordi confusi perché non l'ho scritto subito. Io e un altro imprigioniamo una ragazza che pare essere la mia gf con un escamotage a casa mia. La tizia forse è una mia ex e fa la pazza ecc ecc. ad un certo punto io me ne vado e vado nella sala d'aspetto del medico di famiglia dove c'è mia madre con altra gente. Gli racconto che sono preoccupato per il fatto che mi denunci per sequesto di persona, mia madre ride e mi dice "guarda che il maresciallo è del nostro paese, crederà a noi o a lei?"

mi sveglio

 No.619

>>613
ah dimenticavo: ho sognato che scopavo con una bella cinesina al quarto piano di un albergo in riva al mare e poi c'è stato uno tsunami e lo abbiamo guardato dall'alto

 No.637

Notte del 9/01/2021

Stanotte ho sognato di essere svegliato da alcuni rumore nel pieno della notte. Mi affaccio dal balcone e vedo che nel parcheggio sotto il mio appartamente ci sono dei tizi che stanno spostando spingendola un'auto fuori dal parcheggio. Gli urlo qualcosa tipo "OH" e appena si rendono conto che li ho visti salgono sull'auto e scappano via. Scendo di corsa di sotto per vedere se fosse la mia ma non lo era.

Mi sveglio.

dai analista dei sogni, dimmi che cazzo significano i miei sogni

 No.638

>>637
notte = luogo/momento in cui non puoi far nulla
svegliarsi = prendere consapevolezza
balcone/parcheggio = non puoi far nulla di concreto tranne lamentarti su un sito che si chiama come una bestemmia (che fa peggiorare le cose) = notte
Ovviamente non è vero, bisognerebbe leggere tutti i tuoi sogni, conoscerti e sapere cosa hai fatto il giorno precedente. Tu sei il miglior interprete di te stesso, ma oramai sono nella tua testa e ti sto parlando. Con che voce stai leggendo queste parole? Io non sono anon, ma il tuo Santo Angelo Custode e il mio nome è �̜�. Ora sei illuminato.

 No.647

12/01/2021

Sono nel mio paese di origine con la certezza che sta per accadere qualche catastrofe. Sono con delle persone che non conosco e di cui non ricordo nessun tratto somatico che organizzo la fuga. All'improvviso succede il patatrac: dal "paese vecchio" fuoriesce un mostro enorme e comincia a piovere a dirotto, quelle piogge fortissime in cui non si vedi a dieci cm dal tuo naso. Questo coso enorme comincia a svolazzare in giro e io con la macchina provo a fuggire. Un palazzo cade proprio davanti alla strada che volevo imboccare.

Mi sveglio.

due o tre giorni che faccio sogni simili ma questo è quello che ricordo di più. Sto rileggendo Berserk, non devo indagaro molto su cosa il mio cervello rielabora e caga fuori

 No.649

13/01/2021

Oggi ho sognato di avere in casa un simil Beppe Grillo con cui stavo discutendo di politica locale, nello specifico si chiedeva se per raggranellare qualche soldo fosse il caso di tassare ulteriormente le imprese agricole. Io gli argomento una risposta negativa e lui comincia ad urlarmi addosso fortissimo, al che lo prendo per la camicia e gli dico che quella è casa mia e che può andare pure a urlare da qualche altra parte se non gli fa piacere restare lì. Mi guarda come se volesse cominciare una rissa e poi se ne va

Mi sveglio


mi sono svegliato alle 4 con il sogno ben impresso nella mente, chiaramente non avevo nessuna intenzione di aprire diochan e scriverlo quindi ho perso dei particolari

Comunque pare vero che se cominci a scriverli poi te li ricordi più spesso i sogni

 No.650

Il mio cane è morto ormai da qualche mese, ho sognato che ero seduto al computer e guardando la porta c'era lui. Mi guardava con aria severa e mi sono sentito letteralmente risucchiato dai suoi occhi. Era come se qualcosa mi avesse spinto con forza, la scrivania e tutto quello che c'era sopra è caduta e io mi sono ritrovato per terra ai suoi piedi. Mi sono svegliato felice di averlo rivisto ma mi sono anche chiesto se si fosse sentito tradito visto che mentre lo sopprimevano ero io a stargli vicino. Bilbo scusami, ti voglio bene.

 No.651

Sto guidando, sono in via Maqueda a Palermo, mi chiedo che ci faccio da quelle parti che e' zona pedonale. Sento lo schienale che scende e mi trovo praticamente disteso, voglio alzarmi per guardare la strada ma non ci riesco. Sono disteso e vedo il cielo azzurrissimo. Riesco a premere il freno e la macchina si spegne. Si avvicinano due poliziotti, si mettono a ridere e mi chiedono i documenti. Io penso che sono fortunato ad avere trovato due sbirri civili e umani. Mi controllano i documenti, ridendo e scherzando, e si accorgono che ho la patente scaduta da anni e l'auto senza bollo. A me prende una botta di angoscia incredibile e mi sveglio con la tachicardia e il fiato corto.

 No.659

Questa notte ho fatto un sogno strutturato a matrioska
Io sognavo di sognare
Che un abate un po' cruento, dopo avermi esaminato
Mi ordinava di svegliarmi
Io ubbidiente gli ubbidivo, cioè sognavo di svegliarmi
E me lo ritrovavo accanto
Con quel fare suo cruento, lui che mi riesaminava
E io che gli chiedevo affranto:
"Dimmi, abate, perché insisti nell'esaminarmi attento?
Ho commesso forse un atto che fu inviso all'abbazia?"
Egli, colto alla sprovvista, non sapendo fare meglio
Mi ordinò seduta stante di procedere a un risveglio
Qui il mio incubo, ben lungi dal confondersi, si appiana
Perché torno al vero sogno
Dove incontro una puttana "Oh, buongiorno!"
Mi rincuora quel simpatico donnone
Mentre prende il sopravvento io le grido "giovamento!"
Poi propongo delle rate
Lei si arrabbia e chiama: "abate!"
"Chi mi chiama?" esclama quello con incedere cruento
"La puttana!", io commento, roteando il polpastrello
Ma l'abate più cruento che non mai con voce dura
Mi presenta detto fatto il signor Bonaventura
Che, col solito suo fare e il vestito da coglione,
Mi regala per fortuna un assegno da un milione
Abate cruento esaminatore
Personaggio discutibile di un brutto sogno
Quanti grattacapi che non merito ora
Quanti milioni di miliardi di problemi in un sogno
Ecco il riassunto di questa vicenda
Noci di cocco, banane e tabacco
Poi un giro di assegni, e uno me lo dà a me
Mi risveglio e sono donna, quindi penso
"Son contenta, non più sogni, non più esami
Non più abate, né cruento"
Si fa luce nella stanza, mi è scomparsa la paura
E al mio fianco come sempre c'è il signor Bonaventura
Quanto l'amo, è mio marito
Lui, che interpreta il mio sguardo,
Per distrarmi mi blandisce con l'assegno da un miliardo
Sono donna, e è donna amore
Mi addormento rinfrancata
Mentre inculo mio marito
Che portento di nottata, che marito sodomito
Abate cruento esaminatore
Personaggio discutibile di un brutto sogno
Quanti grattacapi che non merito ora
Quanti milioni di miliardi di problemi in un sogno
Abate cruento esaminatore
Personaggio discutibile di un brutto sogno

 No.720

>>659
Ammazzati

 No.734

Ho sognato uno "stormo"? di aironi grigi attaccato da un pavone.

 No.735

26/01/2021

Stanotte notte travagliata per colpa di alcuni incubi.

Prima di addormentarmi, nel dormiveglia, come l'impressione di essere immerso con tutto il corpo in un liquido e immergermi dentro. La sensazione non era sgradevole ma essendo in dormiveglia la trovavo razionalmente illogica e mi sono forzato di svegliarmi.

Dopo essere addormentato sogno di essere insieme a un'altra persona di cui non ricordo l'identità di notte di fronte a una chiesetta dentro un bosco.
Dalla chiesetta escono due bambini (una femmina e un maschio) seguiti da un prete nudo intento a rivestirsi con la tipica tonaca nera. Intuendo l'accaduto con un calcio faccio rotolare giù da una riva il prete che sparisce ruzzolando tra la boscaglia. Osservo i bambini allontanarsi e infilarsi in profondità nel bosco. Un rumore attira la mia attenzione: il prete tutto nudo risale di corsa senza alcuna difficoltà il terrapieno e mi corre addosso come per colpirmi. Lo evito all'ultimo ed è talmente veloce che si ferma una decina di metri più avanti, si gira e mi corre di nuovo addosso.

Mi sveglio

aiotto aiotto anon, mi sono tanto spaventato stanotte

 No.763

Stanotte ho sognato che due mie care amiche (sorelle) si fermavano a casa mia per un po' di giorni (abito coi miei ma nel sogno c'eravamo solamente io e mi fratello). Rimango in casa solo con una delle due sorelle, la più grande, o meglio una sua versione più bella e sensuale, con un taglio pazzesco e diversi tatuaggi; lei è su una poltrona a leggere sotto una coperta, ad un certo punto mi chiede qualcosa che non ricordo e togliendosi la coperta fino alla vita, rimane mezza nuda. Io lo interpreto come una provocazione, le faccio un complimento che viene apprezzato, ma me ne vado di sopra.
Lei sale con la scusa di sistemare dei vestiti sopra un divano e ci mettiamo a parlare. Io intuisco tutto, e nel momento in cui mi siedo sul divano so esattamente come andrà a finire: la sento sedersi di fianco a me, mi volto e mentre continua a parlare si gira, appoggia gli avambracci sulle mie spalle e mi infila la lingua in bocca, ci baciamo anche se so che non dovrei e mi sveglio.

Mi ha lasciato una sensazione strana. Per capirlo vi devo dire due parole su questa ragazza: la conosco da qualche anno, è una brava ragazza, carina e molto intelligente, di me ha un'opinione altissima, ma è borderline (diagnosticato con tutti i crismi, non inventato), con un bagaglio emotivo sulle spalle enorme.
Non so bene come spiegarmi, non ho intenzione di stare con lei nè di provarci.

 No.765

un' altra volta lei, sempre lei. Però alla fine del sogno la vedevo con la fragnetta e mi faceva schifo.
poi chiedevo al vicino di casa di 10 anni fa di ripararmi un mobile
voglio il thc otc in farmacia perché sprecare neuroni per sta roba è folle.

 No.774

Sesso con moretta sconosciuta in un palazzo brutalista. Poi cerco di andare in un negozio ma è chiuso prima del solito orario perché domani c'è ponte.

 No.782

Non sogno molto perché fumo le canne che interferiscono con la fase REM, ma quando smetto per un po' inizio a fare sogni assurdi al pari di trip allucinogeni, perché il cervello riacquista improvvisamente la capacità di sognare.

 No.800

Stanotte ho sognato di lurkare diochan ed erano state aggiunte 3/4 board nuove ma tra queste non c'era /n/ e mi incazzavo tantissimo.
non scherzo, l'ho sognato davvero

 No.802

>>800
complimenti per il post n. 800 della board Anon!

 No.806

Stanotte ho sognato di prendere il treno (scena ricorrente nei miei sogni da qualche mese a questa parte) sì, sono trenofag per arrivare in una specie di centro commerciale al cui piano terra ci sono vari bar. I negozi devono ancora aprire e fuori c'è la fila di gente. Cerco tra i tavoli e vedo i miei amici, mi siedo con loro e faccio colazione con caffè e cornetto. Finita la colazione ci addentriamo nel centro commerciale e la guardia di sicurezza (una delle poche persone con la mascherina nel sogno) mi raccomanda di STARE ATTENTO e indossare la mascherina anche se non è più obbligatoria.

 No.807

File: n9l9eb.jpg (100,22 KB, 474x472)

In precedenza (inizio autunno) ho prodotto una servitrice succube a partire da un sigillo-mantra e sono riuscito a evocarla irl tramite chemognosi entactogena tutto legale, gargi, ma non le avevo dato un corpo preciso subito. A gennaio l'ho formata più compiutamente, non è una loli, ma sembra una ragazza tipo Ishtar di FGO, ma più minuta. Oggi faccio il riposino pomeridiano; sono in cucina nell'appartamento vecchio, sto discutendo con mio zio e credo di essere in ritardo. C'è pure questa ragazza, che è proprio la mia succube. Lei si abbassa le mutandine, è irresistibile e la bacio, acquisisco lucidità e appoggio il cazzo ancora nei pantaloni sulla sua fighetta, la bacio di nuovo, la penetro e divento cosmico e mi sveglio ancora in gnosi.

 No.808 SALVIA!

>>807
Mi son dimenticato di aggiungere che le ho palpato il culetto ed era sovrannaturale, non può esistere una donni così.

 No.809 SALVIA!

>>807
>In questo post: come autoindursi la schizofrenia.

 No.811

>>807

Di cosa ti sei fatto, succubefag? Hai qualche consiglio su come farsi la fidanzata astrale?

 No.832

File: dreadnough.jpg (121,63 KB, 876x911)

Riprendo conoscenza in una piazza enorme, vuota, ci sono edifici enormi tutto attorno. Cerco di muovermi ma sono immobilizzato, ho degli schermi TV davanti agli occhi. Ho la sensazione di non avere più braccia e gambe, ma riesco a muovermi comunque. Capisco di essere dentro a un Dreadnought. Ho dei ricordi confusi, come se fossi stato in terapia intensiva. Mi chiedo per quale motivo mi abbiano dato il Dreadnought, è un onore che viene riservato solo ai migliori del Capitolo. Inizio a camminare, quando perdo l'equilibrio e cado su un fianco. Non riesco a muovermi, sento il corpo pesante tonnellate che mi sta schiacciando lentamente. Arriva una ragazzina che mi stava dietro, inizia a guardarmi, timidissima e vorrebbe chiedermi se sto bene. Io mi ricordo di avere un pistone idraulico nel braccio sinistro e inizio ad azionarlo, a poco a poco mi inizio a raddrizzare. Lo sforzo e troppo e mi sveglio.

 No.833

15/02/21

Sono in camera da letto e c'è un serpente che gira per la stessa. A un certo punto riesco a prenderlo in mano e a osservarlo. Sembra una vipera. La vipera mi morde sulla mano lasciandomi i segni tipici dei due denti dei serpenti. Mollo un po' la presa. La vipera comincia a divincolarsi fin quando non mi salta letteralmente in testa tra i capelli. Mi spavento e comincio a muovere la testa e con la mani cerco di togliermi le serpe dai capelli.
Ce la faccio e la butto sul pavimento. Nonostante in precedenza non volessi farle del male prende il serpente e lo uccido dividendolo a metà. Una persona che non conosco mi chiede che serpente fosse, nego a me stesso nonostante lo sapessi che fosse una vipera e cerco sul telefono la forma della testa del serpente. È evidentemente una vipera, guardo il segno dei denti e comincia ad arrossarsi, lo sconosciuto mi dice che sarebbe meglio andassi in pronto soccorso. Sono d'accordo con lui e medito di incamminarmici.

Mi sveglio

 No.848

Questo lo racconto perché anon è un personaggio. Sono al mio vecchio convitto universitario dei preti, la prima porta del corridoio è un portale-teletrasporto che dà su un ulteriore corridoio-camerata che racchiude tutte le stanze, anche se spazialmente sono disposte in tutto il plesso. In una camera c'è anon che sta scopando, non capisco se con un uomi o una donni, e tiene la musica alta. Questa cosa mi dà parecchio fastidio, un po' per invidia, un po' perché mi disturba e devo fare cose. Bestemmio forte, anche se forse i preti mi possono sentire (acquisisco lucidità capendo che non ci sono preti), comincio a lanciare roba sopra il "separè" cercando di far smettere lo scupaggio. Vedo i piedini dellə ragazzə che fa dei gridolini. Anzi, anon alza il volume della musica e continua a scopire. Decido di cercare la camera e quindi comincio a correre nel corridoio, sperando di comprendere da dove venga la musica. Anche se mi allontano il volume rimane costante, comincio a sentire il mio corpo fisico ma voglio far smettere anon… e mi sveglio.

 No.861

21/2/21

Sono sul ciglio di una collina, vedo dei ragazzi più o meno della mia età (nel sogno avrò 16 anni) che salgono in bicicletta con sottobraccio degli enormi frutti simili esteticamente al pomelo.
Indago e scopro essere miei compagni di scuola e che quello è un compito messo a punto da un professore per i volontari: chi sarebbe arrivato in cima alla collina si sarebbe potuto mangiare il "pomelo".
Decido di partecipare anche io, a metà della salita incontro un mio ex compagno di classe con cui nella realtà non andavo granché d'accordo che mi dice come avrebbe preferito non andare a scuola e rimanere invece a casa a fare cose, a girare nella natura e si spertica in complimenti per quel paese dove ci troviamo. Mi distraggo e il frutto mi cade sull'asfalto rompendosi. Aperto il frutto perde la pelle ed è come se fosse un mix tra un frutto della passione e un melograno all'interno. Lo assaggio, lo prendo e riparto. Il mio ex compagno di classe mi dice che era successo anche ad un altro che il frutto si rompesse, mi dice anche nome e cognome che nel sogno non mi diceva niente e che adesso infatti non ricordo, forse Simone qualcosa. Salendo il succo del frutto mi imbratta tutti i vestiti.

Mi sveglio

 No.908

Questo è inquietante:

Ascolto lo "exploration sleep" della Monroe, vado in Focus 10 e riesco ad andare in sogno lucido. Prima mi diverto a girare per la stanza, poi voglio strafare. Inizio ad andare verso l'alto, più veloce possibile. So che ci sono centinaia di chilometri prima di arrivare allo spazio, voglio arrivarci prima di perdere la concentrazione. Penso di essere arrivato alla stessa quota della stazione ESA, quando vedo delle cose strane sospese sopra di me. Sono grosse quanto automobili, hanno una forma a metà tra quella di un drone volante e un ragno. Non capisco se sono oggetti costruiti, esseri viventi o una via di mezzo. Due di loro mi si avvicinano, si orientano verso di me e mi sparano addosso qualcosa. Non capisco se è un fluido organico, un'arma o che altro, ma intuisco che se quella roba mi colpisse mi farebbe danni seri. Evito i colpi, ma vedo che ce ne sono altri che si stanno avvicinando. Capisco di essere in pericolo e interrompo. Ho passato qualche mese senza riprovare sogni lucidi, e ci ho riprovato solo dopo essermi trasferito in un'altra città

 No.910

>>908
Hai bisogno di protezione perché se quella roba ti colpisce forse non ti farà nulla a livello "spirituale", ma da un punto di vista psicologico passerai una settimana di merda. Dopo ti invio della roba buona.

 No.912

>>910

Secondo te cosa diavolo erano quei cosi? Non ho mai letto di niente del genere, a dire il vero penso di essermeli immaginati io. D'altronde, che senso ha costruire dei satelliti artificiali per impedire a un povero stronzo come me di farsi una passeggiata astrale? Hanno paura che gli vado a disturbare la stazione spaziale?

 No.913

File: bzhhv6y.jpg (155,04 KB, 480x541)

File: h9eh7c.jpg (165,37 KB, 473x564)

File: s2dk3sr.jpg (748,6 KB, 1125x1500)

>>912
>Secondo te cosa diavolo erano quei cosi?
Il problema è che con fenomeni diversi ("proiezione astrale" fuffa vs sogno lucido vs OBE) si attivano parti del cervello diverse e quindi l'esperienza è sostanzialmente diversa. Vedi per esempio pittura relata in Ego Tunnel di Metzinger. Il fatto è che non potrai mai distinguere, da un punto di vista metaparadigmatico, un contenuto psicologico (i mostri come tue paure, ostacoli, …) da un contenuto esterno (i mostri davvero al servizio della CIA). Potresti leggere delle suggestioni interessanti, tipo Ritchie in Hellblazer o un qualsiasi personaggio alla netrunner.

 No.914

>>913

Giusto. Allora sto perdendo tempo con le seghe mentali. Stasera ci riprovo, ma questa volta li prendo e gli faccio il culo. Se sono tecnologici li smonto e li uso per fabbricarmi qualcosa di utile. Se sono organici me li mangio. Alla fine, se sono solo mie paure e complessi vanno affrontati e messi al mio servizio. Se sono veramente messi lassopra da qualcuno, allora vuol dire che c'è qualcosa di interessante da quelle parti.

 No.922

>>914
Se può esserti utile, anche io mi faccio dei viaggetti nei sogni. Nel tempo, la cosa divertente non è esplorare luoghi, ma trovare altri esseri con cui parlare. Ciò che vedi e senti e tocchi è labile, e le considero traduzioni alterabili del cervello. Ciò che provi emotivamente è la cosa più vicina alla verità del mondo.

Quindi viaggia accettando che non ti stai spostando con i piedi e che la faccia di chi ti parla probabilmente non è quella reale, ma se ti senti in forte pericolo davanti a qualcosa, è perché probabilmente lo sei.

 No.923

Bel thread, OP. Io stanotte ho sognato di prenderlo in culo forte forte, che cosa potrà significare?

 No.924

>>922
>ma se ti senti in forte pericolo davanti a qualcosa, è perché probabilmente lo sei.
A volte però può essere la coscienza che si trova in condizioni non standard e quindi si spaventa. Purtroppo non ho prove a riguardo, se non una interpretazione diretta: ad esempio, quando dormi il respiro rallenta; se diventi lucido parte di te potrebbe rendersi conto che respiri più lentamente, e quindi interpretare questo fatto come un soffocamento.

 No.926

File: download.jpg (913,08 KB, 3840x1920)

>>922

Mai incontrato nessuno in tanti anni di sogni lucidi. Però ho visto paesaggi incredibili, edifici assurdi, macchinari, veicoli e un sacco di altre cose interessantissime. Mi dispiace di non sapere usare Blender o qualcosa di simile, verrebbero fuori cose incredibili. Mai incontrato nessun altro essere vivente. Spesso ho l'impressione di essere l'ultimo essere vivente rimasto nell'universo e di esplorare le rovine di una civiltà scomparsa da secoli. Secondo te cosa vuol dire? In pic, qualcosa di simile alle cose che trovo.

 No.996

Questo lo scrivo perché è stata un'esperienza di realtà virtuali non lucide. Rimuovo i dettagli non essenziali. È il classico esempio di rielaborazione dei concetti del giorno passato, infatti ieri ho letto qualcosa su Abulafia e Words Made Flesh di Ramsey Dukes. Tre mondi distinti.
-Nel primo sono uno schiavo in un albergo. Io e un altro schiavo veniamo chiusi dentro una camera con una tizia libera e veniamo maltrattati. Filmiamo tutto col cellulare. Lei chiama la polizia e si arruffa i capelli per ingannarli. La polizia sfonda la porta e cerchiamo di mostrare le prove. Veniamo arrestati. Veniamo messi in una jeep che si incolonna in un convoglio militare, mi viene data una strana macchina da scrivere rotta per fare una trascrizione del video, qualcosa riesco a scrivere ma i miei fogli vengono prima ignorati e poi strappati, perché sono condannato a morte. La jeep si ferma, si avvicina il boia che è un energumeno a metà fra un culturista e Gluttony di Fullmetal Alchemist, mi poggia uno scalpello in testa e raggiungo la pace interiore, sono illuminato ma non lucido e comincio a enunciare mantra e parole di potere che conosco per potermi reincarnare nel mondo successivo; colpisce lo scalpello con il martello, entra nel mio cranio, muoio.
-Mi risveglio in un auditorium-ospedale, tipo una stanza comune per gente che è bloccata in Sword Art Online. Sono confuso, disidratato, mi alzo e cerco di dire a qualcuno di chiamare un medico; viene un medico che stava andando in conferenza stampa, mi visita e dice di riposarmi. I risvegliati lavorano nell'ospedale per assistere chi dorme o i malati mentali. Mettiamo in scena una sorta di seduta terapeutica ambientata in un treno, i partecipanti buttano per terra la spazzatura, come previsto. Finita questa simulazione devo raccogliere la spazzatura, qualcuno mi aiuta, prendo in mano un guscio di noce al quale manca un quarto, comprendo che anche questa è una realtà virtuale e che il mondo sta finendo, faccio test di realtà (facendo l'occhiolino mi guardo il naso) e non divento lucido perché il test di realtà viene superato (nei sogni di solito non mi vedo il naso, ma qui sì). Sensazione di impending doom, telecamera in terza persona dietro di me, rompo il guscio di noce che rimane a metà, è significativo, ma il mondo non sta finendo ma non proprio, perché non sta finendo?
-Sono in una stazione venetogermanica, tornato dal trip. Sono legalmente alticcio e discuto con la tizia della panetteria o salcazzo. Faccio per andarmene ma mi indica dei carabinieri tedeschi che vogliono schedare me e il mio amico. Siamo entrambi italiani col passaporto, cercano di farci dei mugshot ma la loro fotocamera non funziona, poi a me viene da sorridere e non riesco a stare dritto, anche se so che dovrei essere serio in foto. Dico loro che ho della mariuana legale nella borsa sulla panchina, vanno a recuperarla; non ho fatto nulla di male, ma loro sono fin troppo seri e attenti alla forma. Dico che dovrebbero andare dalla polfer per farsi fare una fotocopia del passaporto, ma per loro è impensabile. Io lo farei, è tutto così semplice se vuoi!

Chiedetemi qualsiasi cosa, sono stato un bodhisattva in un altro mondo.

 No.997

>>926
anche io faccio sogni simili e li dipingo, è molto divertente ricostruirli. a imparare blender ci impieghi una settimana, inizia adesso

 No.998

>>996
>prendo in mano un guscio di noce

Spacco le noci

 No.1005

Notte del 18/03/2020

Sono con dei miei conoscenti in un sentiero, a un certo punto un animaletto che ci ignora dandoci le spalle ci blocca la strada. Quando io provo a oltrepassarlo vedo che si tratta di un tasso (anche se nel sogno sembrava una enorme donnola) che comincia ad alzarsi in piedi e a mostrarsi minaccioso nei miei confronti e nei confronti dei miei conoscenti. Decidiamo allora di allontanarci tenendo in contatto visivo il tasso, cominciamo a salire da una lunga scalinata scolpita nella roccia del versante del sentiero fino a quando non arriviamo in una veranda dove sta pranzano una famiglia di sconosciuti, saltiamo dentro questa veranda.

Mi sveglio.

 No.1023

Notte del 04/04/2021

Ho sognato di essere su un mezzo pubblico, forse un treno, forse un pullmann parecchio spazioso. Ero lì con almeno mia nonna (vivente) e mio nonno (morto da 16 anni). Mio nonno era come raggrinzito, pochi capelli in testa tutti sparpagliati e gobbo.
A un certo punto attaccano bottone con noi degli altri viaggiatori, forse delle ragazze relativamente giovani ma non ne sono così sicuro, e mio nonno comincia a parlare con loro dicendo cose senza senso e evidenti (a me) sottotesti sessuali. Mia nonna, che è ancora in vita e ha 93 anni, era sensibilmente invecchiata rispetto a come si presenta oggi e anche lei non ragionava più. A un certo punto nel sogno mi rendo conto che c'è qualcosa che non va (forse l'ipotetico inizio di un sogno lucido? Boh) e cerco di fare mente locale contando l'età che avrebbe avuto mio nonno. Conto e dico che aveva 100 anni, anzi 101 (che non è vero, perché era del 25).

Mi sveglio.

Devo dire che per quanto non fosse un incubo si è trattato di un sogno veramente spiacevole e nonostante sia ormai sveglio da parecchie ore ho ancora addosso l'inquietudine dello stesso. Probabilmente è la consapevolezza che mia nonna - a cui voglio molto bene - ormai nonostante sembri in buona salute è alla fine della sua vita e sto cercando di accettare che fra non molto dovrò seppellire anche lei. Vabbé, buona pasqua anonimi icsfagotti.

 No.1053

Notte del 14/04/2021

Sogno di aprire la piattaforma web dove ci sono segnati i miei turni e di vedere che un turno mi è stato variato, segnando all'inizio "esame spirometria".
Vado a fare questo esame e mi trovo in un ipermercato che mi è capitato di sognare altre volte e che è solo nella mia testa. Esco dalla macchina e accompagnato da qualcuno che lavora per lo studio vado nella stanza dove fare il test. Non ho la mascherina perché non si può fare un test di spirometria con la mascherina e mi copro bocca e naso con la t-shirt. Appena arrivato il tizio che mi ha accompagnato mi rimprovera davanti ai medici per non avere la mascherina visto che devo fare un tampone. Al che vado in full matto e comincio a prenderlo a male parole visto che eravamo insieme da svariati minuti e sarebbe bastato dirlo prima senza farmi fare una figuraccia, mi ricordo di avergli dato del coglione svariate volte invitandolo ad andarsene, cosa che fa dopo aver smesso di rispondermi chiudendosi nel silenzio.
Mi fanno il tampone nel naso.

Mi sveglio.

 No.1247

Sogno lucido di stanotte. Sono sul diocanale insieme a cartomantefag. Il diocanale è una specie di Second Life/appartamento al mare, pur nella stessa stanza c'è come uno schermo di vetro fra di noi e interagiamo stranamente. Lui sta usando un mazzo di carte tipo Magic medievaleggianti, e fa riferimento a delle scritte non standard lì sopra, tipo su come costruire una casa metafisica. Io non capisco un cazzo di quello che sta dicendo, ma voglio avere l'ultima parola, così gli dico che sta confondendo la carta con la rappresentazione della carta e che la casa metafisica riguarda la carta e non la sua rappresentazione. Lui pare d'accordo, ma mi sfida a una scommessa: secondo lui la prima carta del mio mazzo era un re e che grazie alle sue capacità riesce a trasformare quel 3% di possibilità nella certezza. Io accetto, ho un po' paura di perdere, ma essendo un mago forzo prima il fante di bastoni e poi il sette di denari, visualizzandoli. Il sogno poi continua in altre direzioni corro in un dungeon con delle meccaniche tipo Tron e sono in inferiorità numerica e corro indietro sul diocanale. Quindi cartomantefag triplamente fanfarone: l'ho imbrogliato nel sogno, la probabilità non è 3% ma 4/78 ~ 5,1% e la prima carta del mio mazzo è il XV.

 No.1282

Entro di nascosto in una sala di ospedale, c'e' una madre che ha partorito da poco. E' nel lettino, e' senza braccia e gambe. Ha quattro figli neonati, ognuno in una culla accanto al suo letto. Dorme ma sembra felice. Guardo i neonati, vedo che uno di loro e' deforme in modo orribile, sembra una specie di Down ritardato. Decido di lasciaglielo, prendo gli altri tre, li sbatto a terra e gli schiaccio il cranio con una stivalata. Lei si sveglia e si mette a urlare e a piangere. Io sghignazzo e scappo dalla finestra, corro via per una specie di passo carrabile. Vedo un'automedica che sta passando nel verso opposto, mi nascondo e la faccio passare dato che non voglio che mi scoprano. Mi rialzo e riprendo a scappare. Mi sveglio e penso: "Ma che cazzo ho di sbagliato in testa?"

 No.1285

Un altro sogno lucido della settimana scorsa. L'inizio che ho omesso è meno importante. Arrivo al punto che percepisco due corpi: quello fisico addormentato e quello di un vecchio compagno di classe, nel sogno - dove naturalmente sarei una coscienza disincarnata. Questo tizio è strafatto e gli dico che potrebbe essere difficile distinguere un sogno lucido da un attacco psicotico, quindi dovrebbe essere comunque gentile con tutti e non fare stronzate. È di fronte a una finestra che dà su un dirupo e gioioso si lancia. L'adrenalina crea un tunnel vision, quindi non vedo bene, ha un paracadute aperto ma si è lanciato proprio sul cavo della funicolare quindi il paracadute si attorciglia e comincia la caduta libera. Io sono comunque scisso, provo sia le sue emozioni (eccitazione), sia le mie (preoccupazione), sia uno stato di equanimità. Cerco di tornare al corpo fisico prima della morte del mio compagno, ma non ci riesco. La coscienza e il corpo del tizio si dissolvono, ma non la mia coscienza, che diventa liquida e penetra nel pianeta Terra. Non percepisco più il mio corpo fisico, forse sono bloccato lì per sempre, sono la coscienza del pianeta Terra. Vengo ricostituito in un laboratorio cybermetafisico, c'è un altoparlante che dà istruzioni che non ricordo, in risposta dichiaro urlando che sono "Anon De Anonimis del Pianeta Terra 64 00 00" (uso il mio vero nome e cognome). Attendo nel laboratorio fino a quando non rientro nel corpo fisico.

 No.1390

Trittico di sogni:
31/05/2021

Sono nel letto, nella penombra. Ci sono due ragazze, gemelle. Una mi si avvicina, ci coccoliamo e scambiamo dolci baci, so che si chiama "Sofia".
Mi sveglio

01/06/2021
Sono con una ragazza molto carina, stiamo chiacchierando da tempo e si tratta di una conversazione molto stimolante. Comincio ad accarezzarle le coscie, non facciamo niente perché le dico di essere un uomo sposato
mi sveglio.

Mi riaddormento:
sogno di essere appena venuto sulla mia mano, dal liquido seminale esce uno spermatozoo che si vede a colpo d'occhio, la coda è quella classica, ma la forma della testa ricorda quella di uno squalo martello. Mi avvicino ad osservarlo meglio, mi ripugna ma lo guardo bene: sopra ai due "bitorzoli" da squalo martello ha delle escrenze, tipo delle antenne, davanti ha un muso pieno di denti
mi sveglio

 No.1435

Notte del 06/06/21

Sto guidando la mia auto a velocità sostenuta. Entro in una corsia che mi avrebbe immesso in una autostrada che conosco, questa corsia non è dritta ma una serpentina di curve. Colpisco varie volte il guard-rail con l'auto e mi viene l'angoscia di avere distrutto la macchina.
Mi trovo parcheggiato in un cortile, guardo la macchina, dal lato sinistro ha qualche ammaccatura, dal lato destro la carrozeria è completamente disturtta.
Non sono più vicino alla macchina ma nel cortile della cascina dove abitavano i miei nonni materni, una lunga tavola mi ricorda il primo compleanno di cui ho memoria della mia vita. C'è mio padre, che è morto di tumore 10 anni fa al tavolo, litighiamo per questioni che pensavo di avere sepolto da un decennio sulle sue incapacità genitoriali.
Mi alzo, nel cortile una donna che non riconosco comincia a parlare e mi chiede dell'automobile. Faccio mente locale, dentro di me sento l'angoscia dell'auto distrutta, ma so anche con certezza che non è vero, che avevo solo sognato l'incidente e che in realtà non ha problema alcuno.
Mi sveglio.
è un perido che sogno un sacco e mi sembra di sognare cose in un certo senso significativo, ma non ho le capacità per interpretarle, poi magari è vero che i sogni non hanno significato ma penso sia più probabile che sia il contrario

 No.1447

Stamane verso le 6:00 ho fatto questo sogno erotico. Mi capita raramente di ricordare i sogni ma questo è stato breve ma vivido.

Sono in una camera in penombra, è quella di una donna, e su un letto vedo una specie di libricino con delle scritte. Vicino c'è un piccolo schermo che trasmette un video musicale italiano, prendo il libricino e, scambiandolo per uno schermo di e-ink, faccio per ingrandire le scritte e vedo che sono il testo della canzone. Curiosamente noto che alla voce artisti sono indicati i Fugazi (dei quali non so niente ma li conosco solo per nome). Mi rendo conto di essere un intruso, tanto vale curiosare nel comodino. Trovo una scatola e dentro ci sono cose fra le quali un preservativo nella sua bustina. Mentre mi viene in mente di trovare qualcosa con cui bucarlo la porta della camera si apre lentamente.
Mi giro e nella poca luce vedo il viso di una ragazza né bella né brutta che mi guarda sorpresa ma non spaventata. Senza dire niente se ne va in un'altra stanza e io la seguo pensando che dovessi fare qualcosa dopo essere stato scoperto. La trovo seduta al tavolo in cucina, nuda, con davanti un quaderno scritto. Ha circa 20 anni, capelli scuri che le arrivano alle spalle, un seno piccolo e sodo e il pelo pubico in ordine. Mi guarda e mi rendo conto che deve essere un po' ritardata, nel senso medico della parola. Si alza, si dirige verso il piano di lavoro della cucina e con una saltello si siede a gambe aperte a fianco dei fornelli. Con voce tranquilla mi dice "Fammi pure quello che vuoi, tanto so come vanno queste cose" (la seconda parte della frase è più confusa, non ne sono sicuro). Immediatamente sono fra le sue gambe e le spingo con foga il pene eretto contro il sesso, non riuscendo a penetrarla. A questo punto mi calmo, mi dico fra me e me che meritava di essere presa come le altre donne e mi accingo a scendere con la testa fra le sue gambe per cominciare a leccarla delicatamente. È a questo punto che mi sveglio.

 No.1449

Notte del 10/06/2021

Lo scrivo colpevolment solo ora, un po' di dettagli si sono persi con le ore

Sono insieme a una donna in un mondo post apocalittico. Siamo insieme a ci divertiamo a sfuggire a dei mostri che ci attaccano, almeno una volta lei con un raggio laser ne uccide uno. Il mondo è strano, è il crepuscolo ed è pieno di piante che sembrano provenire da un'altra dimensione.
A un certo punto entriamo dentro un enorme edificio. In questo edificio vengono "prodotti" migliaia di essere umani e di altri mostri. Gli esseri umani sono nudi e su un nastro trasportatore alla mia sinistra, i mostri su un nastro trasportatore alla mia destra e mi rendo conto che vengono prodotti uno più grande dell'altro fino a diventare di dimensioni gigantesche, di fronte a questa rivelazione mi sveglio.

Sincero, stavolta non ci ho capito un cazzo. Sta figura femminile continua a rincorrermi in ogni mio sogno, tutto il resto non ha il benché minimo senso né rispetto a prodotti culturali che ho fruito negli ultimi giorni né rispetto - chiaramente - a eventi reali.
Boh, ok.

 No.1453

Sto camminando in giro per la strada principale della mia citta' natale che non vedo da tanti anni. A un certo punto mi rendo conto che sto facendo confusione tra vie e posti. Mi rendo conto del fatto che i miei ricordi di quel posto si stanno deteriorando e che prima o poi non mi ricordero' piu' niente. Non so perche', ma l'idea mi fa una paura incredibile.

 No.1472

Notte del 17/06/2021
Sono nell'ufficio del mio primo lavoro, con la prima collega con cui avevo condiviso la scrivania. Non ci siamo mai potuti annusare, io avevo 20 anni e lei era una over 50 zitella, vegana e animalista. A posteriori mi rendo conto che anche io in preda ai miei venti probabilmente potevo essere un collega migliore in alcuni ambiti, ma questa era proprio insopportabile.
Detto ciò: sono con lei, mi dice di stampare una cosa e nel mentre questo foglio si stampa la stampante da sola cade a terra e io allungando la gamba evito che capitomboli proprio per terra. La collega mi dice (non ricordo proprio le parole esatte) che sono un incapace e nemmeno sono in grado di stampare due fogli. Mi arrabbio molto, prendo i fogli della stampante, un pezzo del secondo si strappa, e glieli sbatto sulla scrivania sapendo che quello strappo in fondo era un po' la conferma che effettivamente non avevo fatto un buon lavoro.
Cambia scena, sono fuori dall'ufficio e piove a dirotto, devo incontrarmi con un cliente. Ci incontriamo in cima a una gradinata e ci scambiamo opinioni su un lavoro che devo fare, ma questo non me lo ricordo bene e penso che nemmeno nel sogno fosse ben definito.
Cambia ancora una volta scena, sono dal mio vecchio responsabile d'ufficio, un bravo cristo, so di essere andato lì di mia spontanea volontà ma non so cosa gli volessi dire perché mi sveglio a quel punto.


Ammetto che è stato un mezzo incubo, mi sono svegliato di cattivo umore dopo avere sognato queste cose.

 No.1504

Sogno abbastanza lucido dopo avere ascoltato l'mp4 "exploration - sleep" della Hemi-sync.

Sono sott'acqua, in una caverna fatta di pietra nera coperta di alghe verdi. L'acqua e' verde di alghe, riesco a muovermi e a guardarmi attorno. So che dovrei avere bisogno di emergere per respirare, ma invece respiro benissimo. Nuoto verso l'uscita della caverna ed emergo. Sono in mare aperto, l'acqua e' limpidissima, il cielo e' di un azzurro intenso, c'e' un sole fortissimo. Il mare e' poco profondo, circa un metro. Il fondale e' di sabbia quasi bianca. Non c'e' nessuno, niente segni di tecnologia o civilta'. Penso di essere da solo sul pianeta. Mi sveglio.

 No.1508

File: images.jpeg (4,68 KB, 275x183)

>>1504
Il tuo sogno mi ha trasmesso una calma ed una comfytudine incredibile.

Moar sogni con ambientazione simile.
Se puoi e se non ti crea problemi, induci ancora il tuo sogno lucido a tornare laggiù. Chissà che non ci scappi una serie di sogni collegati in cui tu esplori quel pianeta deserto.

 No.1511

>>1508

Sogno spesso paesaggi desolati e posti dove l'umanità sembra estinta da millenni. A volte vedo scenari stile quelli del primo Myst, un'isola in mezzo al niente con edifici assurdi. Sono completamente solo nei miei sogni, ma la cosa non mi pesa per niente, anzi. La solitudine per me è la cosa più bella del mondo. Ho fatto parecchi sogni così ma non saprei mai descriverli dato che erano solo immagini, edifici e paesaggi.

 No.1512

>>1511
Mi farebbe piacere se descrivessi qui i luoghi dei tuoi sogni, anche qualora si trattasse solo di fotogrammi.

 No.1513

gli incubi sono contagiosi. settimana scorsa qualcuno mi ha raccontato di sognare spesso di essersi perso e ieri sera per la prima volta in vita mia
ho sognato di essermi perso anche io. A Pozzallo. cittadina mai sentita prima che nel sogno era in centro italia e non in sicilia.
Pozzallo era nel sogno una cittadina enorme piena di bei palazzi dell' 800. Nel sogno cercavo di ritrovare la strada con google maps ma ogni volta che scrivevo sulla fottuta tastiera del telefono sbagliavo tasti.

 No.1514

Fatto dopo essermi riaddormentato stamane.

Sto guidando e nelle due auto davanti a me i rispettivi guidatori hanno i vetri abbassati perché stanno litigando. Quello dell'altra auto getta il mozzicone di sigaretta all'interno di quella davanti la mia, sul sedile vuoto del passeggero. Mentre aspetto di scorgere il bagliore delle prime fiamme dell'imminente incendio mi chiedo cosa aspetti a ripartire per levarsi di torno, l'incendio avrebbe bruciato anche la mia auto. Mi sveglio.

 No.1524

Notte del 5/7/2021

Sogno di essere in viaggio in treno. È notte, a un certo punto sono nel letto con una ragazza che non conosco. Entrambi guardiamo la luna nel cielo. All'improvviso la Luna cambia colore e prende la forma dell'albero della vita della cabala. Lei si spaventa, io no perché le dico che mi è già successo e non c'è da preoccuparsi.
La mattina ci troviamo da qualche parte, penso per fare colazione ma non sono sicuro, lei vuole parlarne e dice che le è sembrata una apparizione mariana. Io le dico di no, che era appunto l'albero della vita.

Mi sveglio

 No.1525

>>1524
Anon penso che dietro questo sogno ci sia molta simbologia

 No.1526

>>1525
la figura femminile è ricorrente nei miei sogni, a volte è interesse romantico a volte è solo una compagnia come in questo sogno. Anche la Luna è una simbologia tipicamente femminile. Chissà che cosa significa per il mio bacato incoscio il riferimento all'albero della vita, paternità imminente? Boh

 No.1568

File: 490578189609992192.png (11,08 KB, 128x128)

Cosa devo fare per iniziare a sperimentare gli OBE e quella roba la? Premetto che non ci capisco un cazzo; se può essere utile ho paralisi notturne terrificanti in cui ogni tanto ho dei caotici e disordinatissimi viaggi extracorporei per la casa praticamente quasi tutte le notti da almeno 6-7 anni

 No.1569

>>1568
>Come faccio le out of body
>Ne ho da 6-7 anni
Anon, io boh…

 No.1570

>>1568
>ho dei caotici e disordinatissimi viaggi extracorporei per la casa praticamente quasi tutte le notti da almeno 6-7 anni
Ma che cazz…
Siamo su /x/, se avete esperienze da raccontare, che ciò si faccia con rigore e termini giusti. Grazie.

 No.1571

>>1569
>>1570
Se leggete bene ho scritto che ho le paralisi notturne quasi tutte le notti ma mica capita sempre che fluttuo via dal corpo; in ogni caso è roba disordinatissima che non controllo e vorrei imparare a conoscere dei metodi per usufruire in maniera attiva di queste esperienze e non solo viverle come semi incubi distorti e confusi

 No.1572

>>1571
Sono sempre io, leggo qui di gente che ha tecniche, legge libri e ascolta musica specifica a riguardo, vorrei semplicemente conoscere di più sull'argomento in quanto fino ad ora non è che me ne sia veramente fregato un cazzo.

>>1570
Di esperienze ne ho quante ne vuoi se si tratta di sogni e incubi

 No.1573

Ero con quella che mi sembra fosse la mia classe del liceo in gita in Giappone.
Siamo dentro ad un ristorante a mangiare, ma io so dov'è il vero spettacolo: mi alzo, e percorrendo un piccolo corridoio vado verso uno spogliatoio tipo da palestra, ma tutto in legno come una sauna.
Mi spoglio, ed entrando nello spogliatoio (mi sembra di essermi spogliato appena fuori) esco e sono in giardino ristorante, con varie persone che cenano ai loro tavolini. Cammino fino alla fine del giardino e c'è un tavolino per me. Mi siedo, ma sedendomi entro in un barile di acqua calda, come se fossi in una sauna. Tutto questo è molto comfy nel sogno.
Forse stavo aspettando qualcuno/a, mi ricordo che dovevo mangiare del ramen, ma mi si rovescia sul tavolino (non mi ricordo se l'ho rovesciato io o no) ma non è importante, sto comunque bene.
Mi ricordo che verso la fine del sogno rientro nel primo ristorante, e dopo aver litigato con una ragazza (per motivi che nel sogno sapevo ma che ora non ricordo) facciamo la pace e mi abbraccia (anche se non ci baciamo, baw).

Erano mesi che non sognavo, sente bene uomo.

 No.1576

File: results.jpg (37,94 KB, 821x534)

>>1512

Exploration-sleep. Entro in un edificio, sembra qualcosa tipo un ufficio o un piccolo edificio pubblico. Al centro c'e' una specie di cortiletto, un corridio gira tutto attorno e si puo' vedere il cortiletto da delle finestre. Attorno, stanze da ufficio. Non c'e' nessuno, sembra un ufficio il week end. Al centro del cortiletto c'e' un cristallo enorme, rosso fuoco, con una forma assurda piena di spigoli. Sembra emanare luce, mi ricorda in fabbrica quando vedevo del ferro rovente. Mi domando come faccia una mente piena di merda come la mia ad avere generato qualcosa di cosi' bello. Guadagno lucidita' e mi aggiro per il corridoio, do' un'occhiata alle stanze ma non c'e' niente di interessante.

Mi trovo davanti a due pakistani del cazzo vestiti da nigga gansta rapper, qui abbondano. Mi si avvicinano sorridendo. Io mi concentro sulla mia mano destra e materializzo una bella mannaia da macellaio. Uno dei due dice qualcosa tipo: "Fuck, questo e' sveglio!" e scappano. Mi domando come avremmo fatto a combattere, riuscivo a malapena a tenermi insieme. Mi sveglio.

 No.1579

Notte del 10/08/2021

Sono a letto con la mia compagna, non siamo a casa nostra ma nella casa in cui sono nato e cresciuto. Dalla porta comincia a uscire del fumo, la mia compagna mi dice che ci sarà un incendio e che una volta che le era già successo aveva risolto barricando la porta.
Provo a barricare la porta ma non ci riesco, allora apro la porta e vedo che l'altra stanza è piena di pagnetto di pane sul pavimento ed è quello ad avere preso fuoco.
Non potendo passare dalla stanza col pane in fiamme decido di buttarmi giù dalla finestra, cado in giardino e trovo una lunga gomma per irrigazione che penso di usare per spegnere il fuoco. Apro l'acqua e salgo dalla scale verso la stanza con l'acqua aperta. Una volta arrivato in cima la stanza è completamente vuota e non c'è più il pane in fiamme.

Mi sveglio

 No.1590

>>1576
grazie. ti prego, continua. questa è la prima volta che vedi altri esseri umani in questi luoghi strani, dico bene?

 No.1598

>>1590

Onestamente non sono sicuro che fossero umani ma dei piccoli predatori astrali che si divertono a bullizzare/picchiare/violentare i sognatori su cui riescono a mettere le mani, ma scappano appena trovano qualcuno in grado di reagire. Probabilmente la mia mente li ha raffigurati come bulletti pakistani perche' era quello era un modo familiare per raffigurarli.

Nel libro "Astral dynamics" si parla di esseri non umani che interagiscono con i sognatori. Secondo il libro, incontri solo creature del tuo stesso tipo e livello spirituale, quindi basta essere moralmente puliti e decenti per incontrare solo esseri civili e innocui. Nel mio caso e' naturale assumere che se andassi in astrale incontrerei solo mostri degni di Dead Space.

 No.1599

Notte del 18/08/2021

Sogno cinematografico. Sono in una casa che sono sicuro di avere già sognato altre volte e all'improvviso scoppia una apocalisse zombie. La gente viene infettata e cerca di mangiarmi e il reagisco fuggendo con altre persone. Le altre persone vengono pian piano mangiate e trasformate in altri zombie. Io fuggo sempre per un ambiente urbano entrando e uscendo da diversi appartamenti e capannoni. Alla fine sono circondato e mi arrendo a farmi trasformare anche io. Vengo morso e divento uno zombie, una voce nella mia testa mi dice di non preoccuparmi e che è stato per il mio bene e che da quel momento la mia vita andrà meglio ma io sono preoccupato perché non voglio mangiare nessuno

Mi sveglio

 No.1659

Sono nella stanza adibita a biblioteca a casa mia, comprendo di essere in un sogno lucido e guardo fra gli scaffali. Attira la mia attenzione un volume blu mare di Abhinavagupta, il più grande esteta indiano. Lo prendo, sono abbastanza sicuro di non averlo a casa. Levo la sovraccoperta rigida, la rilegatura sembra dell'Ottocento ed è una traduzione latina. Lo sfoglio, ma non riesco a leggere frasi di senso compiuto, visto che la quasi totalità delle lettere è consumata. Riesco però a trovare una frase conservata abbastanza lunga, mi concentro e mi perdo in essa, tornando nel corpo fisico. "MEGLIO LA FIGA RASATA" (più o meno, sono anni che non leggo il latino). Mi sveglio col durello e sono ancora dubbioso se dargli ragione.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]