[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/x/ - Ics

Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn
Nome
Email
 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: Death_of_the_Buddha_BM-01.jpeg (2,98 MB, 3390x2494)

 No.2740

Dopo recenti avvenimenti personali penso sempre più a come prepararmi per il momento in cui morirò.

Stavo pensando di buttarmi sul buddhismo e iniziare a studiarlo e praticarlo seriamente perché mi sembra quella filosofia più ferrata sull'argomento. Ho dato un'occhiata ai templi in Lombardia ma mi sembrano tutte delle baracche poco frequentabili.

Voi come vi state preparando? Avete tips and tricks sull'argomento?

 No.2741

La distanza linguistica e culturale è enorme. Dovresti trovarti una comunità seria dove puoi imparare bene la lingua e la cultura, e studiarti i testi originali per conto tuo. Altrimenti, stai solo ingoiando pappina premasticata da altri. Crowley riteneva i sistemi orientali come validi, ma impossibili da capire per un occidentale che che non avesse la possibilità di passarsi qualche anno in un monastero asiatico (come aveva fatto lui)

 No.2742

Prima del buddismo vengono i Veda. Io una lettura ad Ardore di quel montato di Calasso la farei.

 No.2743

bravo anon hai compreso appieno il significato della frase.
btw il mio prossimo tatuaggio sarà proprio quello.

 No.2744

Unisciti a Damanhur.

 No.2745

Di che preparazione hai bisogno per morire? Si riesce a farlo benissimo anche da impreparati.

Also, come si fa a decidere di punto in bianco di passare dal credere che dopo la morte non c'è nulla (che suppongo sia ciò che crede una persona "normale") al credere al ciclo di morte e rinascita del buddhismo?
Cioè, il tuo piano è di schioccare le dita e iniziare a crederci? Di circondarti di buddhisti che ti ripetono il loro credo a pappagallo finchè non lo assimili? Di leggere testi che parlano di sta roba finchè non li impari a memoria?

A sto punto, perché buddhista e non musulmano? Non è più allettante credere di finire in un paradiso con 40 verginelle?

 No.2746

>>2745
Un po' questo, imo è importante più che altro capire e fare affari con i motivi di questa tua ricerca
>prepararsi alla morte
Cosa intendi? Cercare la Verità su ciò che c'è dopo per non buttare la tua anima? A me sembra un paradosso: mi preparo cercando la cosa migliore per cui prepararmi? perché la morte stessa diventa in parte diversa a seconda delle tradizioni, a te quale morte ha fatto venire voglia di "prepararti"?
Con questo non intendo chiederti "la morte di chi", ma che idea della morte ti ha fatto scattare questa piccola angoscia
Il discorso fede/paura non lo faccio perché non ho capito bene dove vuoi andare a parare

 No.2747


 No.2748

Non so, OP, io mi concentrei piuttosto a sfruttare al meglio il poco tempo che abbiamo a disposizione su questa terra piuttosto che preoccuparmi per qualcosa come il dopovita.

 No.2749

stoicismo e funghetti.

 No.2750

>>2748

Non à senso. Se pensi di avere un’eternità davanti, la vita terrena perde di significato se non come preambolo. Anche se campi cent’anni, cosa sono in confronto all’eternità? Meglio cent’anni di disagi per un’eternità in paradiso che il contrario.

 No.2751 SALVIA!

>>2750

seriamente?

 No.2752

>>2750
secondo me non HA più senso fare lo sprint gli ultimi anni di vita per aggrapparsi ad una religione a caso che può darti qualche spiegazione.
Metti che muori domani.
Non basta una vita per approfondire una religione figurati due giorni.

 No.2753

File: 82b612bb55c95c253b30b11e50….jpg (28,74 KB, 625x327)

>>2750
Sembri un ragazzino che ha appena visto Bambi ed ora è terrificato all'idea di morire.
>eternità davanti
Dimostri come le religioni sia sempre state un cope per la morte, oltre che uno strumento di controllo.
Pensa a goderti la vita.

 No.2754

>>2747
Ma perché? Chiedo con vera curiosità :)

 No.2755

>>2746
>>2745
Personachesie'avvicinataalbuddismofag qui….
Trovo che i due anon che quoto abbiano in parte centrato il problema che (forse) e' nascosto nella tua richiesta.
Ignora buddhismo, islamismo, cristianesimo, yada yada (per ora).
Cosa ti ha portato a cercare una dimensione spirituale? Perche' il punto e' proprio qui.
io mi sono avvicinato al buddhismo perche' il cristianesimo (che seguivo da molti anni) non aveva più le risposte che cercavo. Le sto trovando nel buddhismo.
Prima di muoverti verso un evoluzione spirituale, chiediti onestamente il perche' ne senti il bisogno.
Debo dare ragione anche ad
>>2741
per noi occidentali e' uno shock culturale molto importante.
Da piccolo li consideravo dei simpatici burloni, ma tu suggerisco (se sei lombardo) di provare il villaggio Hare Krishna nei dintorni di bergamo (googla pure).
E' un posto tranquillo, rilassante e dove sono più che disponibili ad una bella e lunga chiacchierata su cosa ti porta a cercare certe cose (senza preconcetti o pregiudizi, cosa rara.)
Ti auguro il meglio anon

 No.2756

>>2755
>hare krishna
Da ateo col cappello mi stanno molto simpatici, le regole sono praticamente quelle dello straight edge e mancano di fanatismo
>Ignora buddhismo, islamismo, cristianesimo, yada yada (per ora)
Ripeto pure io

 No.2757

>>2756
>hare krishna
>mancano di fanatismo

io boh forse ho avuto sfiga ma ne ho conosciuti di cattivissimi e pedanti.

 No.2758 SALVIA!

Grazie per le risposte anche se pensavo che l'occulto fosse più ferrato sulla morte. Ho scaricato il libro di Calasso e una selezione dei Veda, comincio con questi. Ho segnato gli Hare Krishna di Bergamo, poi vedo se andarci. Le mie esperienze di vita mi portano ad essere molto vicino all'esperienza delle filosofie orientali, almeno per quel poco che conosco. Ci penso su.

 No.2759

>>2757
>cattivissimi e pedanti
Racconta. Non ci ho mai avuto a che fare in prima persona, mi stanno simpatici sulla carta
>>2758
Buona fortuna anon, ma hai capito cosa vogliamo dire rispetto alle ragioni di questa tua ricerca?

 No.2774

bravo anon la prep della morte dovrebbe essere già fatta in tenera età, dato che il mondo che viviamo oltre che essere frutto di un'allucinazione collettiva e distopica e pure vomitevole anche se sei la persona più soddisfatta di questo planetucolo.

I passi iniziali sono la meditazione per avere per prima cosa la visione eterica, poi quella astrale. tutto va per gradi ricordatelo.

 No.2778

L'unico modo per prepararsi alla morte è evitare il più possibile di fare cose che non ci piace fare.

Personalmente lascerei il lavoro 2 o 3 anni prima di morire e finirei i soldi facendo cose a caso che mi piace fare.
Ora vi chiederete come faccio a sapere quando morirò, beh è facile, mi ammazzerò.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]