[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]

/yt/ - YouTube, TikTok e social simili

Nome
Email 
Messaggio

File
Embed
Password

  [Vai in fondo]   [Catalogo]   [Torna]   [Archivio]

 No.21943

Gabineto giaponese puza

 No.21945

Tugurio a Milano: 🤬🤢🤮
Tugurio a Tokyo: 🥰🤩😎

 No.21946

>>21945
Non credevo di dover arrivare a tanto ma devo: siate RISPETTOSI nei commenti! A Tokyo una casa di 25 m2 è considerata medio/grande. Scrivere che è “minuscola”, un “buco” è da veri cafoni soprattutto nei confronti di chi ha appartamenti anche più piccoli sia in Giappone che in Italia. Un po’ di empatia ed educazione non guasta, potete dire la vostra ma ricordatevi di non offendere nessuno! A Tokyo una casa di 80 m2 può costare addirittura MILIONI. Non fate paragoni sciocchi con le case italiane, informatevi prima di scrivere. Grazie.

 No.21947

>>21945
A Milano ci sono negri e terroni
A Tokyo no, o quantomeno molti meno

 No.21949

Ma perché per tanti di questi microinfluencer/youtuber/Twitcher nostrani il vivere a Tokyo rappresenta questa sorta di gran traguardo? Sono sincero, non capisco.
Non sarà mica solo perché sono ossessionati da anime e manga, voglio sperare. Cosa ci trovano di così desiderabile nel vivere in un paese rigido, che non ama gli stranieri, con una lingua totalmente aliena che nessuno di questi youtuber imparerà mai.

 No.21950

>>21949
L'hanno già spiegato in diversi video.
Lei e il suo ragazzo (Mangaka96) cercano soprattutto sicurezza e organizzazione.
In particolare il suo ragazzo una volta è stato tipo aggredito e derubato da dei maranza qui in Italia quindi si è un po' rotto le palle e ha voluto andare in giappone per vivere in tranquillità.

 No.21951

>>21946
Ok boomer

 No.21952

>>21950
Ahahahahahaha. Bho, a me sembra una ragione da mongoloidi. Contenti loro.

 No.21953

>>21950
Certo che se sei mangaka96 te lo meriti di venire aggredito da dei maranza

 No.21954

>>21950
Vabbè bastava Asti per quello mica c'era bisogno di andare a Tokyo.

 No.21956

>>21949
Perché per non pochi zoomerelli occidentali "benestanti" "borghesi" il Giappone è visto tipo l'Italia del Grand tour nel settecento. Un posto dove viverci per un po almeno una volta nella vita
Questa è la mia spiegazione, oltre al lavaggio del cervello perpetrato per decenni da anime e manga

 No.21957

>>21949
Non sono influencer ma posso risponderti visto che da settembre andrò a vivere a Tokyo per almeno un anno.
Le ragioni che mi spingono sono molteplici.

1) Motivi lavorativi (non scendo in dettagli per evitare lo spottaggio). Suppongo sia un motivo simile a quello di Mangaka96, un influencer o videomaker sicuramente può girare video migliori a Tokyo che a Busto Arsizio.
2) Ovviamente ho indirizzato la mia carriera verso il Giappone perché nutro una profonda passione per i prodotti cipanghesi (JRPG e anime principalmente).
3) Tokyo è una città viva e che non dorme mai. Vengo da una grande città italiana e ti assicuro che mai negli ultimi anni ho avvertito una noia così ASSOLUTA nel nostro paese. Tutto sembra tarato per i normula più normula e da dopo il covidino meme le persone sono diventate più noiose e prevedibili che mai. Al contrario, a Tokyo trovi sempre qualcosa di nuovo da fare, sia che ti ritrovi con altri expat, sia che ti unisci con gente del posto.
4) Last but not least: un italiano sul 7 diventa automaticamente un 9 in Cipango. Provato sulla mia pelle.

Se devo fare l'avvocato del diavolo, in generale a Tokyo ci va gente che si è maladattata al suo luogo di nascita (e io non nego di esserlo), tipo appunto Mangaka96 bullizzato dai maranza, e persone in generale un po' rotte dentro, infatti se non sbaglio la tipa del video è bipolare).

Infatti molta gente ne rimane scottata, perché credo dovrebbero farsi un check dallo psicologo per capire se la loro sia una fuga verso una terra magica dove nessuno ti giudica per come ti vesti (cit.) e tutti i loro problemi si risolveranno o piuttosto si tratta di una scelta consapevole legata anche solo a una banale fascinazione estetica.
>>21956
Questo ovviamente e non lo negherò.

 No.21958

Io reverto la domanda che si fanno qua sopra:
Perché, invece, se sei influencer/videomaker ecc. NON dovresti andare a vivere in Giappone?
Alla fine ti becchi i vantaggi del Giappone senza lo svantaggio del dover lavorare in ufficio come una scimmia per 12 ore al giorno.
A me sembra il sogno e sinceramente sticazzi se la casa è 25m² se poi alla fine vivi comfy con la tua ragazza scopando probabilmente anche un sacco.

 No.21959

>>21950
Non solo, è leggermente ossessionato dalla sicurezza e dall'evitare di morire/ferirsi/ammalarsi
Poi da influencer/mangaka non è un brutto posto per fatturare
>>21957
>Tutto sembra tarato per i normula più normula
Vero, ma attento che in giappone non essere normula secondo i loro parametri ti esclude peggio che qui, o almeno a livello personale; è anche vero che questo ti dà una certa libertà, visto che nessun europeo sarà MAI considerato giapponese dai giapponesi (nemmeno gli eventuali figli "misti")
>Infatti molta gente ne rimane scottata
Appunto, non è che se nessuno giudica la tua ossessione per le waifu allora vuol dire che sei finalmente accolto in paradiso e nessuno ti giudicherà più. Pensare di trovare una dimensione di espressione individuale passando da una cultura individualista ad una collettivista è da pazzi in culo, al massimo ti trasformi nella caricatura dell'occidentale, una parte che ti verrà richiesta in continuazione dai giappi che non si sentiranno a disagio con te solamente perché non ti considerano parte di loro
È un paese affascinante, ma imo pericolosissimo per gente sola e irrisolta

 No.21960

>>21949
Sono tutti weeb. Ho una cugina che è andata a studiare coreano e giapponese all'uni per colpa del kpop e degli anime. Che poi la cultura giapponese è di valore infimo e produce solo roba per adolescenti dentro e fuori. Gli occidentali che se ne innamorano o sono disadattati (il 99%) o sono per puro caso già "giapponesi" di loro dentro. Immagina essere così coglione >>21957 da determinare la tua vita con i videogiochi e i cartoni animati.

E ora ricordiamo i giapponesi brava gente con questo video.

 No.21961

>>21957
>se non sbaglio la tipa del video è bipolare
A me sembra solo troia.

 No.21962

>>21959
Da italiano sono sempre stato trattato e visto bene in Giappone. Non ironicamente oltre ai giappominchia ci sono gli "italominchia" che ti idolatrano solo perché sei italiano. Non ho percepito mai una richiesta di andare in Girolamo Panzetta mode, probabilmente è anche una questione della generazione con cui uno si rapporta.

La gente sola e irrisolta come dici tu fa l'errore di trasferirsi per andare full-insettoide, magari spostando la gente del posto, perdendo così tutta la figaggine dell'essere italiani e rimanendo al contempo incapaci di integrarsi.

>normula

Guarda non intendo girare per Tokyo con la katana e la tuta da ginnastica. Mi riferisco al fatto che, almeno dove abito io (grande città, ripeto), la maggior parte dei 20-30enni è gente morta dentro che non fa altro che studiare/pagacuccare/figliare, e nel frattempo l'offerta culturale, di eventi, di occasioni di scambio è ridotta ai minimi termini. Oltre al fatto che è tutto insopportabilmente politicizzato.
A Tokyo esiste una scena underground e artistica molto più interessante, oltre ovviamente a tutta la storia che si porta appresso la città e la natura che la circonda. Per dire, a Tokyo (ma in Asia in genere) la nightlife è un'esperienza diversissima, non fosse altro per le persone che puoi incontrare e le storie che incroci.

>>21957
>da determinare la tua vita con i videogiochi e i cartoni animati.
Mai detto questo, sperga di meno.

 No.21963  SALVIA!

>>21962
>magari spostando la gente del posto
*sposando

Fui abissino

 No.21965

>>21949
Sono >>21947 e sono serio. Io non so se hai mai visto gli short di rapper ed altri afroamericani ricchi che parlano di quanto bene si viva a Dubai. Andrew Tate pure, ne aveva parlato.
Ecco, Tokyo è quello, per chi non si può permettere Dubai. Una citta sicura, pulita, ben gestita.

Poi certamente c'è il softpower giapponese che aiuta a vendere il sogno, ma imho si sottovaluta molto quanto le persone che stanno bene economicamente vogliano vivere in pace.

 No.21966

>>21962
sembra una berlino senza negraglia…

 No.21967

Tanto tornano tutti

 No.21969

>>21965
Ma Dubai è una meme città priva di storia, non puoi paragonarla con Tokyo.

Da italiano, la sicurezza etc mi sembra l'ultimo dei motivi per andare a Tokyo a meno che non sei un beta ansioso tipo Mangaka96, ma capisco cosa intendi

 No.21970

>>21969
Lei èdi grosseto città tranquillissima vicino al mare molto confy

 No.21972

Mi sembra che questa idea del giappone come luogo sicuro e tranquillo sia parte di una narrazione un po' fittizia. Non diversa da "in usa tutti sparano con le pistole" o "gli italiani sono tutti seduttori". Cioè cose con una percentuale di verità ma anche tanta esagerazione e semplificazione. Roba appunto da favole turistiche. Non dico che il Giappone non sia sicuro eh, bada bene. Ma se l'unico motivo per trasferirti dall'altro capo del mondo è avere una città vivace in cui ti senti sicuro…non c'erano altre alternative più vicine a casa? Per altro meno costose e senza queste situazioni surreali per cui devi vivere in 10 metri quadri e fare finta che ti vada bene. Città grandi e sicure ce ne sono anche in Europa. E molto più belle di Tokyo, in cui puoi anche farti capire bene con l'inglese.

La verità temo sia quella avanzata da qualche anon sopra di me. Dai 1990s il Giappone è andato con l' acceleratore sull'esportazione di un soft power pop molto specifico, mirato ai giovani adolescenti e young adult. Il side-effect è stato appunto quello di acculturare i ragazzi occidentali ad una immagine fantasiosa e attraente del Giappone. Stessa identica cosa che gli USA hanno fatto dal 1945 in poi. Ma così come è sempre stata "falsa" l'immagine degli USA strutturata intorno alla sala giochi, il diner, gli armadietti della scuola, etc etc, ugualmente è "falsa" l'immagine del giapponese che possiamo avere noi.
Per chi era ragazzo fino agli anni '90, il sogno era vivere negli USA. Per chi è nato negli anni 90 ed è young adult ora, è molto probabile che il sogno sia vivere in Giappone. La differenza sociale, secondo me, è che questa immagine softpower giapponese ha fatto molta presa sui nostri outsider/sfigati/ex-sfigati perché questi hanno pensato di trovare una scappatoia ai loro problemi sociali nell'immagine idealizzata della cultura giapponese. Lo dico senza offesa per gli sfigati, ovviamente, essendo io stesso tale.

 No.21973

>>21972
>Città grandi e sicure ce ne sono anche in Europa.
Tipo?

 No.21975

>>21973

Oslo, Copenaghen, Tallin, le città svizzere, Edimburgo, Utrecht ma anche Amsterdam

 No.21976  SALVIA!

>>21973
Ma dai diocane lurido, ma ti pare che adesso il Giappone è l'unica terra tranquilla su questa pianeta?
Dio l'autismo

 No.21977

>>21975
Nessuna di queste è sicura come Tokyo però

 No.21978

>>21975
Amsterdam è piena di drogati spacciatori e negri, spesso in un unica persona…

 No.21979

>>21976
Diciamo che la quasi totale mancanza di negri (se non quelli dei quartieri a luci rosse) aiuta molto.
Ma in realtà Tokyo è enorme e luoghi pericolosi ci sono eccome.
Shibuya di notte è un delirio, e girano anche parecchi "diversamente" colorati con intenzioni tutt'altro che pacifiche.
Non dimentichiamo poi che un otaku che smatta di tanto in tanto salta sempre fuori (tipo quello che diede fuoco allo studio d'animazione) o casi tipo la tizia che ha quasi evirato il suo compagno, e per finire in bellezza ricordiamo il mitico attentato alla metro di Tokyo.

Insomma, è da veri ritardati pensare che esista una città completamente sicura.

 No.21980

Aggiungerei anche il discorso giustizia, soprattutto per chi non parla/scrive/legge la lingua: il 98% di sentenze che si concludono in condanne fa accapponare la pelle, così come le confessioni estorte in interrogatori senza avvocato
Non parliamo dei problemi economico-sociali, o del fatto che uno dei paesi che esporta più tecnologia è ancora fermo al fax (più un segno della loro mentalità che altro)
>>21965
>Tokyo è quello, per chi non si può permettere Dubai
Madonna che cazzata, Dubai è pura immagine e ci si va per pura immagine (tolte le tasse inesistenti kek), non è nemmeno così costosa ed esclusiva come te la vendono, a parità di lusso costa meno dell'Italia
E poi che attrattiva culturale ha? L'islam integralista? Aspetto solo la rivolta degli schiavi-operai e il crollo di quel sistema politico orrendo
>ben gestita
Ma se urbanisticamente non ha un senso e sembra abbiano imparato il peggio possibile dagli americani? Poi che sia in ordine, pulita e sicura non lo metto in dubbio, ma appena i soldini diventano meno e le tasse si alzano (iniziano già quest'anno) vedrai cosa diventa il sottobosco di immigrati con la paga da fame, gli emiri saranno costretti a mostrare la loro vera faccia e reprimere come si faceva 200 anni fa nella cara vecchia Europa
>>21972
>Stessa identica cosa che gli USA hanno fatto dal 1945 in poi
Questo
>>21977
Cercando online sembra le città svizzere principali siano tutte più sicure di Tokyo, così come Monaco di Baviera, Lubiana e Zagabria, le capitali nordiche non sono molto lontane, also la gente si dimentica di Singapore e Taipei
Tokyo non è un unicum e non lo può essere in quanto capitale di un paese dove una cazzo di porcodiddio di associazione mafiosa è semi-legale, tollerata e abbondantissima in specifici quartieri

 No.21983

>Lei e il suo ragazzo (Mangaka96) cercano soprattutto sicurezza e organizzazione.
Concordo con quelli che dicono che è solo una scusa. Sicurezza ed organizzazione la trovi tranquillamente in Europa, in posti con costi della vita simili (Monaco, Svizzera, Austria), senza doverti fare 16 ore di aereo, senza dovere avere a che fare con visti da rinnovare in continuazione, senza dovere imparare lingue astruse. E se gliene fregasse qualcosa della cultura giapponese o apprezzassero lo stile di vita locale avrebbero scelto qualche città più piccola, con un costo della vita minore e con letteralmente zero negrame/maranzame vario. Volevano andare a Tokyo perché volevano andare a Tokyo, perché una cosa è fare il video "10 COSE STRANE CHE FANNO IN GIAPPONE!!" da Tokyo, un'altra cosa è farlo da Nakagata (provincia di Sukyakatzu).

 No.21984

>>21980
Conosco bene il cipango e non ci vivrei mai più se non come diceva l'altro anon parlando di un neo-grand-tour per i figli della piccola borghesia ma
>Monaco di Baviera, Lubiana e Zagabria
Sono città morte nell'anima onestamente
>capitali nordiche
Hanno gli stessi problemi delle banlieu francesi con l'aggravante che se ti lamenti vieni arrestato e punito tu anziché la teppa responsabile perché vivono in pieno doublethink
>Singapore
Non è economicamente affrontabile oltre ad essere una città-stato con una struttura socioeconomica e legale non metaforicamente fascista.
>Taipei
Meno costosa di tringapore ma è un cesso americanizzato con l'aggravante di essere insettoidi cinesi misti alla mentalità puritana del cazzo statunitense, piuttosto giappone guarda

>>21983
Comunque il problema costo della vita è legato praticamente solo all'housing dai costi disumani nelle zone centrali delle megalopoli, già spostandoti 40 minuti di metro fuori ti tirano addosso villette singole a 25-30.000€ per sei stanze con giardinetto e garage, ovviamente vecchiotte e da riprendere in mano ma è colpa loro se si fanno rapinare dagli ebbri immobiliari.

 No.21985

>>21984
>già spostandoti 40 minuti di metro fuori ti tirano addosso villette singole a 25-30.000€ per sei stanze con giardinetto e garage
Sì, ma se quella villetta costa così poco è perché in Giappone hanno un rapporto completamente diverso con il concetto di casa. Lì le case si deprezzano velocemente perché sono costruite per durare 20/30 anni e poi essere buttate giù (o rifatte completamente), praticamente stai comprando il terreno e basta. Alla loro età non conviene.

 No.21988

>>21950
Sicurezza pulizia organizzazione

 No.21989

>>21984
Alla fine è meglio stare in Italia, monza, livorno, pesaro, parma, asti, bolzano, Bergamo, urbino, sono città tranquille molto vicine a città metropolitane

 No.21990

File: 1.png (195,94 KB, 1218x542)

>>21979
Presumibilmente la maggioranza degli immigrati in Giappone viene dalle Filippine, Cina, Sud Corea, e Brasile (questi brasiliani in gran parte sono dekasegi cioè discendenti di giapponesi nati in Brasile con l'immigrazione di tutto il '900)
E poi Yuriko Tiger

 No.21991

Son passati tipo 40 anni e non è cambiato gnente.

 No.21995

>>21991
>40 anni
Era il 1999 quindi 25 precisi.

 No.22004

>>21945
Tugurio a Milano:
>invivibile
>sporco
>brutto
>vicini puzzolenti e terroni
>casino
>spari
>rumori di smarmittate
>cibo fuori costa l'ira di dio, bisogna cucinare tutto a casa
Tugurio a Tokyo:
>tranquillità
>puoi tenere la porta aperta
>puoi mangiare sempre fuori nei luoghi tradizionali che non costano un cazzo
>zero criminalità
mmm chissà perché è meglio

 No.22006

>>22004
Meglio una villetta o tri locale in città 100k abitanti italiana

 No.22007

File: casecipangheapochiabufinzi.jpg (112,98 KB, 576x966)

Dicevo delle case a poco.

 No.22008

>>22007
Vivo in centro italia, da queste parti con quella cifra compri una casa indipendente in campagna con orto e giardino.

 No.22014  SALVIA!

>>22008
>da queste parti
a nessuno importa della tua stamberga tra i campi di pomodori

 No.22015

File: porcamadonna ma ti pare il….png (714,28 KB, 1195x1120)

>>22008
Zì leggile le cose prima di scrivere cazzate, quella casetta è in centro a Tokio non a Vergate Sul Membro o Torrenculo di Ceprano.

 No.22020

>>21959
se sei ossessionato dal farti male, pericoli e morte non te ne vai in Giappone dove la gente son decenni che si prepara e vive nel terrore dell' X-Day dove un terremoto causerà migliaia di morti, senza contare che scippi e gente che ti aggredisce per rapinarti la trovi in ogni parte del mondo

 No.22021

>>22014
10 stanze, due cucine, due bagni, porticato esterno, garage per due auto più dépendance esterna
Puppami la melanzana striata dal tuo appartamentino da insettoide

>>22015
Sono letteralmente a 10 minuti di auto da una città enorme dove c'è tutto, ma ok.
Zì, guarda che io so leggere: quella casetta non è affatto "in centro" ma nella periferia più estrema della metropoli cipanghese, c'è scritto anche nell'annuncio che servono 45 minuti per raggiugere "il centro", diocane! E parliamo dei treni giapponesi super veloci.
Siete al livello di quelli che dicono di vivere a Milano quando invece vivono a Corbetta. "Eh ma tanto in 45 minuti col treno sono in centro, quindi vivo a Milano", dai.
Sarebbe come affittare una casa a Civitavecchia dicendo di vivere a Roma perché con 50 minuti di treno si arriva in centro.

Il vostro atteggiamento è l'ennesima dimostrazione di come, quando una qualsiasi cosa è giapponese, per quanto possa essere inconveniente e inferiore all'alternativa italiana, farà comunque bagnare le fighette dei neomaschi weebo.

 No.22022


 No.22023

>>22021
>10 stanze, due cucine, due bagni, porticato esterno, garage per due auto più dépendance esterna
ti invidio tantissimo anon, con una villona del genere devi avere una bellissima vista sui campi di pomodori!

 No.22024

>>22023
La mia vista è su boschi, non campi

 No.22026

>>22021
i veri ricchi hanno il porticato interno tipo villa pompeiana…

 No.22029

>>22026
Ma infatti io non sono ricco, il punto è proprio che si può spendere la stessa cifra di un buco di culo a loltokyo per avere una casa degna di questo nome

 No.22032

>>22029
una casa degna di questo nome sta in un luogo degno di questo nome.
nel bosco ci vanno le baracche di legno per poggiare il fucile e la legna, non il palazzo d'avorio

 No.22033  SALVIA!

I uibo sono pazzi, non c'è altro modo per spiegare un ossessione verso qualcosa

 No.22034

>>22021
>Tra il fiume Arakawa ed il fiume Edo
>6Km in linea d'aria dallo Skytree, 10 dal Chiyoda
>Periferia estrema
LOL non sai di cosa parli
Also, ci arrivi in mezz'ora di metro che sta a un tiro di sasso da qualsiasi punto mentre tu con la tua macchina col cazzo che arrivi in centro in meno di mezz'ora durante il giorno e devi pure trovare parcheggio, son due dimensioni urbane che non puoi nemmeno comparare visto che 10km a roma sono il raggio del GRA mentre a Tokyo la cerchia più esterna sta a 40km, ignorante di un coglionazzo.
Ah, ovviamente visto che vivi in mezzo alle frasche probabilmente in 10 minuti arrivi in un capoluogo di provincia che fa 300.000 massimo 500.000 abitanti, non 15.000.000 sarai quel negro con la terra nel cranio di contadinofag sicuro perché solo un villano può confrontare i costi immobiliari tra una megalopoli ed il nulla dove sta lui, e comunque 10 minuti fuori da una grande città qui in Italia sei tra i capannoni non tra i boschi a meno che appunto tu non stia barando e in 10 minuti arrivi a "Città X" ma nella ZAI tra nigeriane e slavi che smontano dal turno e poi ti devi fare mezz'ora di urbano ai 30 all'ora tra autovelox e onde rosse dei semafori, lol.

E te lo ripeto, avendo esperienza diretta non ci vivrei mai in Giappone e chi lo desidera senza essere già un'anomalia insettoide che parla la lingua del diavolo perfettamente, è un illuso, ma tu stai dicendo cazzate sesquipedali.

 No.22074


 No.22075

>>22034
>t. chatgpt
Comunque quante minchiate, io studio il giappone da anni e si vede che non ne capisci nulla.

 No.22076

>>22021
>>22008
Non intervengo sul discorso Tokyo, ma su quello casa in campagna: costano poco perché non le vuole nessuno. Non dico questo in senso spregiativo ma oggettivo. E varranno ancora meno quando moriranno i boomer e ci sarà un surplus di case.

 No.22077

>>22076
Il problema è trovare lavoro che per quanto ne so non basta la triennale e vedono che sei un gaijin ti disprezzano subito senza dirtelo in faccia ovviamente perché sono attenti all'etichetta

 No.22078

>+ di 50 post per una troia autistica che fra qualche mese tornerà nel suo paesino in Toscana con il suo cane

 No.22079

Rispetto la scelta e il coraggio di chi vuole provare l'esperienza di lavorare e vivere in Giappone con la sua cultura.
Ammetto che un paio di anni fà mi ero illuso di volerci andare, sogno che per fortuna svaní e ritornai alla realtà.
Solo da andare a visitare un paio di settimane e basta.

 No.22080

>>22079
Conoscevo un italiano che trattava videogiochi e tutt'ora abita in Giappone, per il visto credo si sia sposato più di una volta, oltre a tirare a campare come poteva vendendo videogiochi e fregando le persone soprattutto in Italia, diceva anche che aveva una moglie insopportabile. La verità è che non fermandosi ai video dei soliti youtubers italiani e non che esaltano il Giappone come il paradiso, ma
scavando viene fuori anche in altri video sempre di italiani e non che la vita la non e per niente facile.

 No.22081

>>22080
Ovviamente per gli stranieri non e facile la vita. Giapponese non tollera lo straniero, ci sono quelli che te lo fanno vedere subito e sono razzisti, altri che sono incuriositi o fanno finta di interessarsi per poi quando si stufano di metterti da parte, con il lavoro sono piú spietati, cercano di farti fuori vuoi che un gaijin gli rubi il lavoro? Ovvio ci sono le eccezioni ma non riuscirai mai ad integrarti con loro e c'e l'hanno dentro sta cosa,

 No.22082

>>22079
bella Tokyo ma non ci vivrei

 No.22083

>>22080
Mi sa che conosciamo la stessa persona.
R.? Comunque un tipo molto basato

 No.22084

>>22034
>lingua del diavolo
risi, come mai?

 No.22085

>>22084
Lo disse Francis Xavier a proposito della complessità stratificata di quella lingua di merda, tra lettura on'yomi e kun'yomi che può essere usata per stravolgere il senso delle frasi, omofoni che si scrivon con kanji diversi, il modo obliquissimo dell'haragei per dire le cose senza dirle e tante altre peculiarità direi che se lo merita l'appellativo.

 No.22086  SALVIA!

>>22075
Ma ciattgipittì cosa che son cose che basta guardare una mappa dio stramerda che tu poi cosa studi il giappone che è già tanto se studi il cazzo e la merda e mi sa neanche quello se non porti delle argomentazioni, coglionazzo.
>>22074
>Yuriko la pisciona
No, mi rifiuto di avviare il video, fammi un tl;dw

 No.22088

File: sadasd.png (40,7 KB, 790x315)

Il giapponese ha due robe difficili, la molteplice lettura dei kanji ed i contatori, più per il fatto che non hanno un raziocinio dietro (cosa cazzo unisce frutta con tifoni e batteri?) che in quanto contatori.
Il problema degli omofoni c'è anche in inglese (eg waist vs waste) ma è un non problema perché il contesto ti porta a capire di cosa si sparla.

Siamo abituati troppo bene con l'Italiano, che ha parte h e qualche altro caso a una ottimo corrispondenza tra segno e suono

 No.22089

>>22088
I contatori si usano non solo a seconda del tipo, ma della forma degli oggetti da contare: 枚 è per esempio per conteggiare cose piatte quindi lo usi per un CD così come per una fotografia stampata.

 No.22090

>>22089
Dimmi in che modo un tifone ed un mandarino hanno la stessa forma

 No.22091

>>22090
In nessun modo, infatti 個 è il contatore più generico dopo つ.

 No.22095

>>22086
Onsen

 No.22101

>>22095
Che saudade questi video del 2008 con le coattelle romane e i video sgranati fatti coi Nokia con telecamera o con qualche smartphone primitivo.
Probabilmente ora hanno messo su famiglia e sono persone rispettabili con un lavoro.
>tfw non ti scoperai mai una coattella col RefrigiWear tarocco e i pantaloni Adidas.
Sente male, uomo.

 No.22102


 No.22110

Miliardari che vivono nelle megalopoli: 0
Miliardari che vivono in megaville in mezzo alla natura o in posti belli e rilassanti: tutti

Chissà chi è il demente.

 No.22112

>>22110
Trump vive nella trump tower in mezzo alla metropoli

 No.22113

>>22101
'Na bira e un calippo

 No.22122

>>21943
angaka96 è un letterale ritardato, è ossessionato dal Giappone per i quattro fumettini e cartonini che si guarda da quando è adolescente, di cui peraltro è anche un grande ignorante dato che legge i soliti shonen in croce nonostante abbia una libreria vastissima di roba regalatagli dalle case editrici. Non so se la storia dei traumi dovuti all'essere stato scippato sono reali, ma in entrambi i casi è un coglione perché
1) se davvero ci tieni alla tua incolumità e vuoi andare a vivere in un posto tranquillo ci sono opzioni molto più vicine, non devi nemmeno uscire dall'Italia ma se cerchi paesi che funzionino meglio in Europa ce ne sono a pacchi e sono meglio del Giappone sotto un'infinità di punti di vista. Poi vuole andare a Tokyo, che è il posto in assoluto meno sicuro del Giappone, non tanto per i giapponesi ma per il fatto che è pieno zeppo di turisti che svalvolano. Inoltre lui non riesce a stare lontano dalla mammiiina per troppo, quindi conta di fare avanti e indietro una volta ogni 3-4 mesi, una follia
2) se hai problemi a livello psicologico, andare in un paese lontanissimo dai tuoi affetti, dove nessuno parla inglese e non parli la lingua e dove gli psicologi costano un sacco non è una cosa saggia. Questa cosa di pensare che andando in Giappone i tuoi problemi mentali spariranno è molto comune tra gli americani che fanno il JET, e finiscono tutti o per mettersi nei casini o per tornare dopo poco a casa peggio di prima

Io ho vissuto in Giappone per due anni, non per mia scelta ma per motivi lavorativi, e non è affatto il paese dei balocchi. Certo, è veramente un posto pulito, tranquillo e la gente è tendenzialmente perbene, ma ha una burocrazia a livello di quella italiana se non peggiore, i giapponesi sono un popolo di autistici che sotto la scusa della "cultura differente" ha comportamenti estremamente maleducati e privi di empatia e mille altri problemi. Oltretutto le belle cartoline dei viali con i ciliegi in fiore e le stradine con le casette di legno non sono comuni se sei in una metropoli come Tokyo, dove c'è praticamente solo cemento ed ecomostri.

 No.22144

>>22122
Io conosco uno che aveva messo su famiglia in giappone. questa persona ad una certa purtroppo s'è ammalata e i costi della sanità per le cure stavano rischiando di mandare in bancarotta la famiglia e quindi la moglie lo ha lasciato e gli impedisce anche di vedere i figli. Lui ora è in Italia e si sta curando qui dove non deve uccidersi per pagarsi le cure.

 No.22146

>>22122
Ovvio che è un coglione, è una cultura troppo diversa dalla nostra, tanto tornano perché entrambi sono immaturi ma poi lui ha la fortuna di avere un buon lavoro in italia, al massimo si sposta in svizzera

 No.22147

Scusate se interrompo

 No.22148

File: f.png (20,08 KB, 864x679)

File: owari da.gif (32,53 KB, 640x640)


 No.22149

>>22148
Tutto ha un inizio e anche una fine, la fine è partita dal terremoto del 2011 con la merda radioattiva che è uscita da Fukushima

 No.22152  SALVIA!

>>22147
sappiamo tutti chi è lo psichiatra

 No.22273

File: ClipboardImage-1713213988.png (2,1 MB, 1536x2048)

Perché i gaijin sono così?

 No.22275

>>22273
>il negro è in fila come una persona civile
Anche il giappone è perduto, è davvero finita.

 No.22278

>>22273
Lmao, fanculo ai cipanghesi e tutti i popoli che adorano stare in fila, io sono italiano quindi salto la fila andando direttamente all'inizio e nessuno mi ha mai detto un cazzo

 No.22322

File: metro cipango.mp4 (5,5 MB, 1080x1920)

Se solo sapesse quanto male diventeranno le cose

 No.22323

>>22322
Che disagio. Non mi stupisco che in giappone le persone non socializzano, non scopano e si suicidano come se fosse antani

 No.22324

>>22322
Penso che non abbia mai preso una metro in vita sua, pure in Italia ti può benissimo capitare lo stesso, basta che non sia orario scolastico o periodo vacanziero. Che tristezza sti video e i fessi che abboccano

 No.22329

>>22322
La differenza tra un paese civilizzato e uno dove troie e maranza fanno bordello 24/7

 No.22348

La differenza della solitudine in Giappone rispetto all'occidente



[Torna in cima] [Catalogo] [Torna][Invia una Risposta]
Elimina post [ ]
[ home ] [ indice ] [ b / s / x / hd / 420 ] [ aco / v / cul / yt / ck / mu / pol ]