[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/x/ - Ics

Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn
Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: IMG_20210622_081816_879.jpg (223,11 KB, 713x1000)

 No.1487

Buongiorno x,
poco fa stavo leggendo un testo un po' datato di psicologia per diletto quando sono stato scosso nel profondo dalla consapevolezza dalla morte e del nulla che verrà dopo questa vita. È stato insolitamente violento e anche fisico, al punto che ci ho messo alcuni minuti a riprendermi. Mi sono sentito come attraversare da un senso di dissoluzione di me stesso, un contatto spaventoso con il tutto del nulla che mi attende.
È stato spaventoso.
Vi è mai capitato qualcosa di simile?

In pic "Il limite dell'intelletto" di Klee

 No.1488

Hai appena assaporato la bellezza dell'illuminazione.
https://en.wikipedia.org/wiki/Visuddhimagga#Seven_Stages_of_Purification

 No.1489

>>1488
spiegati meglio senza un link di wiki e soprattutto definisci la serietà con quello che dici.

Comunque aggiorno su una cosa: ho provato ansia per circa due ore dopo l'evento, ora sto meglio

 No.1490

>>1489
È un fenomeno descritto ben esplicitamente nel buddhismo, forse a causa del concetto di anatta/anatman ("non atman"). Il discorso che faccio dipende parzialmente dalla mappa usata, ma in ogni caso non bisogna credere che il processo di illuminazione/liberazione sia petaloso. Se le descrizioni dei processi sono solo di estasi, gioia e piacere, ti stanno raccontando delle stronzate new age: è un processo terribile. Parte del terzo dhyana (vagamente dal bhanganupassana-nana al muncitukamyata-nana, i nomi sono chiari) è tutto tranne che piacevole - è l'ego che si resiste e dimena di fronte al vuoto della morte. Un'intuizione può capitare improvvisamente, come nel tuo caso (e non è necessariamente patologico), dopo lunghe esperienze di meditazione o con alcune sostanze psicotrope. Per i buddhisti questa è la prova concreta dell'anatta: prima è solo teoria, in questi momenti cominci a vedere per davvero. Io credo nell'atman, nella totalità dell'essere. La totalità del tuo essere non è il tuo ego, che è parziale. Modifica le tue memorie e il tuo ego si trasformerà in quello di una trappolina o in quello di uno sciamano africano. Cosa ci fai con questa esperienza? Dovrebbe essere lo stimolo a rivelare e/o costruire l'atman.

Quanto sono serio? Che cazzo te ne frega? Non mi devi credere e non devi credere neanche ai guru di 2500 anni fa. Devi valutare tu. Consulta la tua ghiandola pineale.

 No.1491

>>1490
>Quanto sono serio? Che cazzo te ne frega?
Sei abbastanza serio da avere fatto un commento congruo e interessante, a volte anon butta cose a caso lì per il gusto di farlo ma non è stato questo il caso. Grazie.

Riconfermo che è stato terribile e oltre che mentale è stato proprio un dolore fisico. Andiamo avanti su questa strada e vediamo cosa succederà.

 No.1492

il nulla è la cosa che mi fa meno paura. io ho paura chela reincarnazione sia vera è che soffrirò ancora molto in questo mondo.

 No.1494

Comunque il covid è stato un'iniziazione per molti, dall'ultimo anno i discorsi sulle esperienze di depersonalizzazione e sull'ego sono estremamente più frequenti. Forse era la "guerra" che ci mancava?

 No.1496

>>1494
Non ho molti dubbi sul fatto che il covid e i vari lockdown siano l'esperienza generazionale dei late millenials e degli zoomer più grandicelli. Cosa intendi per iniziazione?

 No.1497

>>1494
Questissimo. Io ho sempre avuto di questi pensieri ma la prima volta che mi sono reso conto che il mio ego era un costrutto fintissimo è stato nel chiudisotto, lontano dalla città, dal lavoro e da tutti. Quasi un'esperienza monastica.

 No.1498

>>1496
Con iniziazione non intendo un rituale specifico ovviamente, ma un cambio di status, un'acquisizione di consapevolezza, seppur incompleta. Non è solo un'esperienza generazionale, perché può darti le chiavi per proseguire in un percorso iniziatico.

 No.1577

Ci risiamo. Nonostante abbia messo da parte da un mese i miei "studi" nell'argomento oggi mi sono sentito di nuovo come se il mio ego si strappasse e cercasse di uscirmi dal corpo all'idea della morte.
La sensazione è durata decisamente meno e meno intensamente di quello che descrivo in op, ma c'è stata.
Devo andare dallo psicologo?



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]