[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/x/ - Ics

Ph'nglui mglw'nafh Cthulhu R'lyeh wgah'nagl fhtagn
Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

File: Disinganno.png (675,78 KB, 974x1858)

 No.965

https://www.facebook.com/circolomanfredi/videos/801279920483424

Sigfrido Hobel e altri parlano della Cappella Sansevero.

 No.966

Adesso c'è De Falco che parla di alchimia pratica.

 No.967

>>966
>alchimia operativa
>non è in un laboratorio ma parla e basta
Non sai quanti ne ho viste di lezioni di questo tipo. Torni a casa con un po' di simbologia che potevi studiarti direttamente da dei buoni dizionari alchemici e guardando le tavole. Le difficoltà in un testo alchemico sono:
-distinguere i testi alchemici autentici da quelli degli inefficenti fanfaroni (l'alchimia era il machine learning rinascimentale, tutti ne parlavano ma pochi ci capivano davvero qualcosa)
-trovare eventuali "blinds"
-lo stesso simbolo in un'opera può indicare sostanze chimiche differenti
-la stessa sostanza chimica può indicare concetti diversi
Se dice qualcosa di interessante aggiornaci, OP.

 No.968 SALVIA!

>>967
Mammamia cabalafag non ti smentisci mai.

 No.970

>>967
Se avessi visto anche solo cinque minuti dell'intervento, sapresti che ha parlato nei dettagli delle fasi dell'Opera e ha mostrato anche fotografie dell'antimonio, del vetriolo e della stella.

Più che altro, il discorso è: può mai davvero essere che l'alchimia era una cazzatella da fornelli e non lo studio interiore?
Se fosse vera soltanto la prima, sarebbe ridicolo pensare di avvicinarsi a Dio solo per aver mescolato dei materiali sul piano fisico. Se fosse vera soltanto la seconda, come si spiega il suo semplice FUNZIONARE sul piano fisico? Effettivamente rispettando ricette e tempi si ottengono determinati composti.

Dunque devono essere vere entrambe. Ma come è possibile?

 No.971

>>970
Ho aperto, visto che faceva il solito pippone sul leone verde e me ne sono uscito. L'alchimia è innanzitutto esperienza: osservi il processo chimicofisico e deduci, non sempre razionalmente, qualcosa sulla composizione interiore. Da un certo punto di vista chissene fotte dei metalliiinii e di tutto il resto, ma per quanto detto sopra non ti puoi approcciare all'alchimia come a una branca qualsiasi dell'ermetismo. E deve esserci esperienza: il risultato teorico della Grande Opera lo trovi esplicitamente su una riga di Wikipedia, ma non basta leggerlo. Devi interiorizzarlo. Protip novecentesco: mappa e territorio.

 No.976 SALVIA!

Ho smesso di leggere a "cappella". Ciao frocioni.



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]